QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il sindaco di Londra Sadiq Khan fa appello al governo

Dopo due anni di negazionismo, ora dobbiamo affrontare la dura verità: la Brexit non funziona. In un discorso a Qasr al-Bayt, sua residenza ufficiale e cuore finanziario della capitale e del Paese, Sadiq ha affermato che l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea “ha indebolito la nostra economia, diviso la nostra unione e offuscato la nostra reputazione”.

La realtà è che la City, la potenza finanziaria di Londra, è “gravemente colpita dalla perdita di affari e talenti” a favore di altri centri europei come Parigi e Amsterdam, ha affermato il sindaco di Londra. Inoltre, circa 80.000 lavoratori migranti europei hanno lasciato il Regno Unito, il che sta interessando i settori alberghiero, alberghiero e delle costruzioni. “Il numero di imprese nella nostra città che affrontano una carenza di manodopera è salito a 7 su 10”, ha affermato.

Avvicinarsi al mercato europeo

Tuttavia, non tutto è perduto, crede Khan. Parte del danno derivante dalla Brexit potrebbe ancora essere invertito se le regole per il commercio con l’Europa fossero trattate con maggiore flessibilità. “Abbiamo bisogno di un maggiore allineamento con i nostri vicini europei: un cambiamento in questa Brexit estrema e dura”, afferma, che include “una discussione pratica sui vantaggi dell’adesione a un’unione doganale e a un mercato interno”. Con questo, Khan entra in conflitto con il leader del suo partito e leader dell’opposizione Keir Starmer, che non vuole sapere del rientro nel mercato europeo.

Il sostegno alla Brexit è ai minimi storici attraverso la Manica: meno di un terzo dei britannici pensa che sia stata la decisione giusta, secondo un sondaggio YouGov di novembre.

READ  Valle del Panshir, l'ultima roccaforte che ha respinto i talebani...