QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

In Australia minacciano interruzioni di corrente: ‘Stiamo assistendo alle conseguenze del fallimento del precedente governo’ | All’estero

Martedì l’Autorità di regolamentazione dell’energia australiana ha avvertito l’operatore del mercato energetico australiano (AEMO) di blackout in cinque stati. Lo riporta la radio pubblica australiana ABC. L’Australia, uno dei maggiori produttori di carbone, sta affrontando una crisi energetica.

AEMO ha avvertito di interruzioni negli stati del Queensland, New South Wales, Victoria, South Australia e Tasmania. Da allora gli avvisi per l’Australia Meridionale e la Tasmania sono stati revocati. Dopo consultazioni con governi, industria e produttori, l’AEMO ha annunciato che martedì sera sono state scongiurate potenziali interruzioni nel New South Wales e nel Queensland. AEMO può obbligare i produttori di energia a immettere energia nella rete.

Il tetto massimo del prezzo dell’energia, A $ 300 per megawattora (convertito € 200), attualmente impedisce ai produttori di immettere energia nella rete. AEMO ha imposto limiti a Queensland, New South Wales, Victoria e South Australia mentre i prezzi dell’energia salgono alle stelle, riferisce ABC News.

L’attuale premier punta il dito contro i governi precedenti

Il nuovo premier socialdemocratico, Anthony Albanese, ha poi accusato il precedente governo conservatore di non aver attuato una politica energetica degna di questo nome.

Il primo ministro australiano Anthony Albany © ANP/EPA

I conservatori sono al potere da quasi dieci anni. “Ora stiamo assistendo alle conseguenze del fallimento del precedente governo nello sviluppo di una politica energetica”, ha detto l’albanese ai giornalisti a Brisbane secondo quanto riferito dall’AFP. Secondo lui, “tutto è sul tavolo” per mitigare la crisi.

Risoluzione dei problemi e manutenzione

L’Australia è uno dei tre maggiori produttori di gas e carbone al mondo. Ma quasi un quarto delle centrali termoelettriche della costa orientale ha chiuso per guasti e manutenzioni. La guerra in Ucraina ha anche aumentato la domanda di gas australiano per l’esportazione. Di conseguenza, sono scomparse le eccedenze che potevano compensare il deficit del mercato interno.

Il segretario all’energia Chris Bowen ha dichiarato martedì che la rete dovrebbe essere in grado di evitare blackout, almeno se non ci sono altre interruzioni. E ha avvertito i residenti dell’Australia, dove attualmente è inverno, che potrebbe diventare un “inverno in movimento”. Basse temperature, centrali a carbone crollate, turbolenze geopolitiche e gravi inondazioni sulla costa orientale potrebbero innescare una crisi.

L’esperto di energia Richie Merzian dell’Australian Research Institute afferma che è necessario trovare un nuovo equilibrio per evitare questo tipo di crisi. “Finché l’Australia rimarrà dipendente da gas e carbone, i clienti australiani continueranno a dipendere dai prezzi internazionali dell’energia, che sono soggetti a eventi al di fuori del nostro controllo”.

Leggi anche:

Elevata domanda di elettricità: non ci sono nuovi collegamenti per le aziende alla rete ad alta tensione in due province olandesi

Magnete: Engi dovrebbe smettere di fare il governo

CD&V vuole ridurre la parte fiamminga della bolletta elettrica: illuminazione 100 euro per nucleo familiare

READ  Un ministro israeliano in Egitto per la prima volta in tredici anni: mediazione per un cessate il fuoco | all'estero