QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il terzo uomo più ricco d’Australia si offre di chiudere le centrali elettriche a carbone | All’estero

Mike Cannon-Brooks (42) è la terza persona più ricca d’Australia. È conosciuto come un forte sostenitore del passaggio globale alle energie rinnovabili e come una voce molto decisa contro la politica climatica del suo paese. Nelle ultime settimane ha cercato di acquistare centrali elettriche a carbone australiane inquinanti con l’obiettivo di chiuderle. Doveva essere il più grande progetto di decarbonizzazione al mondo, ma è fallito.

Mike Cannon-Brooks ha co-fondato la società di software Atlassian con Scott Farquhar. I due sono spesso descritti come “miliardari inconsapevoli”. Dopo gli studi, volevano solo evitare di dover lavorare per alcune aziende IT come dipendenti alla loro startup. Quindi oggi sono miliardari.

L’incapacità del governo australiano di agire sull’inquinamento ambientale frustra Cannon Brooks. Quindi vuole fare qualcosa da solo. L’anno scorso ha promesso 313 milioni di euro del suo patrimonio personale alla causa del clima. Ha sponsorizzato organizzazioni senza scopo di lucro che lavorano per fermare il cambiamento climatico e ha investito in progetti che promuovono l’energia pulita. Canon Brooks può fare a meno di questi soldi: il suo capitale è stimato in oltre 15 miliardi di euro.

Il 19 febbraio, prova ad andare oltre. Insieme al gestore patrimoniale canadese Brookfield, ha fatto una nuova offerta per AGL, un’azienda elettrica australiana proprietaria di tre delle 16 centrali elettriche a carbone del paese. L’intenzione di Cannon-Brooks era di chiuderlo definitivamente, perché il governo australiano non voleva farlo da solo. Sostituirà quindi le centrali elettriche a carbone con centrali elettriche che utilizzano fonti di energia rinnovabile.

Miniera di carbone a Muswellbrook nella Hunter Valley. © AP

Ma AGL ha rifiutato l’offerta di 7,2 miliardi di dollari di Cannon-Brookes e Brookfield perché era troppo bassa. AGL ha anche ritenuto “irrealistici” i piani di Cannon-Brookes. Tuttavia, il ragazzo non si è arreso e ha continuato a negoziare. Il suo sindacato ha fatto un’offerta migliorata di 7,8 miliardi di euro venerdì scorso, ma anche questo non è stato sufficiente per AGL. Dopo il rifiuto, il miliardario ha twittato: “Con grande tristezza ora mettiamo la penna”.

Le centrali elettriche a carbone forniscono elettricità a basso costo e creano migliaia di posti di lavoro in Australia. Ecco perché Cannon-Brooks si è opposto al primo ministro australiano Scott Morrison. Ha affermato che la chiusura delle centrali elettriche a carbone entro il 2030 comporterebbe un aumento dei prezzi dell’elettricità. Canon Brooks ha negato. Secondo lui, il periodo di otto anni per la chiusura degli impianti era più lungo di quanto richiesto dalla legge e più che sufficiente per consentire al mercato di prepararsi ai cambiamenti. Milioni di clienti AGL non vivrebbero senza elettricità. La società si impegna ad acquistare energia elettrica dall’estero qualora la sua produzione non fosse sufficiente.

Mike Cannon-Brooks (al centro) con il fondatore di Atlassian Scott Farquhar (terzo da sinistra) nel 2015.

Mike Cannon-Brooks (al centro) con il fondatore di Atlassian Scott Farquhar (terzo da sinistra) nel 2015. © Reuters

READ  Le grandiose ambizioni di Wouter Beek: "Agiremo ...