QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il ritorno di Peter Sagan nel tour del Benelux dopo sette settimane: ‘Se vedo un’opportunità, la coglierò’ | Ciclismo

CiclismoOperazione al ginocchio, sconfitta per le partite e una nuova squadra. Questa era, nell’ordine, la notizia per Peter Sagan dal suo ritiro dal Tour de France l’8 luglio a Saint-Paul Trois Châteaux. Ma ora Sagan si sta dirigendo di nuovo. È tornato ieri nel tour del Benelux e continuerà fino alle finali della Coppa del Mondo e alla Parigi-Roubaix una settimana dopo. “È un bene che io stia correndo di nuovo.”




Potrebbe essere rimetterlo un po’. Vincere non è più una cosa naturale per Peter Sagan. Quest’anno ha vinto tappe del Giro di Catalogna, della Romandia e del Giro d’Italia. Anche Sagan è diventato un eroe slovacco e così è stato.

Aveva gli occhi puntati sulla nuova ottava maglia verde al Tour de France, ma le cose sono andate male. Prima c’è stato un incidente nella terza tappa, lo stesso incidente che ha costretto Caleb Ewan al ritiro. Poi ha colpito il ginocchio alla decima tappa, il giorno dopo il suo primo giorno di riposo. Solo un giorno dopo è venuto per primo a salutare il tour.

“Speravo di poter partecipare ai Giochi. Alla fine è stato pratico a Monaco”, afferma Peter Sagan. “Lì hanno fatto un ottimo lavoro”.

Sagan ha dovuto riposare per sette giorni dopo l’intervento. “Ho dato un’occhiata al tour. Ho avuto tempo per questo. Tadej Pojjakar ha fatto molto bene. Le aspettative erano alte. “

Quando Pogacar ha vinto il suo secondo round, Peter Sagan era già in Andorra. L’ho visto in sella alla sua mountain bike su Instagram e Twitter. Faceva parte di un allenamento in quota in vista dei suoi ultimi grandi obiettivi della stagione: i Mondiali di Lovanio e la Parigi-Roubaix.

READ  Tappa 17 al Giro: un viaggio di scoperta per l'esordiente Sega di Ala | Giro d'Italia 2021

© Foto Notizie

Ieri, dopo sette settimane di assenza di regate, Peter Sagan è tornato al via del Benelux Tour. “Meno male che sono qui. Mi aspetto una gara molto veloce, posso fare un duro lavoro qui. Vedo che sta tornando. Devo tornare presto in buona forma ora. Questo è importante dopo il mio periodo di allenamento in quota. “Sarà un mese lungo e molto veloce per i prezzi. Adesso vado da un ciclo all’altro. Dopo il Benelux correrò il Campionato Europeo, poi lo Slovakia Tour, poi i Campionati del Mondo e Paris Roubaix. Quelli sono i miei grandi obiettivi. Sono anche curioso di sapere fino a che punto potrò arrivare all’Europeo”.

Ha limitato le sue ambizioni nel tour del Benelux a: “Se vedo un’opportunità, la coglierò”. Non irrilevante perché è caduto (senza troppi danni) nella prima tappa ed è stato eliminato dalla classifica. Prima di recarsi agli Europei, utilizzerà il suo soggiorno in Belgio per esplorare il percorso della Coppa del Mondo di lunedì prossimo.

“Non ho familiarità con l’area intorno a Leuven e Overijs, e conosco anche i modi per visitare le Fiandre. Voglio anche immaginare la disposizione dei tour nella mia testa. Questo mi sembra importante”.

Sagan è diventato tre volte campione del mondo e punta al quarto titolo. Una settimana dopo, alla Parigi-Roubaix, correrà la sua ultima gara con BORA-hansgrohe. Prima di passare alla squadra francese TotalEnerges, dove ha firmato un contratto di due anni.

“Ho viaggiato nella squadra italiana della Liquigas. Dan Tinkoff, che era più internazionale e più aperto. Sono al Bora, una squadra tedesca, da cinque anni. Sono curioso della mia nuova esperienza con una squadra francese. Come sarà che lavoro? Te lo dico l’anno prossimo.”

ANNP

© ANP

Leggi anche: “Mi riderai in faccia adesso?”: Evenbühl arrabbiato con Vermeersch, Merler vince l’apertura del tour del Benelux