QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il Turkmenistan vuole estinguere la “Porta dell’Inferno”

Un buco nel deserto del Turkmenistan brucia da decenni. Ma l’attuale presidente ora vuole porre fine a questo.

Il cratere dei Drusi, nel deserto del Karakum, è conosciuto come la “Porta dell’Inferno”. È un’enorme fossa larga 70 metri e profonda venti metri che brucia da decenni. Il buco si trova in un giacimento di gas naturale.

Il presidente ora vuole eliminare le attrazioni popolari del Turkmenistan dopo cinque decenni. Ordinò una soluzione per spegnere l’incendio. “Stiamo perdendo preziose risorse naturali da cui possiamo ricavare profitti significativi e che possiamo utilizzare per migliorare il benessere della nostra gente”, ha affermato il presidente in una dichiarazione televisiva.

Foto: Agence France-Presse

Secondo il presidente Gurbanguly Berdymukhamedov, il pozzo ardente danneggia anche l’ambiente e la salute della popolazione locale.

L’incendio è scoppiato dopo un incidente di perforazione sovietico nel 1971. Una grotta di gas è stata colpita e la piattaforma petrolifera e il terreno sottostante sono crollati. Per prevenire la diffusione di gas pericolosi, i sovietici hanno acceso il gas.

I precedenti tentativi di estinguere l’incendio sono falliti. Nel 2010, Berdymukhamedov ha già assegnato un compito simile.

READ  Fotografo Reuters ucciso in Afghanistan - De Standard