QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il vaccino corona non funziona bene in mezzo milione di persone immunocompromesse

Due persone su tre che hanno subito un trapianto di rene non hanno una protezione adeguata contro il virus dopo essere state vaccinate contro il virus. Questo è uno dei risultati di un programma di ricerca sull’effetto dei vaccini corona nelle persone con un disturbo del sistema immunitario. Il finanziatore della ricerca ZonMw e vari centri di ricerca hanno presentato martedì le prime conclusioni di questo programma.

In più di mezzo milione di olandesi, il sistema immunitario non funziona correttamente. Ciò riguarda, ad esempio, le persone con un difetto congenito del sistema immunitario, quelle con determinate malattie autoimmuni, i disturbi del sangue, la sindrome di Down o l’HIV, i malati di cancro sottoposti a chemioterapia o le persone che hanno subito un trapianto di organi e stanno assumendo farmaci immunosoppressori per questo. Queste persone corrono un rischio maggiore di sviluppare un grave decorso di Covid-19.

L’efficacia dei vaccini corona non è stata precedentemente studiata in questi gruppi: i produttori conducono i loro studi farmacologici principalmente su adulti sani. Ma si prevede che le persone in questi gruppi trarranno beneficio scarso o nullo dalla vaccinazione contro la corona. questa settimana Confermato il presidente di RIVM Jaap van Diesel Il problema con questi cosiddetti “non-responder” è che “non possiamo fare nulla di specifico per questo gruppo”.

Nel frattempo si sta lavorando su questo. ZonMw finanzia otto progetti di ricerca per conto del Dipartimento della salute, del benessere e dello sport, rivolti a otto diversi gruppi di pazienti. Sono coinvolti un totale di 15,5 milioni di euro. “I progetti sono iniziati lo scorso gennaio”, afferma Daniel Warmerdam, coordinatore del programma presso ZonMw. Gli studi sono ancora in corso, ma riteniamo sia importante annunciare ora i primi risultati. Stiamo lavorando a stretto contatto con RIVM, VWS e Health Board per poterlo mettere in pratica il prima possibile”.

READ  I comuni con la copertura vaccinale più bassa sono a Bruxelles

approccio unico

Studi simili sono in corso in altri paesi. “Ma la cosa unica del nostro approccio è che utilizziamo gli stessi metodi di ricerca su tutti questi progetti”, afferma Warmerdam. Ciò consente di confrontare tra loro i risultati dei progetti, nonché con studi condotti su persone sane. In questo modo, hai effettivamente a disposizione gruppi di ricerca più grandi”.

Non solo il Kidney Project ha dimostrato che molte persone non sono adeguatamente protette dopo le due vaccinazioni corona. “Dopo un trapianto di polmone, anche la protezione è scarsa”, riassume Wormerdam. “Anche le persone con gravi disturbi immunitari congeniti sono difficilmente protette. Il quadro è stato diverso in ematologia. Stiamo ancora aspettando i primi risultati degli studi su malati di cancro, persone con malattie autoimmuni, sindrome di Down e HIV”.

Il tasso di mortalità per Covid-19 è da tre a cinque volte più alto tra i pazienti con reni

Jan-Stephan Sanders, un nefrologo (specialista dei reni) presso l’UMC Groningen, sta conducendo lo studio tra i pazienti affetti da reni. “Nei Paesi Bassi ci sono 60.000 persone con insufficienza renale”, dice. Queste sono persone i cui reni svolgono meno del 30 percento del loro lavoro. Di questi, 6000 sono in dialisi regolare e 12.000 hanno avuto un trapianto di rene. In questi gruppi, il tasso di mortalità per Covid-19 è da tre a cinque volte superiore a quello delle persone sane. Ed è proprio per questo che è così importante che questi pazienti ricevano un vaccino efficace».

