QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il viaggio in treno per Vienna si trasforma in un incubo per la coppia Waterloo: un difetto, un ritardo e una grossa multa | Per viaggiare

“Volare avrebbe potuto essere più economico”, ma a causa della loro preoccupazione per l’ambiente, Katja Mader, 52 anni, e Frédéric Pelissier, 53 anni, di Waterloo, hanno deciso di prendere il treno per il loro viaggio a Vienna. E sul quotidiano tedesco “Bild” dicono che è stato particolarmente negativo per loro.

Per godersi il viaggio in tutta tranquillità, hanno prenotato i biglietti di prima classe con la compagnia ferroviaria tedesca Deutsche Bahn. Hanno preso l’Intercity-Express (ICE), il treno più veloce della flotta, ma ci sarebbero volute più di dieci ore. Ma le cose peggiorarono per la prima volta a Colonia.

Il treno si è fermato lì improvvisamente per un “difetto tecnico”. Quello che segue è puro caos. “Né il personale del treno né quello della stazione sono stati in grado di dirci come continuare il nostro viaggio”, ha detto Katya.

affollato

Decidono solo di prendere il prossimo treno per Vienna, ma appena salgono sull’aereo devono scendere di nuovo, perché l’auto è bloccata. Possono salire sul prossimo treno, ma non hanno un posto fisso e devono regolarmente rinunciare al loro posto o addirittura parcheggiare. Ad un certo punto Federico è seduto in una stanza dei bambini vuota, ma il capotreno lo scaccia. Alla fine raggiunsero Vienna con un ritardo di due ore e mezza. Dopo tredici ore di guida con la mascherina.

© Reuters

Tuttavia, la trazione posteriore sarà peggiore. Il treno tra Vienna e Francoforte subisce un ritardo di 50 minuti, causando a Federico, che viaggia da solo, la perdita del collegamento con Bruxelles. Tuttavia, un simpatico macchinista escogita un modo per ridurre il suo ritardo di un’ora: proseguire per Colonia, prendere il treno ad alta velocità Thalys in direzione Parigi e scendere alla stazione a sud di Bruxelles.

Tuttavia, l’uomo ignora che i biglietti della Deutsche Bahn non sono validi su Thalys. Sul treno ad alta velocità, a Frederick fu detto che non doveva essere già sul treno. Risultato: deve pagare la tariffa dell’evaso di almeno 455 euro.

Compensazione

Tornato a casa, inizia la battaglia per il risarcimento della sofferenza. La coppia trascorre ore al telefono e deve ripetere la storia più e più volte a un altro dipendente. Motivo: non esiste una “procedura” per il loro reclamo specifico e non può essere inserito “nel sistema”.

Thinkstock

© Thinkstock

Katja e Frederic chiedono un rimborso del 50% per il volo da Bruxelles a Vienna, il 25% per il volo da Vienna a Bruxelles e un rimborso di 455 euro a Thales. Alla fine hanno ricevuto un buono del valore di 150 euro. Solo dopo che Federico raccontò la sua storia a Bild, ricevettero la promessa che la compagnia ferroviaria avrebbe gradualmente rimborsato i costi.

In ogni caso, la coppia di Waterloo non vedrà mai più la Deutsche Bahn. “Non posso credere che una grande azienda tratti i propri clienti in questo modo. Questa compagnia ferroviaria mette in imbarazzo la Germania”.

Il supplemento carburante getta un’ombra sulla prima vacanza di Sophie da molto tempo: “480 euro in più è una vacanza difficile”

Proroga di un anno del certificato Corona europeo

READ  Il CEO di Tesla Elon Musk e il CEO di Twitter Jack Dorsey discuteranno domani di Bitcoin (BTC) » Crypto Insider