QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il virus del vaiolo delle scimmie non è diventato un’epidemia grazie al sesso sicuro e alla vaccinazione

Il virus del vaiolo delle scimmie non è diventato un’epidemia grazie al sesso sicuro e alla vaccinazione

Dov’è finito il virus del vaiolo delle scimmie? due anni fa era diventato Le prime infezioni furono diagnosticate nei Paesi Bassi e all’epoca c’erano ancora grandi preoccupazioni. Nel giro di pochi mesi il numero delle segnalazioni salì a più di mille. La virologa Marion Koopmans ha avvertito che il “comportamento dello struzzo” potrebbe mettere il virus “fuori controllo”. L’ex direttore del RIVM Roel Coutinho ha addirittura suggerito di annullare l’evento Pride di Amsterdam.

Nel frattempo, i medici diagnosticano solo sporadicamente infezioni virali (ora chiamate “mpox”), che vengono quasi sempre contratte all’estero. RIVM ha smesso di aggiornare il proprio sito web per sei mesi. Nel 2023 sono state diagnosticate circa trenta infezioni in più, quest’anno meno di dieci.

“Nessuno pensa più al vaiolo delle scimmie”, afferma Richard Kildullis, proprietario del Church Club e della sauna gay Nieuwezijds ad Amsterdam.

La stragrande maggioranza delle infezioni (93%) è stata diagnosticata in uomini che hanno rapporti sessuali con uomini. “Ci sono ancora post qui da GGD, ma nessuno ci sta lavorando.” Dopo la difficile pandemia del Corona, poche persone si aspettavano che il vaiolo scomparisse così rapidamente.

Fino al 2022, il virus del vaiolo si diffonderà principalmente nei roditori nell’Africa occidentale e centrale. Veniva regolarmente trasmesso agli esseri umani, in particolare ai bambini che potrebbero aver giocato con animali morti infetti. Il virus provoca lesioni dolorose (vaiolo) sulla pelle. Tuttavia, raramente si trasmette da persona a persona, quindi i focolai svaniscono rapidamente. Se qualcuno negli Stati Uniti o in Europa viene infettato, ci sarà sempre un collegamento con l’Africa.

La situazione è cambiata all’inizio del 2022. Le segnalazioni si sono susseguite in rapida successione nei paesi occidentali, dall’Europa all’Australia. Ora riguarda soprattutto gli uomini che hanno contratto il virus mentre facevano sesso con altri uomini. Il 23 luglio Quell’anno, l’Organizzazione Mondiale della Sanità dichiarò l’epidemia “un’emergenza internazionale”. Nel frattempo sono state diagnosticate più di 16.000 infezioni in 75 paesi, di cui 700 nei Paesi Bassi.

READ  Dementia Friendly: scopri la persona dietro la malattia

Virus del vaiolo

Nei Paesi Bassi c’erano già 100.000 vaccini sugli scaffali che sembravano adeguati. Erano destinati contro una possibile epidemia di un virus del vaiolo che era già stato debellato, ma al quale il virus del vaiolo è strettamente correlato. Il vaccino ha funzionato anche contro il virus MPox negli animali da laboratorio.

Alcuni medici hanno chiesto alla RIVM di rendere disponibili i vaccini più rapidamente. Temevano che il virus, che può essere trasmesso non solo durante i rapporti sessuali ma anche attraverso il contatto intenso pelle a pelle, si sarebbe diffuso agli anziani e ai bambini e, in caso di epidemia, la colpa sarebbe stata data ai gay. Le prime iniezioni per il gruppo a rischio sono state somministrate il 25 luglio.

Ma compaiono i vaccini Per avere scarso effetto Durante un’epidemia. “Nei paesi in cui non c’era quasi nessuna vaccinazione, il numero di infezioni è diminuito altrettanto rapidamente”, afferma Henri de Vries, professore di infezioni della pelle all’Università di Amsterdam. Ciò significa che anche le modifiche comportamentali, come la limitazione del numero di partner sessuali, hanno avuto successo.

Sembra che un ruolo importante sia stato svolto in particolare da un piccolo gruppo di persone. Due terzi di tutti i pazienti appartengono a Un gruppo di circa 1.750 uomini Che hanno molti contatti sessuali tra loro e partecipano anche a feste sessuali all’aperto. Quattro persone infette su dieci hanno avuto rapporti sessuali di gruppo Lo ha riferito RIVM Fine agosto 2022. «Se tutti all’interno di questo gruppo principale venissero vaccinati o infettati, un’epidemia del genere si estinguerebbe da sola», afferma de Vries.

READ  Dal 1° gennaio i medici di base hanno l’obbligo di fornire le prescrizioni in formato digitale ai farmacisti

“Avevo torto nella mia ipotesi”, dice Kai Jonas, professore di psicologia sociale applicata all’Università di Maastricht. “Cioè, ne hai solo uno Bi-curioso C’è bisogno di un ragazzo di diciotto anni che si infetta con l’MPOX e poi lo trasmette alle sue amiche nella sua casa studentesca, trasmettendolo così alla popolazione eterosessuale. Lo temono anche il RIVM e l’Organizzazione Mondiale della Sanità. “Questo non è successo.”

Leggi anche
Come il team di Amsterdam ha combattuto l’HIV

L’immunità è al giusto livello

In collaborazione con ricercatori Erasmus MC Simile a Jonas Focolaio olandese. Credeva che il cambiamento comportamentale avesse un impatto maggiore della vaccinazione. Hanno concluso che le vaccinazioni potrebbero prevenire future epidemie, a condizione che l’immunità rimanga al livello desiderato.

C’è ancora molta incertezza a riguardo. Il vaccino sembra proteggere “tra il 30 e l’80%” dei sintomi, afferma Rory de Vries, virologo dell’Erasmus MC. Non è noto quanto durerà questa protezione.

Il suo collega Mark Shamir afferma: “Temo che non sapremo quanto bene questo vaccino proteggerà a lungo termine a meno che il virus non si diffonda nuovamente”.

IL Consiglio Sanitario Alla fine dello scorso anno ha raccomandato di offrire il vaccino MPox ai gruppi a rischio. Il prossimo governo dovrà decidere su questa questione. ha scritto il segretario di Stato uscente Martin van Oijen (VWS, Unione Cristiana) alla Camera dei Rappresentanti la settimana scorsa. Il vaccino è disponibile se l’MPox viene diagnosticato attraverso un contatto ravvicinato (sessuale).

Il virologo Rory de Vries afferma che l’epidemia in Occidente ha dato nuova vita alla ricerca sul vaiolo. “Poiché il vaiolo era stato debellato, c’erano solo poche persone che facevano ricerche al riguardo”.

READ  Quando il tuo animale domestico è triste - Plus Magazine