QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Infettato dal virus del vaiolo delle scimmie scappa dall’ospedale in Messico All’estero

Un uomo americano infettato dal vaiolo delle scimmie è scappato da un ospedale messicano ed è tornato negli Stati Uniti. Lo riferiscono le Asl.

Il 48enne, originario del Texas, è scappato lo scorso fine settimana da un ospedale di Puerto Vallarta, una città nello stato messicano di Jalisco. Il personale sanitario dell’uomo ha spiegato che avrebbe dovuto autoisolarsi in attesa del risultato del test, ma l’uomo ha ignorato questo consiglio. Il paziente era arrivato in ospedale con i seguenti sintomi: tosse, brividi, dolori muscolari ed eruzioni cutanee su viso e collo.

Dopo che l’uomo è scappato dall’ospedale, è tornato all’hotel dove alloggiava con la sua compagna. Presto salì su un aereo per gli Stati Uniti prima che le autorità potessero rintracciarlo.

Feste di club

I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) hanno dichiarato lunedì alle autorità messicane che il paziente era tornato a casa, dove un test ha confermato che era portatore del virus del vaiolo delle scimmie.

Prima di arrivare a Puerto Vallarta il 27 maggio, l’uomo è stato nella capitale tedesca Berlino tra il 12 e il 16 maggio, quindi ha trascorso un po’ di tempo nella sua città natale, Dallas. Durante la sua permanenza in Messico, il paziente è andato alle feste del Mantamar Beach Club. Le autorità sanitarie ora chiedono a tutti coloro che si sono recati al locale in quel periodo di monitorare la propria salute.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha ieri Sappi che da maggio sono stati segnalati più di 1.000 casi di vaiolo delle scimmie in paesi precedentemente non colpiti.

READ  Il corpo di una pornostar italo-olandese è stato fatto a pezzi e gettato nei sacchi della spazzatura

spiegato. Cos’è il vaiolo delle scimmie?



Leggi anche:

Più di 1.000 casi di vaiolo delle scimmie in paesi precedentemente non colpiti

Van Ranst: “Il vaiolo delle scimmie può diffondersi sotto il radar per mesi o anni”