QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il virus del pipistrello selvatico è molto simile a SARS-CoV-2

I pipistrelli ferro di cavallo hanno trovato coronavirus “selvaggi” nelle grotte calcaree del Laos che sono più simili al SARS-CoV-2 di qualsiasi virus precedentemente identificato. Questo non è ancora l’antenato diretto tanto necessario del virus pandemico, ma con questa scoperta la ricerca della sua origine sembra essere andata oltre. Scienziati francesi e laotiani descrivono le loro scoperte In prestampa, una bozza di un articolo scientifico che non è ancora stato sottoposto a revisione paritaria da colleghi ricercatori.

Il virus del pipistrello può infettare direttamente l’uomo

La grande sorpresa è che tre dei coronavirus di pipistrello che sono stati trovati hanno effettivamente la chiave per entrare nella cellula umana: la capacità di legarsi fortemente ai recettori ACE2 all’esterno della cellula umana. La parte della proteina uncinata del virus che si lega a questo recettore, si chiama Dominio di legame del recettore (RBD), nei virus dei pipistrelli solo uno o due amminoacidi differiscono da SARS-CoV-2. “Ciò significa che tutti i punti di contatto necessari tra queste proteine ​​sono già in un virus selvaggio”, afferma in risposta il virologo Bart Hagmans di Erasmus MC. “Ciò significa che un tale coronavirus di pipistrello può infettare direttamente gli esseri umani. I ricercatori hanno anche dimostrato che questo coronavirus dagli escrementi di pipistrello può infettare direttamente le cellule dei primati”.

Vientiane

In quattro diversi complessi di grotte nel nord del Laos, i ricercatori hanno catturato 645 pipistrelli che hanno esaminato per i coronavirus. Li hanno trovati in 24 pipistrelli appartenenti a dieci specie diverse. Virus simili alla SARS che hanno visto solo nei pipistrelli ferro di cavallo del genere Rinolovos, tutti catturati nel distretto di Fueng, provincia di Vientiane. Abbiamo decodificato con successo l’intero genoma di cinque virus. Ciò ha consentito un confronto accurato con il codice di sequenza del virus per i primi pazienti a Wuhan. Tre di loro sono stati trovati strettamente correlati a SARS-CoV-2.

READ  Perché i minorenni non vogliono essere vaccinati: 'Ho paura di ferire i miei genitori'

Finora, il parente più stretto di SARS-CoV-2 è stato un virus con il nome in codice RaTG13 che gli scienziati dell’Istituto di virologia di Wuhan hanno scoperto nel 2013 in un pipistrello a ferro di cavallo in una grotta nella provincia dello Yunnan, nel sud della Cina. RaTG13 era identico al 96,1% a SARS-CoV-2, ma troppo diverso per essere un antenato diretto.

Gli autori del nuovo studio ritengono che SARS-CoV-2 sia un “mosaico genetico” creato da parti di diversi coronavirus. Anche Haagmans vede qualcosa in questo: “Molte specie di pipistrelli vivono insieme in quelle grotte e allo stesso tempo c’è anche un’enorme diversità di coronavirus. Porta a una corsa evolutiva in cui il virus continua a saltare ad altre specie strettamente correlate di pipistrelli. I virus possono anche scambiarsi “Le parti sono unite attraverso la ricombinazione. Se facciamo più ricerche, potremmo trovare varianti più vicine al virus originale apparso a Wuhan. E forse anche un virus che può essere trasmesso all’antenato diretto”. .”