La sera di martedì 18 giugno 2024 si è svolta a Zweindrecht l’apertura simbolica del luogo dedicato alla commemorazione delle vittime del Corona. Questo è un albero commemorativo della Corona. Il sindaco Leon Annenk, insieme al promotore e residente Goni De Haas, hanno inaugurato la sede svelando lo striscione commemorativo vicino all’albero.

Albero commemorativo

L’albero commemorativo si trova a Willem van Orangelaan vicino a Jan van Nasostraat. È ginkgo biloba. Intorno all’albero è stato creato un sentiero e davanti all’albero c’è una panchina.

Conseguenze visibili e invisibili

La maggior parte delle persone si è lasciata alle spalle il periodo del Corona. Sfortunatamente, questo non si applica a tutti. Per alcune persone, Corona non se ne va mai. Ad esempio, perché hanno perso una persona cara. Oppure perché a volte soffrono di gravi disturbi a causa del lungo periodo di coronavirus. La tristezza è ancora presente in loro e le conseguenze di questo periodo difficile sono ancora evidenti.

Il sindaco Leon Annenk e l’assessore Jacqueline Van Dongen hanno tenuto un breve discorso d’inaugurazione. Il sindaco Leon Annenk: “Con l’albero commemorativo diamo ai residenti un posto per commemorare i loro cari deceduti a causa del Corona, ma ovviamente anche per pensare alle conseguenze del virus. Ecco perché Penso che sia importante poter offrire questo. Il posto è per i residenti.

Consigliera Jacqueline Van Dongen: “L’albero e la posizione sono stati scelti con cura. Questo albero simboleggia la speranza, la forza della vita e l’amore e rimarrà qui per molto tempo. In autunno le sue foglie diventano di un bellissimo giallo dorato possiamo soddisfare i desideri della signora Gunnie de Haas e tante altre persone nella nostra comunità possono abbracciarlo e vederlo realizzarsi qui.

READ  Parla con tuo figlio: questo può influire sullo sviluppo del cervello

iniziativa

Goni de Haas aveva già parlato con il comune della possibilità di creare un luogo commemorativo. Questo posto esiste adesso. De Haas: “Solitudine, paura, tristezza (silenziosa) e molto altro: era tutto lì: spero che il luogo della memoria diventi un luogo di riposo, memoria e ricordo per tutti coloro che sono stati colpiti in qualsiasi modo durante la pandemia di Corona. ” “.

Divulgazione 1