QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il rover persistente della NASA raccoglie i pezzi del puzzle della storia di Marte

Nella roccia sono visibili due fori, soprannominati “Rochet”, da cui la sonda della NASA ha prelevato i suoi primi campioni di carota.


Foto: NASA/JPL-Caltech

La sonda Pre-Mars della NASA ha raccolto con successo i suoi primi campioni di roccia e gli scienziati stanno già iniziando a ottenere nuove informazioni sull’area. Dopo aver raccolto il primo campione, chiamato “Montdenier”, il 6 settembre, il team ha raccolto un secondo campione, “Montagnac”, dalla stessa roccia l’8 settembre. L’analisi delle rocce campionate da Montdenier e Montagnac e un tentativo di campionamento precedente del rover potrebbe aiutare il team a costruire una cronologia del passato dell’area, che è stato caratterizzato da attività vulcanica e periodi di acqua stagnante.

“Le nostre prime rocce sembrano rivelare un ambiente sostenibile e potenzialmente abitabile”, ha affermato Ken Farley della Caltech, uno scienziato del progetto per la missione, guidata dal Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA nel sud della California. “È molto importante che l’acqua rimanga lì per molto tempo”. Le rocce che hanno fornito i primi campioni di carota per la spedizione sono di composizione basaltica e potrebbero essere state il prodotto di colate laviche. La presenza di minerali cristallini nelle rocce ignee è particolarmente utile per la datazione radioattiva. L’origine delle rocce ignee può aiutare gli scienziati a determinare la data esatta della loro formazione. Ogni mostro può far parte di un puzzle temporale più ampio; Disponili nell’ordine corretto e gli scienziati avranno una cronologia degli eventi più importanti nella storia del cratere.

Alcuni di questi eventi includono la formazione del cratere Jezero, la creazione e la scomparsa del lago Jezero e cambiamenti nel clima del pianeta nel lontano passato. Inoltre, in queste rocce si trovano sali. Questi sali potrebbero essersi formati quando le acque sotterranee scorrevano attraverso di loro e i minerali originali nella roccia sono cambiati, o più probabilmente quando l’acqua liquida è evaporata e ha lasciato i sali dietro. I minerali della salamoia nei primi due nuclei rocciosi potrebbero anche aver intrappolato minuscole bolle dell’antica acqua marziana. Se presenti, potrebbero fungere da capsule temporali microscopiche, fornendo indizi sul clima passato e sull’abitabilità di Marte. I minerali di sale sulla Terra sono anche noti per la loro capacità di preservare i segni della vita antica.

READ  Questa app verifica se il tuo telefono è ancora impermeabile e funziona davvero

Il team di scienze della persistenza sapeva già che il cratere era pieno di un lago; Quanto tempo era più incerto. Gli scienziati non hanno potuto escludere la possibilità che il lago Jezero sia stato un “fuoco nella padella”: le acque alluvionali, ad esempio, hanno riempito rapidamente il cratere da impatto e si sono prosciugate in un periodo di 50 anni. Ma il grado di cambiamento che gli scienziati vedono nelle rocce da cui vengono prelevati i campioni di carota, così come nella roccia su cui il team si è concentrato nella loro prima raccolta di campioni, suggerisce che le acque sotterranee potrebbero essere presenti da molto tempo.

Questa acqua sotterranea potrebbe essere stata collegata al lago che un tempo esisteva a Jezero, o potrebbe essersi spostata attraverso le rocce molto tempo dopo che il lago si era prosciugato. Sebbene gli scienziati non siano ancora in grado di determinare se l’acqua che ha trasformato queste rocce sia esistita decine di migliaia o milioni di anni fa, sono più sicuri che sia esistita abbastanza a lungo da rendere l’area più adatta alla vita microscopica in passato. “Questi campioni sono di grande valore per le future analisi di laboratorio sulla Terra”, ha affermato Mitch Schulte del quartier generale della NASA, scienziato del programma di missione. “Un giorno potremmo essere in grado di determinare la sequenza e i tempi delle condizioni ambientali che spiegano i minerali in questa roccia. Questo aiuterà a rispondere alla grande domanda scientifica sulla storia e la stabilità dell’acqua liquida su Marte”.

Prossima fermata, “Sud Sete”.

Perseverance sta attualmente esaminando il fondo del cratere alla ricerca di campioni che possano essere riportati sulla Terra per rispondere a domande profonde sulla storia di Marte. I mostri promettenti sono racchiusi in tubi di titanio che il rover porta nel suo scafo, dove verranno conservati fino a quando Perseverance non li lascerà cadere per essere recuperati in una missione futura. La perseveranza probabilmente creerà più “depositi” più avanti nella missione, dove lascerai cadere campioni per una futura missione da portare sulla Terra. Avere uno o più magazzini aumenta la possibilità che mostri particolarmente preziosi arrivino sulla Terra.

READ  Facebook inizia a lanciare negli Stati Uniti la funzione di sale sonore dal vivo simile a una Clubhouse - IT Pro - Notizie

Il prossimo punto di campionamento per la perseveranza è a soli 200 metri di distanza a “South Sittah”, una cresta ricoperta di dune, massi e frammenti di roccia che Farley paragona a “piatti rotti”. Il carotaggio recente del rover rappresenta probabilmente uno degli strati rocciosi più piccoli sul fondo del cratere Jezero. D’altra parte, è probabile che South Séítah sia molto più antico e darebbe al team scientifico una cronologia migliore per comprendere gli eventi che hanno modellato il fondo del cratere, incluso il lago. All’inizio di ottobre, tutte le missioni su Marte cederanno il comando della loro navicella spaziale per diverse settimane, una precauzione durante un periodo chiamato congiunzione Marte-solare. È probabile che la perseveranza non abbia cominciato a scavare a sud di Sitah fino a qualche tempo dopo quel periodo.

Fonte: NASA