QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il rischio di diffusione di zoonosi dai Paesi Bassi è basso

Non è saggio tornare al caso di molti piccoli allevamenti. Lo ha affermato il professore di sanità Arjan Stegmann rispondendo alle domande dei parlamentari durante il dibattito su “Zoönoses in the Crosshairs”. Secondo il rapporto, il rischio di una pandemia dai Paesi Bassi è minimo.

Le zoonosi nel rapporto del visore sono state commissionate dai ministri di Medicare, Sport, Agricoltura, Natura e Qualità alimentare. I traduttori, esperti di Human and Animal Health Welfare, erano guidati da Henk Beekdam, che come medico dell’OMS ha avuto epidemie di SARS in Cina e influenza H5N1 in Cina ed Egitto. Stegeman è il vicepresidente del gruppo di esperti.

Spiegando il rapporto, Bekedam ha sottolineato che non è facile prevedere una nuova pandemia. Ecco perché un buon sistema di monitoraggio è così importante. Nel settore animale, questo è fatto molto bene nei Paesi Bassi. Questo potrebbe essere fatto molto meglio nell’assistenza sanitaria umana. Il monitoraggio e il reporting in tempo reale sono essenziali, in particolare da una prospettiva internazionale.

Mercati della fauna selvatica

Una serie di fattori critici si applicano alla pandemia causata dalle malattie zoonotiche. Questo è molto contatto con animali selvatici e molti animali e persone che sono stati insieme. Quindi i rischi sono maggiori nei paesi asiatici dove ci sono ancora mercati per animali selvatici nelle grandi città.

Sebbene ci siano molti animali e persone nei Paesi Bassi, a livello globale questa percentuale è solo dell’1% tra gli animali e persino più bassa tra gli umani. Ciò non significa che in Olanda non possa succedere nulla, ma il rischio è minimo.

READ  Merrill: "Come riconosco il meningococco B in mio figlio e come posso proteggerlo?"

miglioramenti nei Paesi Bassi

Il rischio è piccolo anche perché la situazione nei Paesi Bassi è notevolmente migliorata negli ultimi anni. Ad esempio, al suo apice c’erano 15 milioni di maiali in 135.000 allevamenti nei Paesi Bassi. Ora meno di 12 milioni in meno di 4.000 aziende. Ciò riduce il rischio di diffusione tra le aziende.

“Considerate tutte le regole che ora si stanno introducendo per il rinnovo a causa dell’azoto, tra l’altro, non si dovrebbe voler tornare a tante piccole imprese”, dice Stegeman. Aziende più grandi che sono distanziate meglio. Tuttavia, la malattia può persistere più a lungo in una grande fattoria. Quindi la biosicurezza interna è molto importante.

La vaccinazione è una soluzione migliore per l’influenza aviaria rispetto al confinamento forzato, ha sottolineato Stegeman nel corso della discussione su Rapporto. Tuttavia, i vaccini sviluppati finora non funzionano abbastanza bene nella pratica. Ma una nuova generazione è in arrivo con aspettative migliori.