QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il vincitore del premio KNAW sviluppa un nuovo trattamento per i tumori cerebrali

Attualmente non esiste un trattamento curativo per i tumori cerebrali maligni. Sophie Wildhuizen van Zanten, residente presso il Dipartimento di Radiologia e Medicina Nucleare e leader del gruppo di ricerca presso Erasmus MC, sta lavorando a un nuovo trattamento per curare questi tumori. Per questo, ha ricevuto il KNAW Early Career Award.

Veldhuijzen van Zanten è uno dei tre ricercatori medici che riceveranno un premio per il reclutamento anticipato il 14 febbraio 2023 per idee innovative e originali. Il premio prevede un premio in denaro di 15.000 euro che il ricercatore può utilizzare per sviluppare la propria carriera. “È molto speciale sentire che i principali scienziati stanno approvando il potenziale di un nuovo trattamento su cui sto lavorando”.

terapia mirata

Nei Paesi Bassi, circa 1.500 bambini e adulti sviluppano ogni anno un tumore del sistema nervoso centrale. L’aspettativa di vita di questi pazienti è breve e il grado di disabilità è elevato. Il trattamento di questi tumori è difficile. “I trattamenti attuali, come la chirurgia e le radiazioni esterne, sono estesi e possono essere applicati solo in misura limitata senza gravi danni al tessuto nervoso circostante”, afferma Veldhuijzen van Zanten.

Ecco perché sta sviluppando nuove terapie per irradiare questi tumori dall’interno, in modo mirato. Per questo vengono utilizzati farmaci radioattivi e farmaci con un componente radioattivo. I medici usano già farmaci radioattivi per curare il cancro alla tiroide e i tumori neuroendocrini, per esempio, ma non ancora per curare i tumori cerebrali. All’inizio del 2023, miriamo a completare la revisione etica e avviare il primo studio clinico.

radioattivo

L’idea è di trattare i pazienti secondo il “principio terapeutico”. TheraTorta e diagNoi raccomandiamo Gli stili vanno di pari passo. Ne iniettiamo uno per primo inseguitore Nel flusso sanguigno, che è stato sviluppato per legarsi specificamente alle cellule tumorali, e poco o nessun tessuto sano. Questo medicinale ha un’etichetta leggermente radioattiva, quindi possiamo vedere su una tomografia a emissione di positroni dove il medicinale finisce nel corpo. Ad esempio, Veldhuijzen van Zanten può calcolare quanto bene un farmaco ha raggiunto le cellule tumorali e gli organi sani e considerare se un paziente è idoneo per il trattamento. “Questo è importante nel trattamento dei tumori del sistema nervoso centrale perché l’attraversamento della barriera emato-encefalica è impegnativo”.

READ  Ecco cosa c'è da sapere sulla psoriasi: 'La malattia della pelle non è contagiosa' | Salute

Se i calcoli mostrano che il farmaco raggiunge le cellule tumorali nel sistema nervoso centrale in misura sufficiente e raggiunge i tessuti sani in misura limitata, sostituiamo l’etichetta radioattiva con una variante più forte. Questa etichetta radioattiva può danneggiare il DNA delle cellule tumorali. Irradiando il tumore in modo mirato, spera di ottenere un trattamento in cui “gli effetti collaterali siano tollerabili e superino l’effetto che si vede nei pazienti”.

Studio clinico

Veldhuijzen van Zanten applica già il principio della fisioterapia a vari tipi di tumori del sistema nervoso centrale, come i tumori cerebrali primari, le metastasi cerebrali e il meningioma. Per questo vengono utilizzati molti farmaci radioattivi. Nella sua ricerca precedente, ha utilizzato 68Ga-PSMA (antigene di membrana specifico della prostata, marcato con gallio). questo inseguitore Si lega alla superficie delle cellule tumorali della prostata, ma anche alla superficie di altre cellule tumorali, comprese quelle nei tumori cerebrali. All’inizio del 2023 sostituiremo il gallio in uno studio clinico con un radionuclide più potente. Indaghiamo quindi se i radionuclidi più forti sono in grado di irradiare i tumori in modo efficace senza che i pazienti subiscano effetti collaterali inaccettabili.

Oltre ad applicare il principio terapeutico, Veldhuijzen van Zanten utilizza tecniche di imaging avanzate, come la PET-MRI ibrida, e sta cercando metodi alternativi per la somministrazione di farmaci radioattivi. Attualmente, i radiofarmaci vengono somministrati per fleboclisi nel gomito o nella mano come standard, ma potrebbe essere più efficace somministrarli vicino o all’interno del tumore. In modo che più farmaco arrivi al tumore e meno al resto del corpo.

Frank van der Bunny

Leggi anche