QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il vincitore dell’Orso d’Oro Jaafar Panahi è il terzo regista ad essere arrestato in Iran in una sola settimana

Nello stato totalitario dell’Iran, l’intera società è sotto il controllo delle autorità conservatrici. Per proteggere il paese dalle influenze occidentali, il governo sta cercando di frenare tutto ciò che va contro la sensibilità islamica, compresa l’industria cinematografica.

È stato molto turbolento in Iran negli ultimi mesi. Il governo del presidente Ibrahim Raisi è stato criticato per l’aumento dei prezzi dei generi alimentari. Sull’onda degli arresti, l’attivista Mostafa Tajzadeh è stato arrestato venerdì con l’accusa di “atti contro la sicurezza nazionale e diffusione di bugie per distorcere l’opinione pubblica”.

Ha avvertito che il mancato rinnovo dell’accordo nucleare con gli Stati Uniti avrebbe gravi conseguenze e che il grande leader, l’Ayatollah Ali Khamenei, se ne assumerebbe la responsabilità. Nel 2015, l’allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annullato l’accordo nucleare con l’Iran. Da allora, l’Iran ha sofferto gravemente per le nuove sanzioni internazionali.

È ancora illegale in Iran criticare Khamenei, ma non è chiaro se le dichiarazioni di Tajzadeh siano state la ragione del suo arresto. Tajzadeh è stato precedentemente incarcerato tra il 2009 e il 2016 per il suo ruolo nei disordini seguiti alle contestate elezioni del 2009.

READ  La Finlandia manda vecchie conoscenze all'Eurovision Song Contest: The Rasmus, che ha segnato un successo internazionale con "In the Shadows"