QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il sistema immunitario del naso reagisce all’aura in modo diverso da come il sistema immunitario reagisce al sangue

Dallo studio delle proteine ​​spike agli studi sulla coagulazione del sangue in COVID-19, l’arrivo di un nuovo virus ha suscitato molta ispirazione tra gli scienziati. “Iniziative di ricerca sono nate in tutta la LUMC. Poiché molti studi separati non sempre portano benefici al paziente, si è deciso di collegare tra loro gli studi LUMC. Questo rende anche i risultati di ogni singolo studio molto più facili da interpretare”, spiega la leader del progetto e internista Anna Rockins.

Ambiente unico

Sotto il nome BEAT-COVID, 13 dipartimenti della LUMC hanno lavorato insieme negli ultimi due anni per comprendere meglio il coronavirus e la nostra risposta del sistema immunitario. Ciò che è unico è che in ogni studio sono stati utilizzati materiali degli stessi pazienti. Roukens: “Abbiamo raccolto materiale di base, come il sangue, da pazienti che erano in LUMC con COVID-19. I dipartimenti affiliati hanno ricevuto questi campioni tre volte alla settimana. Ognuno ha svolto le proprie ricerche, dagli ematologi ai parassitologi e dal personale di terapia intensiva. Per virologi. Ciò ha portato naturalmente a molte analisi e dati. I primi risultati del team BEAT-COVID sono stati ora pubblicati in l’immunità della natura

immunità locale

Gran parte della ricerca sul coronavirus si concentra sulle cellule immunitarie nel nostro sangue. Il parassitologo Simon Jochems afferma di non aver mai visto prima negli esseri umani come il sistema immunitario locale nel naso sia cambiato a causa del COVID-19. Dopo il confronto tra pazienti affetti da COVID-19 e persone sane, Jochems e i suoi colleghi hanno visto che il coronavirus ha un forte effetto sul sistema immunitario del naso e che questo persiste a lungo. Ad esempio, con il gruppo di Mirjam Heemskerk, due mesi dopo l’infezione, le cellule della memoria per il coronavirus sono ancora presenti nel naso. Queste cellule possono prevenire una seconda infezione o farti ammalare meno.

READ  L'Organizzazione Mondiale della Sanità avverte: "La prossima pandemia sarà causata dagli insetti. Il pericolo si allarga"

vaccinazione nasale

Sebbene sia ancora in futuro, Jochems ritiene che questa conoscenza renda interessante studiare i vaccini locali, ad esempio nel naso. Vediamo che il coronavirus fornisce l’immunità locale. Possiamo imitarlo vaccinando anche le persone a livello locale. Sono già in corso studi sul vaccino corona nasale e negli Stati Uniti il ​​vaccino antinfluenzale è usato da anni nei bambini”, afferma Jokims.

Questi risultati aiutano anche a sapere quali gruppi hanno maggiori probabilità di sviluppare infezioni respiratorie. “Se siamo in grado di identificare questi gruppi, in futuro potremmo scegliere di vaccinare queste persone in modo profilattico per evitare il ricovero”, afferma Hermelin Smits, professore di immunomodulazione attraverso interazioni simbionte-ospite.

rompere i confini

È unico che ricercatori di molti campi diversi lavorino insieme. “Mentre i dipartimenti di solito fanno le proprie ricerche, ora abbiamo visto che la crisi ha violato determinati limiti”, afferma Smits. “È stato divertente da fare e ti lascia sicuramente desiderare di più.” Ad esempio, i dipartimenti di Roukens e Jochems assumeranno congiuntamente uno studente di dottorato e tutti i tipi di idee sono già sullo scaffale per portare avanti la ricerca tra i dipartimenti.

A cura di: National Care Guide