QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il trapianto fecale è ancora lontano dall’essere efficace come trattamento per la malattia di Parkinson.  · Salute e scienza

Il trapianto fecale è ancora lontano dall’essere efficace come trattamento per la malattia di Parkinson. · Salute e scienza

Da dove viene questa notizia?

Il 4 aprile 2024, diverse fonti di notizie, tra cui VRT NWS (1) e… Standard (2) Il trapianto fecale migliorerebbe i sintomi della malattia di Parkinson. Questo è stato testato all'Università di Gent su 46 pazienti affetti dal morbo di Parkinson.

Durante lo studio, i pazienti hanno ricevuto trapianti fecali. Le feci vengono inserite attraverso un tubo nel naso e somministrate direttamente nell'intestino tenue. La metà ha ricevuto campioni di feci da persone sane senza malattia di Parkinson Altri batteri intestinali Include. L'altra metà ha ricevuto un trapianto fecale, considerato un placebo.

Dopo dodici mesi, i partecipanti che avevano ricevuto feci da un donatore sano hanno mostrato Migliorare i loro disturbi motori, come rigidità muscolare e tremori. Inoltre, lo avevano fatto Soffrono meno di stitichezza– Un disturbo comune nella malattia di Parkinson.

fonte

Come interpretare questa notizia?

Che rapporto c'è tra l'intestino e la malattia di Parkinson?

Lui lei Albume Scoprirai che provoca la malattia di Parkinson nel cervello (alfa-sinucleina). Anche nel nostro intestino. Se questa proteina si aggrega nel cervello, si manifesteranno i sintomi della malattia di Parkinson, come rigidità muscolare e tremori. In alcuni pazienti affetti da Parkinson vediamo anche la comparsa dei sintomi anni prima della comparsa dei sintomi tipici Disturbi intestinali Come la stitichezza. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che le proteine ​​si accumulano anche nel suo intestino. Non è ancora del tutto chiaro il motivo per cui ciò accade, ma la ricerca suggerisce che i batteri intestinali svolgono un ruolo (3, 4).

I ricercatori ritengono che le proteine ​​aggregate viaggino dall’intestino attraverso il nervo lungo, il nervo vago, fino al cervello, dove colpiscono il cervello. Accelerare l’incidenza della malattia di Parkinson. Ecco perché si sta studiando se la sostituzione dei batteri intestinali dei pazienti affetti da Parkinson con batteri sani, come in un trapianto fecale, potrebbe aiutare a rallentare la malattia e ridurne i sintomi (3, 4).

READ  Inemori: il pisolino giapponese che aumenta la tua produttività
Il trapianto fecale non è stato ancora dimostrato come un trattamento efficace

Esistono pochissime ricerche sul trapianto fecale come trattamento per la malattia di Parkinson e i risultati non sono chiari. Lo studio di Ghent Questo è il primo studio che ha seguito un numero leggermente maggiore di pazienti per un periodo di tempo più lungo, ma purtroppo non possiamo trarne alcuna conclusione significativa. Le ragioni di ciò sono:

  • Con solo 46 pazienti, 22 di loro hanno ricevuto il trattamento, e questo è uno Un piccolo gruppo di soggetti del test. Inoltre, il trapianto fecale è stato testato solo nei pazienti affetti da Parkinson Sotto i 65 anni, che non avevano la malattia di Parkinson in fase avanzata. Pertanto, non possiamo trarre conclusioni per tutti i pazienti con malattia di Parkinson.
  • Solo nel gruppo di trattamento Piccoli miglioramenti Visto dai sintomi motori. La differenza con il gruppo placebo non era molto grande. C'era anche molto Altri sintomi sono stati esaminati – come affaticamento, disturbi depressivi, disturbi della memoria – ma i pazienti trattati hanno registrato questi risultati non meglio. Al contrario: erano più stanchi del gruppo placebo.
    • La ricerca non dimostra che il trapianto fecale abbia causato miglioramenti. Ciò necessita di ulteriori indagini.
  • Anche se c'è Meno costipazione Nel gruppo trattato il miglioramento è stato molto piccolo impercettibile Era per i pazienti stessi. Il miglioramento era visibile solo sulle immagini mediche.
  • Questa indagine Non è dimostrato che un trapianto fecale possa rallentare la malattia. Ciò necessita di ulteriori indagini.
  • questo studio Sponsorizzato Da aziende farmaceutiche e altri. Sebbene lo studio affermi che non esiste conflitto di interessi, dobbiamo essere più attenti nell’interpretazione dei risultati (3).
READ  La chirurgia d'urgenza non è sempre necessaria per l'emorragia sottomeningea dopo un incidente

Concludiamo che questo studio è importante per la ricerca sul trapianto fecale nel trattamento della malattia di Parkinson, ma rimangono molte domande e il miglioramento di alcuni sintomi è piuttosto minimo. Là Sono necessarie ulteriori ricerche Per determinare se il trapianto fecale potrebbe davvero aiutare a curare la malattia di Parkinson.

Conclusione

In alcuni casi (ma non in tutti), i disturbi gastrointestinali precedono la malattia di Parkinson. Da qui l'ipotesi che i batteri intestinali possano avere un ruolo in questa malattia. Pertanto, i ricercatori dell'Università di Gand hanno studiato le possibilità del trapianto fecale in un piccolo gruppo di pazienti affetti da Parkinson. I risultati sono stati molto limitati: un leggero miglioramento dei tremori e della rigidità muscolare, ma non dei sintomi mentali, per esempio. Il trapianto fecale è ancora ben lungi dall’essere un trattamento efficace per la malattia di Parkinson. Questo studio è stato sponsorizzato, quindi dovresti prestare particolare attenzione quando riporti i risultati.

Riferimenti
  • (3) Brueggemann A, Vandendrisch C, Hammerlinck H, et al. Sicurezza ed efficacia del trapianto di microbiota fecale in pazienti con malattia di Parkinson da lieve a moderata (GUT-PARFECT): uno studio di fase II in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo. . The Lancet, eClinicalMedicine 2024;71:102563.
  • (4) Tansey MJ, Wallings RL, Houser MC, et al. Infiammazione e disfunzione immunitaria nella malattia di Parkinson. Nature Reviews Immunology 2020;22:657-673.