QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

In Italia, Corona Pass è il tuo “biglietto extra”

‘Guarda, è questo. Va tutto bene. “Antonella di Venezia sta trascorrendo una settimana a Roma con la sua amica, come tutti gli altri in attesa all’ingresso dei Musei Vaticani, ha un cellulare in mano. “Capo Verde” Per visualizzare. “È davvero un biglietto in più.”

Da venerdì, tutti coloro che visitano un museo in Italia con più di dodici anni devono cenare all’interno del ristorante perché c’è l’aria condizionata, andare al cinema o al luna park, mostrare il “passaporto corona” e un documento di identità. Ci sono state alcune proteste contro di essa, ma molte meno che in Francia. Antonella, assente dal cognome NRC Poiché discute con gli amici sul vaccino, dice: “Considero questa azione un segno della mia sicurezza e del rispetto per gli altri. Non riguarda l’individuo, ma la comunità.

Nelle conversazioni con i turisti in attesa del tempo assegnato, non si sentono critiche o disagi. Solo David Ansorena del Barcellona è titubante. Questo non è del tutto giusto per le persone che non sono state vaccinate per nessun motivo. Possono fare di meno. Lily Santos di San Bernardino, California, vuole un controllo extra. Lei lavora in un ospedale. “Ho visto cosa potrebbe fare il Covid-19 alle persone. Dobbiamo fare il possibile per impedirne la diffusione”.

READ  L'Italian Market Restaurant di Cincinnati riapre a North Lane

Per musei e siti archeologici il controllo aggiuntivo non crea grossi problemi organizzativi. Questo è diverso per i ristoranti. I ristoratori si lamentano di non avere il tempo di controllare. Quindi, come dice il regolamento all’inizio, devi chiedere l’identità di tutti loro per vedere se il nome corrisponde al pass verde. La richiesta è stata ritirata lunedì.

Ansorena di Barcellona una volta ha detto di aver mangiato dentro, ma non è stata testata. Van Luiz si godeva gli olandesi qui in modo diverso con il marito e le figlie a Roma. “Mangiato due volte, controllato due volte.”

C’è una lunga fila al Colosseo. Soffiare gocce davanti a due grandi nebulizzatori impedisce alle persone di surriscaldarsi. Anche qui il tempo: facciamo il necessario. Anna Bob della Germania meridionale è persino arrabbiata per non essersi messa alla prova: aveva compilato tutti i tipi di moduli per il volo per Roma, ma nessuno l’ha sentito quando è arrivata. “C’è qualcosa di arbitrario in questo: un passaggio dovrebbe essere consentito, ma guarda quanto sono vicine le persone qui”.

Mangiare fuori è sempre permesso

All’ingresso, Diego Paselli controlla i passaporti corona digitali e cartacei – all’interno il controllo d’identità viene effettuato dalle guardie giurate. “Non vediamo molte persone i cui affari non sono in ordine”, dice. “A volte la gente pensa spigola verde Non c’è bisogno qui perché sei per lo più fuori. Ma non si tratta di dentro o fuori, si tratta di tenere le persone vicine qui. “

Leggi anche: Vaccinazione obbligatoria: manifestazioni in Francia, applausi in Italia

Per i ristoranti, è all’interno o all’esterno. È sempre consentito mangiare all’aperto, solo con un passaporto corona all’interno. “È così che facciamo”, dice Tony del Vecchio, il resto della salute del ristorante. Apre un processore speciale chiamato Verifica C19 e scansiona il codice QR. Vedi anche: nome, data di nascita e segno di spunta verde. “Non è un grosso problema”, chiede. “E funziona esattamente così.” La polizia non ha ancora visitato, ma sa che il caso dovrebbe essere temporaneamente chiuso se i clienti non vengono testati adeguatamente.

READ  David Kazani si dimette da Ct dell'Italia

Il controllo funziona bene e decine di persone che volevano acquistare un codice QR falso per 150-500 euro ora si sentono truffate. L’applicazione vede che il codice non è reale. Hanno perso i loro soldi e ti lamenti se sei coinvolto nel farti falso? Nessuno lo inizia.

Dal 1 settembre avrai bisogno di un pass verde per volare o per viaggi più lunghi in treno o in autobus.