QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Ineos Will Fall non si arrende: “La produzione di plastica utilizzando combustibili fossili semplicemente non può essere fatta in modo rispettoso dell’ambiente” (Anversa)

Sabato, gli attivisti di Ineos Will Fall si sono trasferiti dalla sede provinciale alla Port House, Scheldt Curve e al sito della nuova fabbrica Ineos nel porto con il cartello di gara. Con questa costruzione simulata, i membri del gruppo hanno voluto attirare l’attenzione su alcune informazioni su un progetto a cui sono più interessati: l’implementazione schematica della nuova unità cracker di etano del gigante chimico Ineos.

Il cartello indicava che l’impianto consumerà fino a 720 metri cubi di acqua potabile all’ora e 1.910mila tonnellate di gas etano all’anno. Il nuovo cracker etano emetterà inoltre 454.000 tonnellate di CO2 e 167 tonnellate di biossido di azoto all’anno.

© Jan van der Berry

La portata del cracker di etano è già a pochi metri dal suolo. Diamo un’occhiata ad alcune cose di nuovo. Il colosso chimico Ineos vuole costruire un cracker di etano nel porto di Anversa. Questa sintesi produrrà etilene, un prodotto chimico primario utilizzato, tra l’altro, nella produzione di materie plastiche.

L’arrivo di questo nuovo impianto è stato ferocemente contestato fin dall’inizio dalle organizzazioni ambientaliste, ma nel dicembre dello scorso anno ha ottenuto l’autorizzazione dalla provincia di Anversa. Anche se è in condizione Ineos si sforza di diventare climaticamente neutrale entro dieci anni.

Le obiezioni sono nella spazzatura.

Ma questo non basta, secondo Ineos Will Fall, tra gli altri. “617 ricorsi sono stati presentati contro l’impianto, ma quando leggiamo la decisione di boicottaggio, possiamo solo concludere che tutte le obiezioni di questi cittadini alla costruzione di questo progetto sono finite nella spazzatura. Tuttavia, c’erano obiezioni fortemente motivate che hanno fatto affermazioni molto inquietanti sugli effetti del clima e dell’inquinamento”, afferma Arno Kempink.

Gli attivisti non intendono sostenere la loro protesta silenziosa di sabato. Il gruppo sta pianificando una manifestazione davanti al gabinetto e ministro dell’ambiente Saturn Demir (Virginia settentrionale) il 28 gennaio alle 12:30. Con questa protesta vogliono fare una chiara richiesta: “Dì no al cracking dell’etano INEOS”. Ha aggiunto: “Se la delegazione non ascolta, speriamo di ottenere un risarcimento dal ministro competente Demir. Deve annullare la decisione. Ha chiuso centrali elettriche a gas a causa delle loro elevate emissioni di azoto, ma questo progetto provoca anche enormi emissioni dello stesso azoto. Allora dovrebbe fermare anche questo progetto.

Professione

Seguirà una procedura di ricorso da parte di alcune associazioni ambientaliste e climatiche e anche la provincia della Zelanda nei Paesi Bassi farà ricorso contro il permesso ambientale della delegazione. La provincia olandese teme che il controverso squatter rilascerà troppo azoto nelle riserve naturali della Zelanda nelle vicinanze.

“Per noi è semplice, anche in determinate condizioni, semplicemente non è possibile produrre plastica utilizzando combustibili fossili in modo ecologico. Quindi l’impianto non verrà costruito”.

Vuole solo rendere l’industria chimica più sostenibile. “Attraverso Project One, Ineos sta portando innovazioni tecnologiche in Europa per fare la differenza nel clima di oggi. Non lo stiamo facendo da poco, ma è importante: dopotutto, un cracker di etano avrà le emissioni di CO2 più basse in Europa”, come afferma Natalie Mert di Ineos.

“Con l’idrogeno che utilizziamo oggi, possiamo già sostituire il sessanta per cento del gas naturale di cui normalmente abbiamo bisogno. Il cracker è progettato in modo tale che oggi è tecnicamente possibile far funzionare l’intero impianto utilizzando l’idrogeno. Non c’è proprio abbastanza idrogeno verde e conveniente oggi. Se ne fosse disponibile di più Dell’idrogeno verde ad Anversa, alla fine saremo in grado di sostituire il restante 40. Si presume inoltre che plastica e plastica siano cattive per definizione e che l’etilene sia utilizzato esclusivamente per utilizzare la plastica. Questa è violenza contro la verità. L’etilene è una materia prima necessaria per innumerevoli applicazioni sostenibili. La sua che indubbiamente esiste anche nei soggiorni degli attivisti. Durante la pandemia in particolare, è diventato chiaro quanto siano importanti per tutti i tipi di applicazioni mediche, dai gel per le mani alle sacche di sangue e agli auto-esami per COVID”.

READ  Bitcoin sale e rompe $ 30.000, ma è falso? » Crypto Insider