QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il regista lascia Tesla al suo partner Siham Al-Kawakibi in …

Il direttore ad interim Anime Moynez ha confiscato una Tesla usata da Erika Chuan Nguyen, partner di Let’s Go Urban Siham Al-Kawakibi. L’auto da 30.000 euro è di proprietà di A Woman’s View, che ha debiti con LGU.

L’auto era pronta per la vendita dal proprietario del garage. La direzione Anime Moynes ha appena fermato tutto questo. La sua auto è stata confiscata e posta sotto custodia, chiamata anche prenotazione sicura.

Quest’ultimo era apparentemente necessario, secondo il funzionario, perché in caso di sequestro il veicolo potrebbe essere ancora alla guida. Ciò aumenta il rischio di danni e quindi una diminuzione del valore dell’auto. Questo è il motivo per cui ha bussato alla porta del giudice, che ha deciso di mettere Tesla in custodia cautelare. L’auto è ora conservata in modo sicuro.

Moynes conferma ai miei redattori Gazette Van Antwerp L’auto è stata sequestrata. Tesla è registrata presso Arrows Al Kawakibi, A Woman’s View. Con la possibilità di vendere l’auto è possibile un rimborso di circa 30.000 euro che l’azienda deve ancora pagare a LGU.

La cucina è all’asta

Amministratore La scorsa settimana ha presentato istanza di fallimento della LGU. Spetta ora al tribunale dichiarare fallimento o meno giovedì e nominare una guardia.

La scorsa settimana, i mobili della LGU sono stati rimossi dal centro urbano, la base principale di questa organizzazione giovanile, su richiesta di Moens. In caso di fallimento, questi mobili verranno venduti per poter risarcire i creditori, come i dipendenti della LGU.

Anche il fiduciario di Point Urbain – di cui Al Kawakibi è comproprietario e che ha gestito il sito per l’evento JJ House – ha iniziato a vendere mobili lì. A partire dal 1 giugno i mobili saranno venduti al pubblico online. La cucina industriale, che costa circa 30mila euro ed è stata pagata con i soldi del sostegno alla LGU, dovrebbe portare più soldi.

READ  Connor Russo risponde alle critiche e difende più di...

È interessante notare che la cucina, tra le altre cose, è ora venduta in bancarotta di Point Urbain, quando era già di proprietà di LGU. Il direttore della LGU ha avviato un procedimento in tribunale su questo argomento. Tuttavia, solo a settembre il giudice determinerà se questa cucina è effettivamente di proprietà della LGU. Se questo è il caso, gli infissi vengono abbandonati in modo che l’organizzazione non profit possa “scaricare” la cucina. Quindi verrà utilizzato per pagare i creditori della LGU.

In attesa del giudizio a settembre, è stato stipulato un accordo con il fiduciario di Point Urbain per vendere i beni che la LGU sostiene di avere in quote separate. Se il giudice stabilisse, tra l’altro, che la cucina apparteneva effettivamente alla LGU, il ricavato della vendita andrebbe all’organizzazione no profit.