QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Incoraggiare comportamenti alimentari sostenibili e salutari

COVID-19 Cambia il comportamento alimentare della popolazione olandese verso cibi più sani e sostenibili o malsani. Lo dimostra uno studio della Wageningen University & Research commissionato dal Ministero dell’agricoltura, della natura e della qualità degli alimenti. Lo studio esamina l’impatto della pandemia di coronavirus sul comportamento di scelta alimentare degli olandesi durante la pandemia. La maggior parte delle persone mostra un modello simile, ma in particolare le persone giovani, in sovrappeso e fragili iniziano a mangiare in modo diverso.

uno studio

Lo studio ha testato nove studi olandesi e 23 articoli scientifici europei su corona e comportamento alimentare e ha confezionato i risultati. I ricercatori hanno anche esaminato cosa potremmo imparare dalla crisi per far prendere piede abitudini alimentari sane e sostenibili.

I giovani hanno iniziato a mangiare cibo malsano

La stragrande maggioranza delle persone non mostra alcun cambiamento durante la crisi di Corona, ma stanno emergendo una serie di trasformazioni sorprendenti. Ad esempio, alcuni gruppi mangiano più frutta e verdura e consumano meno snack e alcol. Inoltre, si acquistano più prodotti regionali e stagionali e si butta via meno cibo. Allo stesso tempo, ci sono anche gruppi che iniziano a mangiare e bere in modo meno salutare: più snack, asporto o consegna a domicilio più frequenti e più alcol. Colpisce: i cambiamenti, sia positivi che negativi, sono particolarmente pronunciati tra i giovani, le persone in sovrappeso e le persone con problemi di salute mentale. Questo è molto più basso che nel caso degli anziani. Complessivamente, circa il 22% degli olandesi ha iniziato a mangiare cibi sani a causa della pandemia, mentre il 12% ha iniziato a mangiare cibi meno sani. “A prima vista, questi cambiamenti non sembrano scioccanti, ma cambiamenti nei modelli alimentari su questa scala non si verificano mai”, afferma Marilyn Unweizen, ricercatrice presso Wageningen Economic Research.

READ  Sanquin: tre quarti dei donatori di sangue hanno anticorpi contro il coronavirus

Più motivazione, più possibilità

Secondo Unuzin, ci sono diverse spiegazioni per i cambiamenti nei modelli alimentari: “La pandemia ha spinto alcune persone a mangiare cibi più sani. Fattori come la salute, un sistema immunitario migliorato e il desiderio di perdere peso giocano un ruolo. Anche i fattori di sostenibilità giocano un ruolo importante. ruolo, come una preferenza per più prodotti olandesi.Inoltre, poiché sono a casa più spesso, le persone hanno anche maggiori opportunità di trascorrere più tempo in cucina, ad esempio.Allo stesso tempo, i gruppi vulnerabili sembrano essere meno resilienti e lo stress, la paura e la noia possono effettivamente stimolare il consumo di persone malsane.Le persone che sono più ricettive alla nuova realtà spesso mangiano una dieta sana. “

motivazione intrinseca

Secondo Onwezen, i cambiamenti nella dieta durante il COVID-19 offrono opportunità: “Di solito è molto difficile per le persone cambiare il proprio comportamento alimentare, ma il COVID-19 ha reso molte persone più consapevoli del cibo e danno più valore alla salute. e sostenibilità. A causa di questa spinta In sostanza, stanno facendo scelte sempre più consapevoli che durano anche nel lungo periodo. Azioni per motivare le persone ad aiutare, come modelli di ruolo che possono essere seguiti attraverso i social media. La comunicazione su COVID ha fatto alcune le persone si rendono conto dell’importanza di vivere in modo più sano. Ad esempio, è apparso nelle notizie quotidiane che le persone obese sembravano essere più suscettibili al virus. Questo metodo di comunicazione potrebbe essere utilizzato anche senza una pandemia per consentire alle persone di sperimentare l’urgente bisogno di mangiare una dieta salutare.

READ  Panoramica. Meno di 450 pazienti affetti da coronavirus sono in terapia intensiva e tutti i numeri sono in linea discendente Notizie su Instagram VTM

Nuove abitudini stando di più a casa

A causa della pandemia, le persone mangiano di più in casa, il che ha portato a nuove abitudini: cucinare più a lungo, mangiare più verdure di stagione e utilizzare gli avanzi del congelatore il mercoledì. “Attraverso l’autoconsapevolezza, le persone possono continuare a motivarsi sottilmente per rendere la scelta sana quella più facile”, afferma Marilyn Unweizen. “Puoi conservare snack poco salutari, ad esempio, nei pensili della cucina o in un armadio con serratura. Oppure puoi parcheggiare l’auto un po’ più in là, così puoi pedalare più velocemente per fare la spesa”.

Per evitare che le persone vulnerabili ricadano in comportamenti di scelta alimentare non salutari, hanno bisogno di sostegno, afferma Unwezen: “È utile se imparano a gestire meglio una crisi, ad esempio perché hanno anche iniziato a vedere gli aspetti positivi o perché” abbiamo imparato a prendere la situazione così com’è”.

COVID e comportamenti di scelta alimentare sostenibile

Pertanto, il COVID-19 fornisce una serie di punti di partenza per stimolare in modo permanente comportamenti di scelta alimentare sani e sostenibili e scoraggiare scelte malsane e non sostenibili. Onbes: Mentre siamo rimasti sorpresi dal virus COVID, non dovremmo essere sorpresi dalle tentazioni che vengono dopo la pandemia. L’impatto del COVID sulle nostre scelte alimentari fornisce spunti che ci consentono di accelerare la transizione verso una dieta sana e sostenibile. “

Leggi il rapporto:

L’impatto del COVID-19 sul comportamento dei consumatori di alimenti: impatto, interpretazioni ed efficacia

Fonte e immagine: wur.nl