QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il telescopio spaziale James Webb cattura questa bellissima immagine di “Halloween”.

Immagine: NASA, ESA, CSA, STScI, J. DePasquale (STScI), A. Pagan (STScI)

Questo non è uno spettacolo etereo di tombe dimenticate. E queste dita piene di fuliggine non si estendono. Pieni di gas e polvere, questi pennacchi “seppelliscono” formando lentamente stelle nel corso di diversi millenni. Il telescopio spaziale James Webb della NASA/ESA/CSA ha catturato questa spaventosa immagine piena di polvere dei Pilastri della Creazione nella luce del medio infrarosso, uno sguardo nuovo su un paesaggio familiare. Perché la luce del medio infrarosso evoca un’atmosfera così triste e inquietante nell’immagine del Mid-Infrared Instrument (MIRI) di Webb? La polvere interstellare copre la scena. Mentre la luce del medio infrarosso è specializzata nei dettagli della polvere, le stelle a questa lunghezza d’onda non sono abbastanza luminose per essere visibili. Invece, queste colonne di gas e polvere color piombo brillano ai bordi, tradendo l’attività all’interno.

Migliaia di stelle si sono formate in questa regione. Ciò diventa evidente quando si esamina la recente immagine di questo oggetto della telecamera nel vicino infrarosso (NIRCam) di Webb. La maggior parte delle stelle manca dall’immagine MIRI. perché? Molte stelle di nuova formazione non sono più circondate da polvere sufficiente per essere viste nella luce del medio infrarosso. Così Meri poteva vedere le giovani stelle che non si erano ancora sbarazzate del manto di polvere. Queste sono le sfere scarlatte sui bordi dei pilastri. D’altra parte, le stelle blu stanno invecchiando, il che significa che si sono liberate della maggior parte dei loro strati di gas e polvere. La luce a infrarossi medi eccelle nel rilevare gas e polvere nei minimi dettagli. Questo è anche inequivocabilmente chiaro sullo sfondo. Le aree più dense di polvere sono le sfumature di grigio più scure. L’area rossa in alto, che forma una strana lettera V, come un gufo con le ali spiegate, è dove la polvere si diffonde e diventa più fredda. Si noti che non sono visibili galassie di fondo: il mezzo interstellare nella parte più densa del disco della Via Lattea è così pieno di gas e polvere che nessuna luce lontana può attraversarlo.

READ  EA mostra un nuovo trailer per Apex Legends Mobile e rende disponibile la pre-registrazione - Giochi - Novità

Quanto è vasto questo paesaggio? Segui il pilastro superiore e atterra sulla stella rossa brillante che sporge come un manico di scopa. Questa stella e la sua polvere sono più grandi del nostro intero sistema solare. Questa scena è stata fotografata per la prima volta dal telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA nel 1995 e di nuovo nel 2014, ma molti altri osservatori globali hanno esaminato a fondo questa regione, come il telescopio Herschel dell’Agenzia spaziale europea. Ogni strumento avanzato fornisce ai ricercatori dettagli nuovi ed entusiasmanti su questa regione, che è praticamente traboccante di stelle. Con ogni osservazione, gli astronomi acquisiscono nuove informazioni e, attraverso la loro ricerca in corso, costruiscono una comprensione più profonda di questa regione di formazione stellare. Ogni nuova lunghezza d’onda della luce e ogni nuovo strumento fornisce informazioni sempre più accurate su gas, polvere e stelle, consentendo ai ricercatori di mettere a punto i loro modelli di formazione stellare. Grazie alla nuova immagine MIRI, gli astronomi ora hanno più dati nel medio infrarosso ad alta risoluzione che mai e analizzeranno misurazioni della polvere più accurate per creare una vista 3D più completa di questa regione remota.

Immagine: NASA, ESA, CSA, STScI, J. DePasquale (STScI), A. Pagan (STScI)

I pilastri della creazione si trovano nella vasta Nebulosa dell’Aquila, a 6.500 anni luce di distanza.

Webb è il telescopio più grande e potente mai lanciato nello spazio. In base a un accordo di cooperazione internazionale, l’Agenzia spaziale europea ha fornito il servizio di lancio del telescopio, utilizzando il veicolo di lancio Ariane 5. In collaborazione con i partner, l’ESA è stata responsabile dello sviluppo e della qualificazione delle modifiche di Ariane 5 per la missione Webb e dell’acquisto del servizio di lancio di Arianespace . L’ESA ha anche fornito lo spettrometro NIRSpec e lo strumento MIRI nel medio infrarosso, progettato e costruito da un consorzio di istituzioni europee finanziate a livello nazionale (MIRI European Consortium) in collaborazione con il Jet Propulsion Laboratory e l’Università dell’Arizona. Webb è una partnership internazionale tra la NASA, l’Agenzia spaziale europea e l’Agenzia spaziale canadese (CSA).

READ  Nintendo Switch anche sui giochi Ring Fit

fonte: ESA