QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il trattamento degli aneurismi cerebrali causa più problemi di quanto si pensasse in precedenza

Editoriale di fatti medici / Janine Padding 20 ottobre 2022 – 06:52

I pazienti trattati per un aneurisma hanno un rischio di complicanze fino al 25%.

Il rischio di problemi neurologici dopo il trattamento dell’aneurisma cerebrale è più alto di quanto si pensasse. A seconda del tipo di intervento chirurgico, i pazienti hanno un rischio di complicanze fino al 25%. Lo ha scoperto la studentessa di dottorato Annemijn Algra dell’UMC Utrecht, che ha condotto la sua ricerca con il sostegno finanziario della Heart Foundation. Secondo il ricercatore, la cifra elevata può essere in parte spiegata: “Al momento non consideriamo più solo le complicanze più gravi, ma contiamo anche tutti i problemi neurologici, anche se le persone li hanno solo per poco tempo. Dopotutto, ogni complicazione è importante per il paziente”. Annemine Elgra riceve un dottorato di ricerca. 14 ottobre 2022 su questo argomento.

Un aneurisma cerebrale è un rigonfiamento nelle arterie del cervello e si verifica in circa il tre percento della popolazione. Quando quel rigonfiamento esplode, c’è un tipo attacco cerebrale Molte persone muoiono o diventano permanentemente disabili. Per prevenire un’esplosione, i medici possono curare un aneurisma cerebrale. Possono quindi riempire il rigonfiamento attraverso l’inguine con uno IUD. Oppure fanno un’apertura nel cranio e chiudono i vasi sanguigni con una clip. Ma questi trattamenti hanno dei rischi.

Ogni complicazione conta

Per determinare il rischio di complicanze, Anemin Algra ha raccolto dati da dieci ospedali in Europa, Nord America e Asia. Insieme ai suoi colleghi di Utrecht, ha analizzato tutte le complicazioni, grandi o piccole che siano. “I rischi del trattamento che abbiamo riscontrato in questo studio sono molto più elevati di quelli descritti in precedenza”, afferma Elgra. Lei ha una spiegazione per questo. “Studi precedenti hanno esaminato solo complicazioni con conseguenze gravi (morte o dipendenza), mentre abbiamo incluso anche complicazioni terapeutiche meno gravi”.

Il team di Utrecht ha scoperto che un paziente su sei trattato da medici con uno IUD ha sviluppato complicazioni neurologiche e in un quarto dei pazienti trattati con un inserto cranico (morsetto). “Naturalmente, le complicanze temporanee sono meno invasive delle complicazioni permanenti, ma il nostro lavoro come medici è quello di educare i pazienti nel miglior modo possibile su tutte le complicazioni”, ha affermato Elgra. “Anche le restrizioni temporanee possono essere un argomento importante per il paziente nella decisione”.

Meglio anticipare i rischi

Algra ha fatto un ulteriore passo avanti e, in collaborazione con un gruppo di esperti internazionali di aneurismi, ha sviluppato un metodo per prevedere meglio il rischio di complicanze neurologiche. Sulla base di una combinazione degli aneurismi di sette pazienti e delle caratteristiche del trattamento, i medici possono ora stimare il rischio di complicanze dei pazienti durante il trattamento. I medici possono utilizzare queste informazioni come supporto scientifico quando discutono dei pro e dei contro del trattamento con il paziente. Ciò può significare che d’ora in poi, in consultazione con il paziente, il trattamento inizierà meno rapidamente”.

Fonte: UMC Utrecht

Editoriale di fatti medici / Janine Padding

Ci siamo specializzati nelle notizie interattive per gli operatori sanitari, in modo che gli operatori sanitari siano informati ogni giorno delle notizie che potrebbero essere rilevanti per loro. Sia le notizie sullo stato che le notizie per gli operatori sanitari e le prescrizioni. I social media, la salute delle donne, la difesa del paziente, l’empowerment del paziente, la medicina e l’assistenza personalizzate 2.0 e la sfera sociale sono alcune delle cose più importanti a cui dovresti prestare maggiore attenzione.

Ho studiato terapia fisica e gestione aziendale sanitaria. Inoltre, sono un sostenitore del cliente registrato e indipendente e un broker di sponsorizzazione non ufficiale. Ho molta esperienza in diverse posizioni in ambito sanitario, sociale, medico e farmaceutico sia a livello nazionale che internazionale. Hanno una vasta conoscenza medica della maggior parte delle specialità sanitarie. Le leggi sanitarie in base alle quali l’assistenza sanitaria è organizzata e finanziata. Ogni anno partecipo alla maggior parte delle principali conferenze mediche in Europa e in America per mantenere le mie conoscenze aggiornate e tenermi al passo con gli ultimi sviluppi e innovazioni. Attualmente sto facendo il mio master in psicologia applicata.

I miei messaggi in questo blog non riflettono la strategia, la politica o la direzione del mio datore di lavoro, né sono per affari o per un cliente o imprenditore.

READ  Kempenhaeghe offre screening per la chirurgia dell'epilessia; Prendi una decisione più rapida se la chirurgia dell'epilessia ha buone possibilità di successo