QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Improvvisamente ho iniziato a guardare le serie TV

Keith Richards non fuma e beve più alla sua età ma smette di fare musica? Inizio. Suonarlo lo rende molto felice. Alla vigilia del concerto dei Rolling Stones all’Heysel, il famoso chitarrista racconta cosa lo rende il più felice.

La stanza di Gijsbert

“Finché posso suonare, sono felice”, dice Keith Richards (78). Preferibilmente con i Rolling Stones, perché: “Ehi amico, gli Stones sono la mia vita”.

Ma oltre a questo, c’è quell’altro della sua band, gli X-Pensive Winos, con cui ha fatto una breve apparizione sul palco di New York all’inizio di quest’anno. “Lo chiamo il mio lavoro estivo”, dice del suo lavoro con la band con cui ha registrato l’album nel 1992 il principale colpevole registrato. L’album è stato ripubblicato la scorsa primavera.

Alle nove di sera, il telefono squilla e si sente un clic all’altro capo della linea “Ciao Giesburt, sono Keith, come stai?” Sembra, parliamone per un po’ il principale colpevole Prima di stare con il cuore “Ok proverò” Assume il suo ruolo di mentore.

il principale colpevole All’epoca era il suo secondo disco da solista e il regista ne è ancora molto orgoglioso. “Mi piacciono molto di più di quanto pensassi”, dice Richards, nella sua casa di Weston, nel Connecticut. Con Winos ho posseduto nel 1988 discorsi economici creato. Un po’ una delusione, perché ero arrabbiato con Mick che doveva farcela da solo”.

Per un momento, mentre indica Mick Jagger e i Rolling Stones, c’è il sorriso ridacchiante che lo contraddistingue: eh. “Ed è stato bello riavere i ragazzi quando ho finito lo Stones Steel Wheels Tour. E sai cosa mi rende più felice ora? Questo è il concerto dal vivo nel box. Non sapevo nemmeno che lo avessimo registrato a Londra a dicembre 1992. Ma amico, allora eravamo in forma. Anche Steve l’ha prodotto magnificamente”.

Richards si riferisce a Steve Jordan. “Il mio vecchio amico, che dopotutto ci ha salvati ora”, aggiunge. “È stata un’idea di Charlie lasciare che Steve prendesse il suo posto quando si è ammalato. In qualche modo sembra che il cerchio sia completo. Il mio amico Steve è dietro la batteria nelle pietre”.

Richards tace per un momento quando menziona Charlie Watts, il batterista dei Rolling Stones scomparso lo scorso agosto. “Ragazzo, come mi manca Charlie. Ci siamo visti raramente al di fuori delle pietre, ma eravamo ancora come fratelli. Come faccio a ricordarlo? Come uno dei migliori batteristi al mondo di sempre. Ogni volta che penso a lui , Vedo quel grande sorriso sul suo viso Il sorriso di Charlie, l’ho chiuso al mio cuore.

Ma quanto sono bravi quei Wino nel 1992, non credi? Mi ero completamente dimenticato che all’epoca suonavamo “Gimme Shelter” e quanto ero nervoso. Certo, l’ho suonato centinaia di volte, ma ora avevo anche a cantare, ovviamente era Mick. Lo fa sempre”.

READ  Il fuoco è oro rende Anversa la capitale dell'hip-hop (Anversa)

Richards pensa che sia una canzone speciale. “Purtroppo, quella sceneggiatura si adatta ancora. Mick e io l’abbiamo realizzata come facciamo spesso ora. Ho scritto la prima casa e il ritornello, e poi Mick ha preso il sopravvento”. Richards dice che il nuovo album degli Stones sta arrivando. “Non siamo sicuri di cosa fare con le canzoni che abbiamo registrato con Charlie. Possiamo fare un album per quello, ma anche registrare un intero nuovo album con Steve è un’opzione. Prima suoniamo. Amico, non vedo l’ora. ”

Moody Waters, Chuck Berry e altri artisti di scacchi

Chuck Berry.Getty Images

“Sono un tipo da CD. Nella mia borsa c’è una cartella di CD che porto ovunque. Ma non chiedetemi quali album sono più preziosi per me. Ho imparato ad amare la musica attraverso i fischi di mia madre. Ho fischiettato canzoni per tutto il giorno Ho suonato la chitarra quando ero vecchio Circa dodici o tredici anni. Un po’ di jazz e molto blues e rock ‘n’ roll. Mi è venuto tutto in modo così naturale, non ci ho mai pensato. Suonare la chitarra è quello che faccio, e lo è ancora.

