QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Indra soffre di PMDD (disturbo disforico premestruale): ‘l’effetto è ovunque’

“Ho iniziato a usare il controllo delle nascite ormonale alcuni anni fa”, dice. indra“Ho reagito davvero male a questo, soprattutto mentalmente”. Indra soffre di depressione e sbalzi d’umore e si arrabbia rapidamente. “Mi sentivo anche molto solo e non avevo più voglia di svolgere le mie attività quotidiane”.

Indra smise di usare il contraccettivo, ma i sintomi persistettero. “Ho cercato a lungo prima di imbattermi in PMDD.” Il PMDD (disturbo disforico premestruale) è un disturbo dell’umore associato al ciclo mestruale in cui i sintomi compaiono nella settimana prima del ciclo.

Ho ricercato a lungo prima di imbattermi in PMDD.

Questi sintomi possono essere sia psicologici che fisici, ad esempio crampi al seno o dolore. Mi ha aperto gli occhi.” Il PMDD ha un impatto su vari aspetti della vita. “L’influenza è ovunque, sia al lavoro che nelle tue relazioni private. Ma anche nella tua vita sociale, perché se inizi a cancellare le cose, vedrai meno amici”.

progesterone

Hermann Dieber Un professore di ginecologia al Ghent University Hospital afferma che la condizione era conosciuta con un altro nome, “tensione premestruale”. “Succede nelle donne che sono allergiche al progesterone”. I sintomi possono variare. “Ho pazienti che affermano di essere molto dolci nella prima metà del ciclo e che si trasforma completamente nella seconda metà. Per altri, ha a che fare con il sentirsi agitati o depressi”.

“Quindi se prendi la pillola, prendi subito quell’ormone.” La pillola consiste in una combinazione di estrogeni e progestinici. “Fortunatamente, ora ci sono pillole che aggiungono la seconda metà dell’ormone come diuretico. Questa potrebbe essere una soluzione”. Secondo il professore, molte donne soffrono di questa condizione.

READ  Gli aggiornamenti quotidiani e la dashboard di COVID-19 sono terminati

Negoziabile

Molte donne cercano risposte a domande sul ciclo mestruale. “È importante che l’argomento sia aperto alla discussione. Ecco perché ho scritto un libro sulla menopausa”, dice il professore. “In questo modo possono capire le cose da soli e formare le proprie idee”.