QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il settimo generale russo muore in guerra

Alti ufficiali russi stanno ancora morendo in Ucraina. Il tenente generale Yakov Rezantsev sarà già il settimo.

Il tenente generale russo Yakov Rezantsev sarebbe stato ucciso venerdì in un attacco ucraino all’aeroporto di Chernobyka vicino alla città di Kherson. Lo ha affermato il ministro della Difesa ucraino. Non vi è alcuna conferma indipendente della morte di Rezantsev.

In un precedente attacco alla stessa base aerea, si diceva che anche il tenente generale Andrei Mordvichev fosse stato ucciso il 18 marzo.

Yakov Rezantsev era il comandante del 49° battaglione del distretto militare meridionale della Russia. Si diceva anche che fosse attivo nella guerra in Siria. È stato promosso primo tenente solo l’anno scorso.

Rezantsev sarebbe stato il settimo generale russo a morire in guerra, ed era un sottotenente. Oltre ai generali furono uccisi anche tutta una serie di altri ufficiali di alto rango. La Russia ha finora confermato la morte del generale Andrei Sikovitsky (41a divisione), colpito da un cecchino.

La morte dei Sette Generali in un buon mese di guerra è tanta. In confronto, durante i 20 anni di guerra in Afghanistan, gli Stati Uniti hanno perso un generale e poi un altro a causa di un attacco a una base militare.

giovani reclute

Inoltre, secondo le stime occidentali, una ventina di generali sono stati inviati in Ucraina per guidare le operazioni militari, il che significa che un quarto di loro è già stato ucciso.

Secondo la stessa fonte, il fallimento delle comunicazioni elettroniche in particolare lascerebbe i generali vulnerabili ad attacchi mirati di cecchini volti ad eliminare il personale militare di alto livello. I russi hanno problemi con il loro sistema telefonico sicuro ERA e quindi a volte ricorrono ai normali telefoni con schede SIM ucraine. Questi messaggi sono facilmente intercettati e trasmessi all’esercito ucraino.

READ  Più di 1.000 infortuni in Australia per la prima volta | All'estero

Ma ciò che gioca anche un ruolo importante è che i generali devono guidare in prima linea perché l’esercito di 200.000 è composto principalmente da giovani reclute, che non sempre sanno cosa fare. Molti soldati inoltre non sapevano in anticipo che stavano andando in guerra e avevano poca motivazione. Ma questo espone gli stessi generali a maggiori rischi.

L’ex generale americano David Petraeus – comandante in capo dell’esercito americano e direttore della CIA dal 2011 al 2012 – ha detto alla Galileus Web che è stato “estremamente straordinario” la morte di un generale al fronte. Indica anche la difficoltà della questione e i canali di comunicazione interrotti.

Quando un leader deve dirigere una colonna, le cose vanno facilmente storte. Una colonna si ferma e nelle retrovie un generale nella sua auto blindata è impaziente. Gli ufficiali minori non osano prendere decisioni, quindi i generali fanno un passo avanti per vedere cosa sta succedendo. “Gli ucraini hanno cecchini molto, molto bravi che aspettano di essere eliminati uno per uno”, spiega Petraeus.