“Non ho mai avuto un album preferito prima. Ma scrivilo potrebbe essere qualcosa di simile a un’etichetta di giocatori di scacchi. Non ne ho mai abbastanza dei grandi ragazzi del blues come Muddy Waters, Little Walter e Chuck Berry. Ho ascoltato è tutta la mia vita, la mia borsa è piena dei loro CD.

Peter Goralnik: Sam Phillips – L’uomo che ha inventato il rock and roll (2014)

immagine RV nulla

immagine di camper

“Ad essere onesti: ascolto la vecchia musica e la faccio allo stesso modo. A casa, mi piace registrare e riprodurre CD in viaggio. Mi piace leggere della musica che mi piace, ma penso di aver letto tutto su il blues e il rock ‘n’ roll agli anni Cinquanta. Questo è il mio periodo preferito e quando stavo lavorando al mio libro (Biografia 2010 “Vita”, editore). Ho letto molto su quel periodo.

Questo libro è arrivato a Peter Goralnik alcuni anni dopo. Conoscevo i suoi altri libri su Elvis, Soul e Blues e amavo il suo lavoro. Lui sa sempre cosa dire e io no. Questo è il caso di questo libro follemente spesso. Sam Phillips era l’uomo dietro il segno del sole a Memphis, dove Elvis ha debuttato. Guralnick dice che Phillips era davvero innovativo come produttore e sapeva esattamente come gestire Echo, per esempio. Improvvisamente ho capito perché il suono dei bassi nelle registrazioni di Sun è così profondo”.

JD Salinger – The Catcher in the Rye (1951)

“Sono un ghiottone quando si tratta di leggere. Ho anche una biblioteca piena di vecchie cose qui. Amavo leggere i romanzi, ma questo è diventato un po’ meno. Sembra avere qualcosa a che fare con l’età, leggo da qualche parte Man mano che invecchi le tue abitudini di lettura cambiano, non hai più voglia di inventare storie, ma vuoi sapere cosa sono veramente.

immagine camper nulla

immagine del camper

“Non so se questo vale anche per me, ma il romanzo ha fatto una grande impressione quando ero ancora giovane. Penso che il libro più importante della mia infanzia sia stato mietitrice d’orzo, che lessi quando avevo circa 16 anni. Poi tutti volevano diventare Holden Caulfield, il personaggio principale. Anche io. Era il mio eroe a scuola prima di diventare Chuck Berry e Muddy Waters”.

“Gli occhi di Tami Fey” (Michael Showalter, 2021)

“Lasciatemi citare il film più recente che ho visto, sembra carino. Altrimenti la gente penserà che mi piacciono solo la musica e i film vecchi. Un bel dramma americano divertente, questo. Basato su un documentario, credo. È davvero un film che ho potrei nascondermi per un po’, ma onestamente sono principalmente un ragazzo occidentale. bouquet selvatico Di Sam Peckinpah, mi svegli per questo. E ultimamente mi sono anche goduto i film noir degli anni ’40. Sono cresciuto con grande sonno e Humphrey Bogart, al quale ora ritorno con piacere.”

Jessica Chastain nel film

Jessica Chastain ne “Gli occhi di Tami Fey”.Foto Disney +

Tennis

“Amo lo sport. Da guardare dopo. Mi piaceva molto il tennis, soprattutto negli anni ’80. Ora è un po’ noioso con i ragazzi. Più e più volte Nadal o Djokovic, beh, lascia che sia Nadal, ma non mi interessa davvero . Negli anni ’80 il tennis era più eccitante. All’epoca ero anche amico di Mats Wellander. Mi invitò alla finale degli US Open, che vinse quell’anno contro Evan Lendl. Non ricordo quando esattamente (1988, editore)† Wellander ha vinto solo una finale contro Lindell Ihei.

