QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

India e Pakistan festeggiano 75 anni di indipendenza dopo il dominio britannico | All’estero

Il 14-15 agosto 2022 segnerà esattamente 75 anni di indipendenza dell’India e del Pakistan. Dopo anni di dominio britannico, nel 1947 fu redatta la Dichiarazione di Indipendenza, che portò a una spartizione formale tra i due paesi.

La divisione riflette la divisione religiosa del Paese: il Pakistan, dove si stabilisce la maggior parte dei musulmani, è passato sotto la guida di Muhammad Ali Jinnah della Lega musulmana. Jawaharlal Nehru e Mahatma Gandhi presiedevano l’India, dove gli indù erano la maggioranza.

La scissione è stata il risultato di consultazioni tra il Congresso nazionale indiano, la Lega musulmana, la comunità sikh e Lord Mountbatten, un membro della famiglia reale britannica. La Lega musulmana temeva la discriminazione contro i musulmani da parte della maggioranza indù e quindi chiedeva il proprio stato, il Pakistan.

Questa distribuzione si è rivelata tutt’altro che ideale. I musulmani si sono trasferiti in Pakistan, indù e sikh si sono trasferiti nell’India laica. L’esodo, in cui da dieci a dodici milioni di persone si sono spostate dall’altra parte del Paese, è stato accompagnato da violenze reciproche: centinaia di migliaia di persone hanno perso la vita.

I pakistani celebrano il loro giorno dell’indipendenza. © ANP/EPA

Anche i conflitti regionali hanno causato molte tensioni. Il Pakistan è composto da due parti: il Pakistan occidentale e quello orientale, che sono separati da circa 1.500 km, separati dall’India. Nel 1965 ciò portò allo scoppio della guerra tra Pakistan e India. Pochi anni dopo, seguì l’indipendenza del Pakistan orientale: dopo la conquista dell’India, fu creato lo stato del Bangladesh.

Gli ultimi 75 anni non sono sempre stati così rosei. Le tensioni interne in India tra gli indù e una minoranza di musulmani portano regolarmente a conflitti. Le minoranze tornano sotto pressione: i nazionalisti indù, guidati dal premier Narendra Modi, promuovono la discriminazione. I conflitti che hanno accompagnato l’indipendenza continuano a influenzare la politica oggi e creano rivalità tra i due paesi.



riconsiderando:

READ  I russi vogliono chiamare Putin il sovrano delle notizie di Instagram VTM