QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il sospetto omicidio dell’ex primo ministro giapponese Shinzo Abe era un ex marine e l’unico che per primo ha pianificato un attentato dinamitardo | Shinzo Abe è morto

L’agenzia di stampa giapponese Kyodo, citando fonti coinvolte nelle indagini sull’attentato, ha riferito che l’uomo sospettato di aver ucciso l’ex primo ministro giapponese Shinzo Abe aveva inizialmente preparato un attentato. Il motivo per cui ha rinunciato a questo alla fine è sconosciuto. I vicini descrivono il sospettato come solo.

Tetsuya Yamagami, 41 anni, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco da Abe nella città di Nara venerdì. L’ex primo ministro si è rivolto agli elettori a nome del Partito Liberal Democratico al governo, in vista delle elezioni del Senato di domenica. Il sospetto ha usato un’arma da fuoco fatta a mano. La polizia ha trovato diverse armi da fuoco ed esplosivi nella sua abitazione.

Il sospetto ha detto alla polizia di aver fabbricato armi collegando tubi d’acciaio con nastro adesivo e altre parti che ha acquistato online, ha riferito la Japan Public Broadcasting Corporation. Non è chiaro se anche il proiettile sia stato realizzato a mano. Secondo i media giapponesi, il sospetto ha affermato che la sua arma potrebbe sparare sei proiettili contemporaneamente.

Arma Tetsuya Yamagami fatta in casa. © AP

Sabato, la polizia ha detto di aver trovato anche fori di proiettile in un cartello attaccato a un camion vicino alla scena della sparatoria. La polizia sospetta che provengano anche loro da Yamagami.

organizzazione religiosa

La polizia dice che l’uomo nutre rancore nei confronti di un’organizzazione religiosa a cui credeva appartenesse. Secondo Yamagami, sua madre ha fatto una “donazione molto grande” all’organizzazione, facendola fallire. “Mia madre è stata coinvolta in un gruppo religioso ed è stata insultata”, ha riferito l’agenzia di stampa Kyodo. La polizia non è ancora in grado di determinare di quale organizzazione si tratti. È in corso anche un’indagine sul motivo per cui ha scelto Abe come bersaglio. La polizia sta anche indagando se abbia agito da solo.

Separare

Yamagami viveva all’ottavo piano di un condominio con piccoli appartamenti. I vicini che hanno parlato con Reuters hanno descritto Yamagami, che è disoccupato e solitario, e non ha risposto quando gli è stato chiesto. È stato colpito da un vicino di casa di 69 anni pochi giorni prima dell’attacco ad Abby. “Ho detto ciao, ma mi ha semplicemente ignorato. Ha guardato il pavimento senza maschera. Sembrava nervoso”, dice. Mi sentivo invisibile. Sembrava che stesse per ottenere qualcosa”. Un altro vicino che ha avuto esperienze simili con il ragazzo: “L’ho visto un paio di volte e mi sono chinata in ascensore, ma non ha detto niente”, dice.

Il sospetto subito dopo l'attacco.

Il sospetto subito dopo l’attacco. © AP

ex marina

Secondo i media giapponesi, Tetsuya Yamagami era un ex membro della Marina giapponese. Un portavoce della marina giapponese ha confermato che un uomo con lo stesso nome è stato membro della Forza di autodifesa marittima giapponese dal 2002 al 2005, ma ha rifiutato di dire se il sospetto fosse il sospetto. “Durante il servizio, il personale dell’NSDF si addestra una volta all’anno con munizioni vere. Si occupano anche della manutenzione delle armi da fuoco”, ha detto a Reuters un alto ufficiale della Marina. “Ma dal momento che seguono gli ordini quando lo fanno, è difficile credere che ottengano ciò che hanno abbastanza conoscenza per fabbricare armi da soli.” Anche i soldati che “hanno prestato servizio per molto tempo non sanno come fabbricare armi da fuoco”.

Qualche tempo dopo aver lasciato la Marina, Yamagami si iscrisse a un’agenzia di reclutamento. Il quotidiano Mainichi ha riferito che alla fine del 2020 ha iniziato a lavorare come conducente di carrelli elevatori in una fabbrica a Kyoto. Tutto è andato bene lì fino a metà aprile, quando è stato assente senza permesso, e poi ha informato il suo capo che voleva dimettersi. Ha esaurito tutti i suoi giorni liberi e poi ha smesso di lavorare il 15 maggio.

Il sospettato dell’omicidio dell’ex primo ministro giapponese Shinzo Abe era un altro obiettivo

Quanto è eccezionale l’uccisione di un politico giapponese con una pistola?

Guarda anche:

READ  Niente più aree verdi in Spagna, Catalogna e Valencia...