QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il telescopio James Webb ha scoperto il primo pianeta al di fuori del nostro sistema solare, e sembra molto simile alla Terra

LHS 475 b: questo è il nome dato al primo pianeta extrasolare scoperto dagli scienziati utilizzando il telescopio James Webb. Sono stati i satelliti a rintracciare Kevin Stephenson e Jacob Lustig Yeager, entrambi leader dello studio della Johns Hopkins University, e i loro colleghi. Poi hanno usato il telescopio e hanno potuto “semplicemente” scoprire.

“Non c’è dubbio che il pianeta esista”, ha detto Lustig-Yaeger in un comunicato stampa della NASA. “I nuovi dati di WEBB lo confermano. E il fatto che sia un pianeta piccolo e roccioso lo rende molto impressionante per un osservatorio”. È anche notevole che la dimensione del pianeta sia quasi la stessa della nostra. Il suo diametro sarà il 99% del diametro terrestre. Il nuovo esopianeta è relativamente vicino alla Terra, a 41 anni luce di distanza, e si dice che appartenga al sistema Octant.

(continua a leggere sotto il tweet)

Questo contiene contenuti incorporati da una rete di social media che desidera scrivere o leggere cookie. Non hai dato il permesso per questo.

Secondo Mark Clampin, capo astrofisico della NASA, la scoperta apre le porte a “molte opportunità future per studiare altri pianeti rocciosi” utilizzando il telescopio Webb. “Webb ci sta avvicinando sempre di più a una nuova comprensione dei mondi simili alla Terra oltre il nostro sistema solare, e la nostra missione è solo all’inizio”.

Atmosfera

Il telescopio Webb è l’unico che può essere utilizzato per identificare esopianeti delle dimensioni della Terra. Anche l’atmosfera circostante può quindi essere mappata, anche se nel caso di LHS 475 b non è ancora chiaro cosa sia. “Ci sono alcune atmosfere simili alla Terra che possiamo escludere”, afferma Lustig-Yaeger. “Un’atmosfera densa, dominata dal metano, come quella della luna di Saturno, Titano, non può sostenerla”.

READ  Sette domande sulla variante delta: è più contagiosa, ma anche più pericolosa?

L’atmosfera di un pianeta è la somma dei gas che lo circondano. Nel caso della Terra, a volte ci si riferisce anche ad essa come all’atmosfera. Ogni pianeta del sistema solare ne contiene uno, ma gli scienziati suggeriscono che l’esopianeta scoperto potrebbe non contenerne un altro. Sebbene possa anche essere un’atmosfera di pura anidride carbonica. “È più compatto e più difficile da individuare”, afferma Lustig-Yaeger.

più caldo

Cos’altro hanno notato gli scienziati: l’esopianeta è di centinaia di gradi più caldo della Terra. Se si vedono le nuvole, il pianeta potrebbe assomigliare di più a Venere, un pianeta con un’atmosfera di anidride carbonica che è costantemente avvolta da dense nuvole. “Ma stiamo appena iniziando a guardare quei piccoli esopianeti rocciosi”, conferma Lustig-Yaeger. In futuro, le conoscenze acquisite consentiranno di conoscere più velocemente le atmosfere.

Ancora più sorprendente è che LHS 475 b orbita attorno alla sua stella in due giorni. È più vicino alla sua stella rispetto ai pianeti del nostro sistema solare, ma la stella nana rossa è calda meno della metà del sole. Quindi non è impossibile che anche questa stella nana abbia un’atmosfera.