L’esame renale si compone di quattro parti. In primo luogo, i ricercatori seguono i pazienti in dialisi e i loro trapianti vaccinati per un periodo di tempo più lungo per vedere se svilupperanno Covid-19 e, in tal caso, fino a che punto. Un altro componente è il cosiddetto studio sulla risposta immunitaria. In tal modo, i ricercatori osservano come il sistema immunitario risponde al vaccino, in questo caso del produttore Moderna. I medici di Groningen, Rotterdam, Nimega e Amsterdam hanno controllato il numero di anticorpi e cellule immunitarie nel sangue quattro settimane dopo la seconda vaccinazione in diverse centinaia di persone con insufficienza renale, dialisi o trapianto di rene. “Nel gruppo di controllo e nel gruppo con insufficienza renale, tutti hanno avuto una risposta anticorpale”, afferma Sanders. Nel gruppo di dialisi, il 98 percento ha mostrato una risposta immunitaria. Nel gruppo dei trapianti, era solo il 57 percento”.

READ  Studio britannico: l'efficacia del vaccino diminuisce nel tempo

In un altro test, i medici hanno verificato se la quantità di anticorpi nel sangue delle persone fosse sufficiente per neutralizzare il coronavirus. “Lo facciamo con un test di laboratorio in cui vediamo quanto bene gli anticorpi si legano alle particelle virali”, afferma Sanders. “Nelle persone con insufficienza renale e dialisi, l’effetto neutralizzante era generalmente buono. Quindi, se queste persone mostravano una risposta immunitaria, era efficace. Ma di tutti i pazienti sottoposti a trapianto di rene, solo il 33% ha risposto bene”.

La terza vaccinazione

Quindi quali sono le possibili soluzioni per questi pazienti? „Possiamo dare a queste persone booster Give: Un terzo vaccino, risponde Sanders. “Nel New England Journal of Medicine Uno studio recente ha mostrato che una terza dose nei pazienti con rene ha causato un aumento del numero di anticorpi. Ma dopo ciò, il 45 percento è rimasto insufficientemente protetto. Quindi vogliamo esplorare anche altre opzioni”.

Ad esempio, i pazienti che assumono determinati farmaci immunosoppressori possono interrompere temporaneamente questo trattamento. “Ma prima vogliamo indagare su questo con molta attenzione, perché deve essere sicuro”, afferma l’esperto di reni di Groningen. Dopotutto, questi pazienti prendono questi farmaci per impedire loro di rigettare il nuovo organo. Sanders: “Vogliamo vedere cosa succede se dai a queste persone una combinazione di vaccini”. laggiù Sempre più indizi Una combinazione di vaccini è più efficace della somministrazione dello stesso vaccino due volte. Sanders: “Nel frattempo, continuiamo a dire alla gente: vaccinatevi e state vigili”.

Il programma ZonMw è in corso da sei mesi. Diverse misurazioni vengono ripetute dopo dodici mesi. Lo studio dell’efficacia dei vaccini nei pazienti sottoposti a trapianto di rene proseguirà per almeno altri 2,5 anni. “Il Covid-19 non scomparirà per allora e ci saranno sicuramente nuove domande”, afferma Sanders. “Ma penso che siamo molto oltre.”

READ  "Dottore, ora sono qui", il GP Rutger Verhoeff è onesto nel suo nuovo libro

Leggi anche: Medicina d’emergenza per persone con difese deboli contro il Corona

Anche Warmerdam di ZonMw ritiene che nuove domande continueranno a emergere. Ad esempio, quanto tempo rimangono gli anticorpi nel sangue? “Non lo sappiamo ancora per la popolazione sana. Oltre alle vaccinazioni aggiuntive, stiamo valutando anche altre opzioni, non solo nei pazienti con reni ma anche in altri gruppi. Ad esempio, puoi somministrare alle persone anticorpi che hai eliminato dal sangue dei malati di Covid-19 che sono guariti”.

ZonMw sottolinea anche l’importanza delle informazioni. “Speriamo che il maggior numero possibile di olandesi venga vaccinato”, afferma Warmerdam. “Sì, le persone vaccinate possono ancora portare il virus, ma molto meno. Più persone vengono vaccinate, meno il virus si diffonde e migliore è la protezione di questi gruppi vulnerabili”.