QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il rapitore di ostaggi (27) muore per le ferite riportate all’Apple Store di Amsterdam

© EPA-EFE

L’uomo che martedì sera ha tenuto in ostaggio un cliente per ore è morto per le ferite riportate in un Apple Store di Amsterdam. Questo è ciò che l’avvocato Jan Kis van den Brink ha detto a NOS e al quotidiano Het Parool su richiesta della madre dell’uomo. Vari media olandesi hanno riferito che il rapitore era stato in contatto con la legge diverse volte in passato.

Il 27enne è stato ferito martedì notte da una squadra di arresto della polizia olandese dopo essere stato tenuto in ostaggio per ore in un negozio Apple a Leidsplein ad Amsterdam. l’uomo che Albarol Abdul Rahman A. È morto mercoledì sera per le ferite riportate. L’avvocato Jan Kis van den Brink lo conferma, secondo NOS. L’avvocato ha annunciato la morte su richiesta della madre del rapitore.

“Non è più facile da raggiungere e da allora è morto”, afferma van den Brink. L’avvocato A ha assistito molte volte in procedimenti penali in passato. E poiché un. Non era cosciente, non poteva ancora chiedere un avvocato. Van den Brink sostiene quindi di parlare a nome della madre di A. e non del suo ex cliente.

“La famiglia spera che vengano lasciati soli e che la loro privacy venga rispettata”, ha detto.

Leggi anche. Catturato da un agente di allerta e interferito senza permesso: ecco come è avvenuto il violento sequestro di ostaggi all’Apple Store di Amsterdam

Secondo Het Parol, Abd al-Rahman A. In frequente contatto con la legge negli ultimi anni. La sua ultima condanna risalirà al maggio dello scorso anno. Fu quindi costretto a comparire in tribunale sostenendo di aver inviato alla sua ex ragazza lettere contenenti immagini pornografiche, suggestive, umilianti e degradanti. Ha quindi ottenuto un ordine di servizio alla comunità di 60 ore, una pena detentiva con sospensione della pena di un mese e un divieto di contatto di tre anni. Il sindaco di Amsterdam, il pubblico ministero e la polizia hanno anche annunciato che il 27enne aveva precedenti penali in relazione alla legge sulle armi e le munizioni. Maggiori dettagli su questo non sono ancora noti.

Inoltre, l’uomo mostrerebbe regolarmente un comportamento disorientato e avrebbe una storia con i servizi di emergenza di Amsterdam.

Notizie RTL Nel frattempo, ha anche riferito che l’uomo in questione lavora come servizio di consegna presso la catena di supermercati Albert Heijn. Avrebbe anche guidato dal supermercato all’Apple Store e parcheggiato lì davanti all’ingresso.

Alla fine di martedì pomeriggio, Abd al-Rahman A., vestito con una tuta mimetica che conteneva esplosivi, è entrato nell’Apple Store di Leidseplein con due armi da fuoco. Ha sparato almeno quattro colpi alla polizia che ha risposto alla denuncia di rapina e poi ha puntato una pistola alla testa di un cliente bulgaro di 44 anni nel negozio.

(sgg)

READ  Pessimo antiquariato per l'Europa e soprattutto per la Francia