“Mi piace andare spesso alle competizioni, ma sfortunatamente non posso mostrarmi in mezzo alla folla. Vengo riconosciuto e indirizzato tutto il tempo, anche quando vado al cinema o qualcos’altro. Poi mi sento a disagio, come se fossi rubare lo spettacolo a qualcun altro e mi si blocca. In effetti, per me, gli unici momenti che posso davvero godermi sono quando sono sul palco da solo. Oh, quanto mi rende felice. ”

Meglio chiamare Saul (Netflix)

“In realtà, le serie TV non mi interessavano affatto. Ho sentito parlare di persone soprano E il il cavo, ma non mi piaceva molto guardare la TV. Preferisco segnare o giocare da solo. Ma due anni in cui sono stato contagiato dal virus mi hanno causato cose strane. Non sono mai stato costretto a stare in un posto a lungo, sono praticamente in viaggio da sessant’anni. Sono quasi dovuto tornare a casa su consiglio di mia moglie e delle mie figlie e sono andato a vedere alcune telenovelas.

Bob Odenkirk in Meglio chiamare Saul.  Greg Lewis/AMC/Sony Pictures tel

Bob Odenkirk in Meglio chiamare Saul.Greg Lewis/AMC/Sony Pictures tel

Peccato Ho adorato questo spettacolo Il meglio di Saul su richiesta ancora più intelligente. Era anche una cosa, guardare una serie con la moglie e le figlie. No, mai da solo. perché no? Mia moglie ed io viviamo nella stessa casa e andiamo d’accordo, le mie figlie vivono nella porta accanto e amano visitare, quindi perché dovrei andare in solitudine, giusto?

Hergie

“Ero veramente scuola d’arte Può dipingere bene. Ma dico sempre che dipingerò o dipingerò quando andrò in pensione. E questo mai. Perché davvero non credo che smetterò mai di fare musica. Ma bene, se verrà il momento, dedicherò la mia vita alla pittura e al disegno. Certo, non c’è pittura più bella di Caravaggio, ma amo anche il lavoro semplice. Dalle bellissime illustrazioni o dai fumetti di Hergé, per esempio. Come Tintin. Non riesco a pensare ai loro nomi così velocemente, ma ci sono molti belgi e francesi che sanno disegnare alla grande. La cultura dei tuoi fumetti e delle tue illustrazioni mi attrae più della cultura americana”.

null Immagine © Hergé-Moulinsart 2014

Immagine © Hergé-Moulinsart 2014

salsiccia e purè (salsiccia e purè)

“Adoro la colazione inglese. Adoro preparare in casa salsicce, fagioli, pancetta e uova. Ma altri esagerano le mie capacità culinarie, soprattutto da quando ho pubblicato il mio libro. Qui in America, quando ho iniziato a piangere per la cucina britannica, mi è stato spesso chiesto il segreto della bontà salsiccia e purè Ci sono io? vita Ha dato una ricetta per questo. Poi mi sono sbarazzato di lui.

null Immagine ThinkStock

Immagine ThinkStock

“Il segreto, ovviamente, è che non devi friggere le salsicce in una padella preriscaldata, cosa che ho scoperto solo anni dopo. E ci dovresti bere del buon vino. A me è sempre piaciuto di più: combinare lavorazioni molto economiche -cibo di classe con i Rothschild rossi più costosi. Ma ora mi limito all’acqua del rubinetto. Sì, noioso. Ma ho smesso di bere l’anno scorso e ora mi limito all’acqua e ai succhi di frutta. Questo è difficile per me, sarò onesto. Ma vale la pena pensare al sapore della vodka quando bevo un sorso d’acqua. Inoltre, non fumo più. Alla mia età non dovrei più farlo. Voglio continuare a respirare”.

Fender Telecaster ‘Micawber’ 1953

“Ho una vasta collezione di chitarre, che non è iniziata come un gruppo serio. Mi piaceva comprare chitarre perché ero interessato al suono. Ad un certo punto avrai una collezione. Di recente sono passato al basso perché ero affascinato dal suono dei bassi.

“Ma penso che la mia chitarra preferita sia la Fender Telecaster. Gli anni 1953-1956 sono i migliori. Ne ho molte e, ad essere onesto, non so nemmeno dove siano tutte. Terrò la memoria principale un segreto, ma c’è di più a Londra e New York. Tutto è gestito dal meraviglioso chitarrista Pierre. De Beauport. Tiene traccia di tutto e fornisce consigli di acquisto immediato perché voglio un basso”.

Telecaster Fender

Fender Telecaster ‘Micawber’ 1953.immagine di camper

I Rolling Stones suoneranno al King Baudouin Stadium di Bruxelles lunedì 11/7.