QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

In Italia trattano i tessuti di cotone con tecnica

Fermare i collaudatori a Roma la scorsa estate.Campo Massimo Percosy / EPA

A Roma puoi fare una prova veloce della corona ad ogni angolo di strada per qualche mese. Nelle tende bianche allestite davanti alle porte della farmacia è possibile acquistare un pegno provvisorio a 22 euro. Per poter viaggiare, la maggior parte dei paesi richiede un test PCR più costoso e più accessibile. Come ha sottolineato una volta il mio collega Just De Vries in Sud America, le prove sono ora parte integrante della vita e certamente una parte della vita di un giornalista. Descritto.

Con sette risultati negativi dei test in tre paesi diversi, ho raccolto abbastanza materiale per un’indagine comparativa europea. Inizialmente, la raccolta dei dati è stata titubante perché la mia prima esperienza all’Amsterdam GGT non è stata facile per me. L’impiegato ha preso a pugni il panno di cotone in gola con una mano pesante e immediatamente me lo ha schiaffeggiato in profondità nel naso verso la fronte. Un po’ sottile, molto efficiente.

Mi curo quando arrivo a Roma, ma la strada di prova in aeroporto si rivela un mondo diverso. Dopo aver compilato tre moduli in duplice copia e firmato almeno otto firme, un simpatico impiegato mi spinge con delicatezza il panno di cotone nel naso. Non raggiunge la metà della profondità dell’Amsterdam GGD, ma (per compensare?) fa due buchi; Non c’è bisogno di gola.

Mezz’ora dopo sono uscito dall’aeroporto con esito negativo e senza mal di naso. Questo è così banale, mi viene in mente un pensiero calvinista: se non fosse stato un po’ fastidioso, questo test sarebbe stato preso bene? Perché sono così dolci, non si perdono molte infezioni qui?

READ  L'Italia lascia a casa l'attaccante del PSG

Perché un metodo può essere accidentale, ma i miei prossimi tre test italiani (veloce e PCR, in ospedale, in clinica e in farmacia) sono indolori e lenti, spesso con chiacchiere amichevoli.

Il secondo pesante test olandese – questa volta non dal GGD – riafferma la mia teoria, anche se sono d’accordo che il supporto statistico è ancora piuttosto basso. Eppure questo non sembra irragionevole: le persone in Italia capiscono l’arte di rendere la vita più dolce in tutti i tipi di aree rispetto ai Paesi Bassi. Perché non dovrebbe applicarsi ai test corona?

Tuttavia, nella mia ricerca comparativa i Paesi Bassi non sono all’ultimo posto, ma la Grecia. Lì la segretaria – nonostante il sistema di prenotazione digitale ben funzionante – sta digitando il passaporto di tutti con un dito per oscuri motivi. Un impiegato non mette il cotone nel naso tanto per cambiare, ma più volte in fondo alla gola chiudo la bocca del contenitore bianco. I greci non temevano un piccolo inconveniente. Hanno ragione.

Ma finché è lo stesso ovunque in Europa, adorerò il modo italiano. Almeno per egoismo, mi interessano di più le sottigliezze che usano gli italiani con i panni di cotone. Sopprimo i pensieri di possibile affidabilità perché il numero di test positivi in ​​tutta Europa è solo una frazione delle epidemie totali. È interessante solo per le tendenze, non per il numero assoluto. Quindi, se fai sempre un test come questo lentamente, non importa. Però?

Purtroppo gli italiani non sono solo bravi ad alzare il tenore di vita, sono bravi anche a frodare la burocrazia. Vogliono farlo sotto forma di molti moduli scritti a mano che devi consegnare personalmente. Ci vuole tempo, inchiostro e pazienza per prenotare e sottoporsi a un test di italiano. Ma ne hai uno.

READ  Il ministro Ben Weights non ha seguito l'esempio dell'Italia: "Road to ...