QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il sostegno agli armamenti comincia a dare i suoi frutti sul fronte ucraino: “Lo slancio è finito” |  Notizie RTL

Il sostegno agli armamenti comincia a dare i suoi frutti sul fronte ucraino: “Lo slancio è finito” | Notizie RTL

Guerra con la Russia

Scritto da Tuyen van Sandijk·Ieri·Modificato: ieri

©Anatolia

Notizie RTL

L’Ucraina ha recentemente ottenuto un crescente successo nel colpire la Russia sul suo territorio. Ma anche nella direzione opposta, i missili russi continuano a causare danni. Questo fine settimana, ad esempio, si sono verificati morti civili a Dnipro e Vilnyansk. Nel frattempo, la battaglia sul fronte continua senza sosta, con un numero impressionante di vittime che cade ogni giorno. “L’Ucraina è sempre più capace di rispondere”.

Negli ultimi mesi lo slancio della battaglia con i russi è andato aumentando. Ciò era dovuto principalmente alla grave carenza di attrezzature e munizioni degli ucraini. Ora le carte sono state mescolate diversamente.

Recentemente, l’Ucraina ha ricevuto il permesso dai paesi occidentali di lanciare missili contro la stessa Russia, molto indietro rispetto al fronte. Inoltre, alla fine di aprile, il Congresso degli Stati Uniti ha approvato un pacchetto di armamenti pari a 57 miliardi di euro.

© RTL Notizie

Le armi ora hanno cominciato a fluire. Anche l’Europa contribuisce. Gli esperti della difesa ritengono che questo sostegno agli armamenti stia cominciando a dare i suoi frutti sul fronte ucraino.

Charkiv

La ragione del sostegno aggiuntivo è stata la minacciosa situazione dell’Ucraina nella regione nord-orientale di Kharkiv. Alla fine di maggio i russi vi aprirono un nuovo fronte. Circa 50mila russi si sono radunati al confine. Inizialmente l’avanzata ebbe successo perché diversi villaggi caddero in mano ai russi. L’esercito ucraino è stato costretto a inviare rinforzi, causando carenze altrove.

© RTL Notizie

“Il sostegno armato ha bloccato il fronte lì”, dice Patrick Boulder, uno specialista della difesa presso il think tank HCSS. “E a volte gli ucraini riconquistano terreno”.

READ  Kherson, Kyiv esplosioni, "nessun progresso" in un convoglio russo nella capitale: l'ottavo giorno di guerra

C’è una svolta? “Penso che sia esagerato”, dice l’esperto di difesa Peter Wijninga, anche lui affiliato all’HCSS. “Ma è chiaro che lo slancio è rallentato e che gli ucraini possono opporre maggiore resistenza”.

Chasev sì

Un altro luogo in cui i combattimenti continuano da molto tempo è l’Ucraina orientale, vicino a città come Kubyansk e Chasiv Yar. “Sembra che i russi stiano guadagnando terreno lì e stiano cercando di controllare quei posti”, dice Wijninga. Ma i russi stanno pagando un prezzo molto alto per questo.

Fonti ucraine parlano di più di mille vittime ogni giorno. Ciò riguarda i soldati morti e feriti. Wijninga: “In un mese questo numero raggiunge i 30.000 uomini. I russi stanno letteralmente gettando i soldati in battaglia come carne da cannone”.

Soldati ucraini al fronte vicino a Chasev Yar. © Oleg Petrasyuk/24a Brigata Meccanizzata Ucraina tramite AP
Soldati ucraini al fronte vicino a Chasev Yar.

“I russi sperano di indebolire gli ucraini e così fare progressi. Ma poiché così tanti russi stanno morendo, vedete che la qualità dei nuovi soldati sta diminuendo”.

Boulder conferma queste cifre in relazione al numero delle vittime e sottolinea che anche fonti oggettive come i decessi si avvicinano a queste cifre. Lui conferma che anche le perdite da parte ucraina sono grandi. “Ma sembrano avere più rispetto per i soldati”.

Nella zona intorno a Chasiv Yar, Boulder vede anche “piccoli successi tattici” per i russi. “Ma il problema è che i russi non sembrano in grado di attaccare in gran numero.”

Stallo al Sud

“Non c’è molto movimento nel sud in questo momento”, dice Wijninga. “Sembra che ci sia un vicolo cieco.” Boulder vede più azione in Robotyne. L’anno scorso gli ucraini hanno sfondato la linea di difesa e hanno ottenuto alcune conquiste territoriali. “Ma i russi si stanno lentamente tirando indietro”.

READ  Arrestato Andrew Tate commutato agli arresti domiciliari

Boulder sottolinea che si tratta solo di piccoli pezzi di terreno, paragonabili a “campi da calcio”. “Se si confronta la mappa di un anno e mezzo fa con quella di oggi, difficilmente si nota alcuna differenza”.

“Rimarrà stabile”

“Mi aspetto che nel prossimo futuro gli ucraini riescano a fermare meglio i russi con le spedizioni di armi e che riescano a contrastare l’avanzata russa degli ultimi due mesi”, dice Wijninga. Si prevede che anche l’Ucraina si prepari ad un attacco. “Ma ci vorrà del tempo e non me lo aspetto prima del prossimo anno”.

“Rimarrà sostanzialmente costante”, prevede Boulder. “I russi scaveranno di nuovo e ci sono mine ovunque”. Inoltre, si prevede che l’Ucraina si preoccuperà principalmente di come il Paese potrà “avvicinare ulteriormente la guerra alla Russia”. In questo modo significherebbe colpire più duramente il popolo russo e spezzargli così il morale. Si prevede inoltre che aumenteranno gli attacchi ai depositi petroliferi per esercitare pressione sulla produzione petrolifera.

L’Ucraina prevede di ricevere aerei F16 dall’Occidente quest’estate. Questi dovrebbero servire principalmente a supportare la difesa aerea. Boulder dice: Sembra che gli ucraini si stiano preparando a questo. “Vediamo che gli ucraini stanno cercando di eliminare le difese aeree russe con armi occidentali”.

Più audace: “Ma ci vorranno mesi prima di vedere una differenza significativa”.