QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

In Italia è tornato il turismo di massa, e con esso la cattiva condotta: ‘peggio che mai’

Notizie della scorsa settimana: un turista americano arrabbiato ha lanciato due busti romani ai Musei Vaticani. Secondo un quotidiano italiano Il Messaggero Era arrabbiato perché non poteva vedere il Papa. Gli idoli hanno più di duemila anni. Un busto e un naso e un orecchio rotti. L’uomo è stato arrestato.

Questo è l’undicesimo incidente quest’anno di turisti che vandalizza l’arte e il patrimonio culturale italiano. In Italia, il numero di turisti è aumentato notevolmente dopo il corona virus. Non tutti si comportano bene: a Venezia la polizia ha dovuto tornare sugli incidenti che coinvolgono i turisti più spesso che negli anni precedenti la pandemia del corona. Dai turisti che nuotano nei canali protetti ai danni deliberati agli edifici storici, come i graffiti sull’antica chiesa di Rentondor.

Distruzione

Secondo il giornalista Anouk Poon, questi incidenti stanno suscitando molta rabbia in Italia. “Le immagini di misoginia dilagano sui giornali e diventano virali. La gente reagisce incredula: ‘Quanto puoi essere stupido e irrispettoso?’ Allo stesso tempo, molti italiani non sono molto sorpresi, perché il fastidio dei turisti non è un fenomeno nuovo. Prima di Corona i turisti si tuffavano anche nelle fontane, che sono monumenti antichissimi della città”.

Maserati

Quest’anno, i turisti a volte si sono arrabbiati così tanto che un turista dell’Arabia Saudita ha guidato giù per Piazza di Spagna a Roma con la sua Maserati a noleggio. Due gradini di marmo sono stati rotti. Danni: migliaia di euro.

Un turista australiano che ha guidato uno scooter attraverso le rovine scavate di Bombay ha detto che non aveva idea che non gli fosse permesso farlo. La polizia lo ha anche arrestato per danneggiamento del patrimonio culturale.

I droni sono stati vietati

Molti turisti non conoscono bene le regole. Ad esempio, è vietato far volare i droni nei centri storici delle città. Ma di solito succede. Di recente, un drone turistico messicano ha sorvolato la Torre Pendente di Pisa. Fortunatamente nessun danno è stato fatto.

Un altro drone turistico si è schiantato pochi giorni fa sul tetto di un palazzo del XV secolo a Roma.

Regole severe

Alcuni anni fa la città ha introdotto rigide normative per i turisti. Ad esempio, è vietato mangiare o bere sui gradini dei monumenti perché lo zucchero e gli acidi degli alimenti possono danneggiare il marmo. Ma secondo Boone, questo non è chiaramente affermato ovunque:

“Non ci sono cartelli che dicono che non puoi sederti nella fontana e mangiare il gelato. Alcuni turisti non sanno molto di patrimonio culturale. Non sanno che stanno facendo qualcosa di sbagliato e non intendono danneggiare la fontana Ma può essere un gelato costoso se all’improvviso ti multano 350 euro. Ma la gente che scende la scalinata di Piazza di Spagna in motorino… Sì, puoi sicuramente imparare che le scale di marmo non servono a niente”.

A volte è puro vandalismo: un turista è stato arrestato per aver graffiato il suo nome sul Colosseo, un’arena di gladiatori romani. La psicologa Audrey Tang ha detto alla CNN che l’aumento del numero di casi potrebbe essere correlato alla fine delle regole della corona. “Puoi paragonarlo a una caldaia ad alta pressione. Puoi sfogarti in vacanza, e probabilmente è peggio del solito ora perché siamo stati costretti a tenerci così tanto dentro.”

READ  L'Italia si sveglia: l'UE sta uccidendo la Ferrari?

Limite turistico

Per ridurre il peso del turismo di massa, molte città e regioni italiane stanno valutando restrizioni turistiche.

Venezia è stata la prima città a introdurre un tale limite. Dal 2023 solo un numero limitato di turisti visiterà la città al giorno. a pagamento.

tensione

“Certamente l’enormità gioca un ruolo”, dice Boone. “I Musei Vaticani permettono a molte persone di guadagnare contemporaneamente. L’Italia dipende anche dal turismo. Molti italiani lavorano nel settore turistico, nella ristorazione, come guide. Si nota la tensione a Venezia. Per la maggior parte , la qualità della vita è sotto pressione. Negli ultimi mesi, persone che si fanno selfie, addii al celibato, bevono La città è piena di gente che fa rumore. Questo crea tensione tra la gente del posto e qualcosa di triste per l’anima. La città è perduta. “

Troppo

Tuttavia, Boone ha osservato che molti italiani sono felici di vedere i turisti quest’anno. “Il silenzio nelle città durante il lockdown mi ha depresso. La gente me lo diceva: non vogliamo nemmeno quel silenzio. Ma il ricordo eccessivo del turismo è passato un po’ più in secondo piano durante la pandemia. Il ritorno dei turisti, il male , il lato negativo del turismo è ora completamente tornato”.