QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il prossimo autunno, crede l’immunologo, il prossimo colpo di corona

Notizia

Secondo l’immunologo Willem van Eeden dell’Università di Utrecht, il prossimo autunno è il primo momento logico per un nuovo ciclo di vaccinazioni contro il coronavirus. Dal momento che il virus circola ancora abbastanza, una nuova vaccinazione prima non ha senso, dice.

Venerdì saranno esattamente due anni da quando la prima vaccinazione contro il coronavirus è stata somministrata nei Paesi Bassi. È stato a Vigil, dove Sana Al-Qadri, dipendente della casa di riposo, è stata vaccinata con il vaccino Pfizer. I Paesi Bassi sono stati l’ultimo paese dell’UE a iniziare la vaccinazione. Da allora, quasi 12,5 milioni di persone hanno effettuato uno o due tiri al primo turno. Lo scorso autunno, le persone potrebbero ricevere un vaccino di richiamo. Vi hanno partecipato poco più di 4 milioni di persone.

Queste iniezioni ripetute funzionano meglio contro la variante omikron del virus, che ora circola principalmente. In generale, i vaccini proteggono particolarmente bene da malattie gravi dopo l’infezione da virus. La variante corona di Omicron è meno patogena delle varianti precedenti. Poiché un numero relativamente elevato di persone è ora infetto dal virus Corona, esiste una grande immunità di gregge, in parte alla luce del round di vaccinazione dello scorso autunno. Ecco perché la nuova vaccinazione di questo inverno non ha molto senso, dice van Eeden.

significativo

Tuttavia, quando il clima si fa più caldo, è meno probabile che le persone si infettino a vicenda. Spiega che allora la resistenza al virus tra la popolazione diminuirà. Il prossimo autunno, la stagione in cui le persone diventano di nuovo più suscettibili alle malattie infettive, potrebbe esserci un’altra ondata di casi. L’immunologo dice che un nuovo ciclo di iniezioni avrebbe senso.

READ  Un nuovo esame del sangue rileva piccole tracce di cancro al seno in fase iniziale nelle pazienti

Forse una tale campagna stagionale sarebbe vantaggiosa ogni anno, afferma van Eeden. Rispetto agli anziani che contraggono l’influenza ogni anno. Ad oggi, circa un terzo delle persone idonee alla recidiva l’ha già avuta. Pensa che non sia molto. Tuttavia, pensava che il giro di iniezione avesse un senso. Gli ospedali sono ancora molto occupati. Se meno persone avevano bisogno di cure ospedaliere a causa della campagna di vaccinazione, dice van Eeden, era già efficace.