QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Inizia la sperimentazione clinica di un nuovo vaccino contro il cancro del polmone

Redazione di fatti medici / Janine Padding 23 novembre 2021 – 08:41

Un vaccino insegna al sistema immunitario dei malati di cancro ai polmoni a riconoscere e sbarazzarsi delle cellule cancerose. La tecnologia è stata sviluppata presso il Leiden University Medical Center (LUMC) sotto la direzione di Sjoerd van der Burg, anche lui associato a Oncode. Questo vaccino può offrire una soluzione a una parte significativa dei circa 10.000 pazienti che sviluppano il cancro ai polmoni ogni anno. Recentemente, un nuovo studio clinico di questo vaccino è stato avviato in Erasmus MC tra i pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule.

Il cancro del polmone non a piccole cellule è la forma più comune di cancro del polmone. Nell’80% dei casi il tumore è già resistente ai trattamenti esistenti al momento della diagnosi. Quindi le opzioni di trattamento per queste persone sono molto limitate. Il team di ricerca, guidato da Sjoerd van der Burg e Joachim Aerts, pneumologo dell’Erasmus MC, spera di cambiare questa situazione con un approccio innovativo basato su un vaccino curativo. Nello studio clinico di Fase 1/2 recentemente avviato, la sicurezza, la tollerabilità e la dose del vaccino necessarie per indurre una buona risposta immunitaria saranno esaminate in 24 pazienti.

Ogni difetto ha il suo vantaggio

L’innovativo vaccino riguarda l’attivazione del sistema immunitario del corpo per combattere il cancro ai polmoni. “Il sistema immunitario di solito riconosce le proteine ​​difettose o estranee sulla superficie delle cellule”, afferma van der Burg. In questo modo la cellula cancerosa può essere riconosciuta come tale ed eliminata dalle cellule immunitarie. Sfortunatamente, il tumore spesso bypassa questo sistema, quindi si nasconde dal sistema immunitario, per così dire. ”

READ  Oltre al COVID, migliaia di belgi hanno anche contratto una grave infezione fungina... La metà di loro non è sopravvissuta

Già nel 2006 era diventato chiaro che frammenti di normali proteine ​​endogene terminano sulla superficie di queste cellule cancerose “invisibili”. Per molto tempo non è stato chiaro cosa fossero esattamente queste parti, ma una recente ricerca di Thorbald van Hol nella Collezione Van der Burgh ha cambiato le cose. “Nel 2018 abbiamo mappato un certo numero di questi frammenti. Inoltre, risulta che questi frammenti si verificano solo nelle cellule tumorali e non nelle cellule sane. Quindi, da un punto di vista molecolare, è ancora possibile distinguere le cellule cancerose da quelle sane. cellule. Con il nostro vaccino vogliamo assicurarci che il sistema immunitario possa fare questa distinzione e quindi avviare comunque una risposta immunitaria contro il tumore”.

Effetto sui pazienti

In media, 5 anni dopo la diagnosi, il 65% delle persone con cancro è ancora vivo. Per il cancro del polmone non a piccole cellule, questa percentuale è solo del 20%. “Il vaccino che stiamo studiando ora potrebbe offrire una soluzione a un ampio gruppo di persone”, afferma Aerts. Il principio molecolare su cui si concentra il vaccino è comune anche ad altre forme di cancro, compreso il melanoma. Quindi il potenziale del vaccino è grande.

Maggiori informazioni su questa ricerca possono essere trovate su Sul sito Code Institute.

Fonte: LUMC

Redazione di fatti medici / Janine Padding

Ci siamo specializzati nelle notizie interattive per gli operatori sanitari, in modo che gli operatori sanitari siano informati ogni giorno delle notizie che potrebbero essere rilevanti per loro. Inserimento di notizie e notizie per gli operatori sanitari e le prescrizioni. I social media, la salute delle donne, la difesa dei pazienti, l’empowerment del paziente, la medicina e l’assistenza personalizzate 2.0 e la sfera sociale sono alcune delle cose più importanti a cui dovresti prestare maggiore attenzione.

READ  Pallieterland invia i primi inviti ai ragazzi di 12-15 anni... (Lier)

Ho studiato fisioterapia e gestione aziendale sanitaria. Sono anche un sostenitore del cliente indipendente registrato e un broker di sponsorizzazione non ufficiale. Ho una vasta esperienza in varie posizioni nel settore sanitario, sociale, medico e farmaceutico sia a livello nazionale che internazionale. Hanno una vasta conoscenza medica della maggior parte delle specialità sanitarie. Le leggi sanitarie con cui l’assistenza sanitaria è organizzata e finanziata. Ogni anno partecipo alla maggior parte delle principali conferenze mediche in Europa e in America per mantenere le mie conoscenze aggiornate e tenermi al passo con gli ultimi sviluppi e innovazioni. Attualmente sto studiando psicologia applicata.

I miei messaggi su questo blog non riflettono la strategia, la politica o la direzione del mio datore di lavoro, né sono per affari o per un cliente o datore di lavoro.