QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Infettare la corona apposta: molto poco saggio secondo gli esperti

“Dopo sei tentativi (inconsci) di infezione, ci sono riuscito”, ha scritto lunedì Jeroen (un soprannome noto agli editori) su Facebook. Non è vaccinato. Maggiore è la stretta del governo, maggiore è la profondità. Ma il biglietto Corona gli sembrava utile. Dice perché non sai come andrà a finire. Forse a un certo punto diventerà obbligatorio sul lavoro. E vuole essere in grado di prendersi cura di se stesso e, soprattutto, di sua figlia.

Come accennato, ci volle un po’ prima che Jeron lo ottenesse. Aveva dato un bacio per salutare una persona con la corona o un abbraccio. “E l’ultimo incontro di successo non è stato nemmeno il tentativo più consapevole dei Sei”, dice Jeron. “Anche se durante una tazza di caffè era chiaro che una persona poteva avere il coronavirus”.

“Mi comporto in modo incredibilmente poco saggio e poi mi esprimo gentilmente”, afferma il presidente Rod Colin Van Brackel dell’Istituto per l’uso responsabile della medicina. “Non sai in anticipo quanto sia pericolosa l’infezione. Indipendentemente dal modo in cui la guardi, c’è un modo semplice per proteggersi dal coronavirus ed è attraverso la vaccinazione”.

Quanto sei malato?

Il problema più grande con l’infezione intenzionale di te stesso è che non sai in anticipo quanto sei malato, afferma l’immunologa Marjoleen van Egmond di Amsterdam all’UMC. “La maggior parte delle persone in terapia intensiva pensa che non le farà ammalare molto. Molte persone che si lasciano infettare intenzionalmente ne sopravviveranno indenni, ma un certo numero di persone finirà anche in terapia intensiva o covid polmonare. Semplicemente non lo sai. Sai chi sono in anticipo. “

READ  Cercasi collezionisti mobili per la settimana della raccolta MS | Notizie Zeewold

Non ci sono cifre per il numero di contagiati deliberatamente. La registrazione è quasi impossibile per ragioni abbastanza ovvie. Ma Che quello che sta succedendo non è una novità. Già alla fine dello scorso anno, il Dipartimento della Salute e del Benessere Giovanile aveva messo in guardia dall’offrire prodotti fai-da-te in vendita sui social media e tramite siti web privati.

Sfiducia incomprensibile

“Ti stai mettendo a rischio, quando c’è una semplice alternativa disponibile. Con un vaccino, stai allenando il tuo sistema immunitario senza farti ammalare”, dice van Egmond.

Colin van Brakel non comprende la sfiducia nei confronti dei vaccini. “Mai prima d’ora c’è stato un uso così ampio e trasparente del controllo della droga”, dice. “Viene segnalato ogni raro effetto collaterale, anche se si verifica solo in circa 1 caso su 100.000. Il rischio di sviluppare un’infezione grave e di sperimentare effetti avversi a lungo termine è molte volte maggiore. Per molte persone, sembra essere difficile ottenere buoni risultati. valutazione del rischio Stima.

Guarigione o innesto, che è meglio?

Sia che tu ti sia ripreso da un’infezione da corona o abbia ricevuto una vaccinazione, in entrambi i casi stai acquisendo resistenza contro una successiva infezione da virus. “L’infezione e la vaccinazione fanno più o meno la stessa cosa, cioè dirigere il sistema immunitario”, afferma l’immunologa Marjolein van Egmond.

“Quanto sei malato può essere importante per il grado di protezione contro le infezioni. Se hai un raffreddore molto lieve, la domanda è se otterrai una forte risposta immunitaria. Puoi somministrare un vaccino al sistema immunitario e poi potenzialo. Vaccini. Allenati e migliora. E non devi ammalarti. Oh no. “

READ  La nuova variante del Covid dal Sudafrica ha mutazioni inquietanti

“Il vantaggio di essere immuni attraverso l’infezione è che si costruisce una risposta immunitaria contro l’intero virus. C’è una protezione più ampia, mentre con i vaccini ci si allena solo contro la proteina spike, a cui il virus si attacca nelle cellule sane”.

“Non credo di aver bisogno del vaccino per rimanere in salute”, dice Jeron, ma il motivo principale per me è il modo in cui il governo comunica. Non si tratta di volontariato, ma di pressione o addirittura di coercizione. Come più il governo ce l’ha fatta, più ho pensato: allora non farlo”.

Com’è l’influenza?

Jeroen non è stato molto malato da quando è risultato positivo sabato. “La prima notte ho avuto l’influenza, ma potevo tornare al lavoro la domenica, per così dire. Durante il giorno non mi sono quasi lamentato, e la sera è tornato un po’ per i primi giorni. Ora continuo a ho un po’ di mal di testa di tanto in tanto, ma questo è tutto quello che c’è da fare”.