QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il richiedente asilo (17) con diabete non ha accesso all’insulina la sera

Un diciassettenne con diabete che non ha accesso all’insulina. È un richiedente asilo ed è curato in un centro di accoglienza di emergenza. Il frigorifero condiviso per l’insulina è in una stanza che viene chiusa a chiave ogni notte. Il ragazzo comunque non sa quanta insulina iniettarsi: nessuno gli dice quanti carboidrati ci sono nei suoi pasti. A breve termine, il ragazzo è a rischio di livelli di zucchero nel sangue pericolosamente bassi o alti. E a lungo andare, fluttuazioni estreme della glicemia danneggiano i vasi sanguigni, gli occhi e il cuore.

La crisi dell’asilo sta distruggendo la salute dei bambini, secondo la Foundation for the Experience Center for New Children and Adolescents nei Paesi Bassi (Ekann). Non c’è una buona assistenza di base nei rifugi di emergenza, le autorità hanno una scarsa visione dei bambini che hanno bisogno di cure e i medici stanno perdendo i pazienti a causa dei trasferimenti.

Il ragazzo diabetico è uno dei diciassette bambini rifugiati dai quali Icahn ha ricevuto un rapporto quest’anno. Consiglio norvegese per i rifugiati Concesso l’accesso ai rapporti anonimi.

“Questa è la punta dell’iceberg”, afferma Sarah Sahba, MD, pediatra e vicedirettore di Ekann. “Siamo stati messi a terra questa primavera. I medici non sanno ancora dove trovarci tutti”. I medici possono chiedere consiglio a Ekann o riferire che qualcosa è andato storto nella cura dei bambini rifugiati.

Sette dei 17 rapporti riguardavano bambini in rifugi di emergenza: chiese, navi da crociera, edifici commerciali e palazzetti dello sport. Lì l’assistenza medica è sotto pressione, come ha scritto ad agosto l’Ispettorato per la salute e la gioventù: “A volte l’assistenza è limitata agli aiuti di emergenza. Ciò è inferiore alle normali cure mediche a cui tutti hanno diritto”.

READ  Un nuovo incubatore di biotecnologie dovrebbe fornire futuri vaccini e immunoterapie

Cura frammentata

Nei normali centri per richiedenti asilo, l’assistenza medica è fornita dall’Health Asylum Seekers (GZA). Dal GGD, la Youth Health Care (JGZ) effettua una visita medica iniziale di bambini e giovani e valuta se è necessario un aiuto medico o psicologico.

L’assistenza è frammentata nei siti di accoglienza di emergenza di crisi. Il COA organizza le cure lì con enti come il GZA, i medici generici della regione o attraverso l’agenzia di distaccamento Arts en Specialist.

A volte i medici distaccati non hanno l’autorità o le risorse per fornire un’assistenza di qualità, afferma Sahba van Icahn. Hanno un accesso limitato ai sistemi ICT e alle cartelle dei pazienti. Sahba: Se non puoi fare riferimento o diagnosticare, non puoi fare nulla come medico. Quindi semplicemente non puoi aiutare le persone che hanno bisogno di cure.

Poiché le cure non corrispondono, i bambini si mettono nei guai

Arco Albertino Fondatore Ekann

Questo porta a situazioni pericolose. Icahn ha ricevuto una segnalazione di una bambina di sei anni con insufficienza renale che era già stata spostata tre volte tra rifugi di emergenza. Non controllato. Al centro medico, un medico ha diagnosticato alla ragazza la pressione alta. Il danno renale e l’ipertensione possono rafforzarsi a vicenda. La bambina avrebbe dovuto essere visitata immediatamente da uno specialista, ma il medico non è stato in grado di indirizzare la ragazza. Se l’ipertensione e l’insufficienza renale non vengono trattate per lungo tempo, gli organi possono essere danneggiati.

Vacilla anche l’assistenza sanitaria per i giovani. È difficile per il GGD vedere tutti i bambini nel rifugio di emergenza per la discussione e l’esame, perché i bambini spesso tornano a casa, dice il portavoce. E non tutti i bambini sono iscritti a un COA, quindi creare un file è complicato.

READ  Perdi peso dopo le feste? Perché l'arancia è meglio del succo?

“È chiaro per noi che non c’è abbastanza conoscenza sulla salute dei bambini”, dice Sahba. “Non è chiaro a nessuno se ci sono bambini che hanno bisogno di cure in loco. Il COA non lo sa, il GGD non lo sa”.

Le condizioni di vita sono spesso antigeniche, soprattutto per i bambini bisognosi di cure. Icahn ha ricevuto la segnalazione di un bambino di tre anni affetto da una sindrome rara, che era stato ricoverato al pronto soccorso per sei mesi senza alcuna dieta speciale necessaria e attività quotidiane. Deterioramento del bambino fisicamente e mentalmente. Un altro bambino, di nove anni, è stato ricoverato in terapia intensiva in condizioni critiche dopo una settimana e mezza di malattia, ma non è stato successivamente dimesso perché le condizioni di vita nel ricovero erano inadeguate.

“I bambini che alloggiano in un centro di accoglienza ricevono le stesse cure degli altri bambini nei Paesi Bassi”, afferma un portavoce del ministero della Giustizia e della sicurezza, responsabile dell’accoglienza dei richiedenti asilo. “Le attuali sfide per ricevere asilo sollevano anche problemi nell’accesso all’assistenza sanitaria, ma in generale l’assistenza medica per i figli dei richiedenti asilo è garantita”.

Scompaiono dalla vista

Tra il 2015 e il 2020, i medici possono presentare una relazione alla Società Pediatrica Olandese (NVK) per un esame. Durante tale periodo sono pervenute 185 segnalazioni. Quando la ricerca si fermò, Sohba e Albertine Pao decisero di avviare Ekann. La Fondazione è finanziata da donazioni provenienti da fondi privati. Il ministero ha annunciato che al momento non ci sono piani per finanziare Ekann da parte del governo.

READ  I numeri del Corona virus per domenica 24 ottobre

In otto rapporti ricevuti da Ekann, i medici hanno riferito di aver perso i pazienti dopo che erano stati trasferiti. Questo accade anche nei centri per richiedenti asilo. Gli operatori sanitari hanno lottato con questo per anni, afferma Karolye Eli, presidente di NVK. “I bambini nei rifugi vengono monitorati e curati, ma possono essere presi in qualsiasi momento e poi scomparire dalla vista”.

Ekann aiuta i medici a trovare i bambini trasportati e a riavviare le cure. “È meglio non spostare affatto il bambino”, dice Sahba. Se il medico vuole impedirlo, può anche contattarci. È meglio organizzarsi con largo anticipo che ripulire le macerie dopo».

“Molte agenzie sono coinvolte con questo gruppo di bambini, ma poiché l’assistenza non è coordinata, i bambini cadono in un pasticcio”, afferma Albertine Pau. “Perché abbiamo l’assunzione da parte del GZA, l’assunzione da parte del JGZ e lo screening per la tubercolosi da parte del GGD? Vogliamo combinare queste misure”.