QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Innanzitutto, parliamo di persone che non sono povere

Innanzitutto, parliamo di persone che non sono povere

07-03-2023

uno sguardo a

La povertà senza speranza in cui si trovano sempre più persone minaccia di turbare la pace della società. Secondo Ernst-Jan de Bruijn (Università di Leiden) e Tim S. Jungers, Direttore della Fondazione Wiarde-Beckmann, per risolvere questo problema, dobbiamo prima colmare il divario tra le persone che “girano le manopole” e quelle che vivono in povertà . “Quei mondi sono a miglia di distanza.”

Testo: Nicole Gommers

parlare


Tim Youngers
Ernest Jean De Bruyne
Ernest Jean De Bruyne

L’impennata dei prezzi dell’energia e dell’inflazione dello scorso anno lo ha chiarito: la resilienza finanziaria di gran parte della nostra società è alquanto deludente, per non dire altro. Ora che anche la classe media è stata colpita da problemi finanziari, la povertà sta ricevendo più attenzione che mai. Ernst-Jan de Bruijn e Tim ‘S Jongers lo hanno notato. Purtroppo, le persone che sono state in una povertà senza speranza per più tempo hanno ricevuto meno attenzione finora.

Tuttavia, afferma S Jongers: “Questo mi dà la speranza di un cambiamento di mentalità: la tendenza ora è più spesso che la povertà non è una questione di ‘colpa propria’. Possiamo tenerne conto nelle discussioni future. Ma la mia speranza può ovviamente sii riflesso Wishful. De Bruijn conduce ricerche in una prospettiva di economia comportamentale sulla povertà. “Mi ha colpito il fatto che sembra che solo ora stiamo vedendo che gran parte della popolazione non riesce a digerire adeguatamente l’improvviso aumento dei costi”.

Muoviti con il calcio
Ente Bartels – Stampo per impastare, Ernst-Jan de Bruijn, Tim’S Jongers

Tim ‘S Jongers è Direttore della Wiardi Beckman Foundation. Fino all’agosto 2022 è stato Senior Advisor del Council on Public Health and Community (RVS). Lavora come giornalista convivente presso De Correspondent e ha pubblicato un libro sulla conoscenza empirica per le persone in una posizione vulnerabile. attacco di broccoli Al di fuori.

Per arrivare a un approccio strutturale alla povertà, è importante riconoscere che si tratta di un argomento selvaggio. Secondo De Bruijn, quasi ogni definizione non è all’altezza. “Puoi definire la povertà come la mancanza di risorse per soddisfare i tuoi bisogni. Ma include anche fattori diversi dalle entrate e dalle spese. Anche la misura in cui la sicurezza finanziaria gioca un ruolo. Non c’è tale certezza se riesci a sbarcare il lunario incontri, mentre salti da un lavoro all’altro e preferisci non andare dal medico per una detrazione, quindi precarietà abitativa è un termine appropriato”.

READ  Il seminario a Duqm offre agli operatori sanitari informali apprezzamento, comprensione e ascolto: "È così difficile fare la cosa giusta"

‘S Jongers: “I molteplici problemi che derivano dalla mancanza di denaro non riguardano solo l’avere poco. E poco capitale culturale. Il solo guardare al reddito è molto limitato”.

Ernst-Jean de Bruijn: “Se vivi in ​​povertà, sei completamente occupato dai problemi quotidiani”

La tua carta bump difettosa

La povertà ha molti effetti collaterali negativi. Spiccano in particolare i problemi di salute causati dallo stress cronico. Questo nodo di problemi è costituito da mancanza di accesso all’assistenza sanitaria (a causa dello sconto), cattive condizioni di vita (dal vivere in un quartiere con molta criminalità alla muffa in casa), mancanza di sonno, cattive condizioni di lavoro con poca autonomia , e altro ancora. De Bruyne: “L’impatto mentale e psicologico sulle persone che vivono in povertà è enorme. Sono completamente preoccupati per i problemi quotidiani. Quindi è logico che non siate interessati a un’alimentazione sana o all’esercizio fisico”.

Pertanto, il fatto che spesso venga pescata la carta del grasso sbagliato non è giustificato da entrambi gli uomini. ‘S Jongers: “Come società, siamo scivolati così lontano che non possiamo immaginare che questa sensazione di mancanza prenda il sopravvento su tutto nella vita. Sa per esperienza che l’impatto psicologico spesso non è fugace. È cresciuto in estrema povertà e incertezza. A 34 anni ho comprato un modesto appartamento. Poi sono rimasto sveglio la notte per un anno pensando “Se il tetto perde, non ce la faccio e sarò un senzatetto”. Nella tua testa rimani povero. L’effetto sui figli beneficiari dei genitori si vedrà tra una decina d’anni”.

TIM S JUNGERS: I nostri sistemi non simpatizzano con le persone laggiù

Secondo De Bruijn e ‘S Jongers, bisogna guardare oltre le soluzioni puntuali. Dare alle ragazze il diritto ai prodotti mestruali gratuiti non è sufficiente. ‘S Jongers: “La storica revisione del potere d’acquisto da 17 miliardi di euro significa che le cose sono andate completamente male. Non abbiamo offerto una soluzione strutturale per anni. Nessuno che vive in povertà gira le manopole da solo. È fatto da politici altamente istruiti che si sentono bene sulla loro vita, l’ubicazione dell’alloggio, il reddito e la rete sociale.È una selezione molto diversa delle persone su cui prendono decisioni.Quindi deve essere Per prima cosa parlare di persone che non sono povere.Hanno a lungo considerato accettabile per le persone vivere dieci dollari la settimana, e proiettano standard che appartengono alla loro “cultura” su persone che vivono in condizioni di povertà.Da qui i colpi su uno stile di vita sano, per esempio, mentre i poveri sono impegnati ogni giorno a sopravvivere. gran parte della popolazione dall’allontanarsi dalla società, dobbiamo esaminare queste strutture di potere. Le persone che girano le manopole hanno conoscenza? abbastanza per fare la cosa giusta? Altrimenti, arroganza amministrativa e paternalismo convergono. Il cittadino ne è vittima.

Più coccole, meno bagnare il letto

Secondo ‘S Jongers, la soluzione risiede in una prospettiva più ampia e coerente sui problemi. Ad esempio, dovremmo fare maggior uso della conoscenza empirica delle persone che provengono da uno svantaggio: “Dopotutto, la povertà non è uguale all’arretratezza; i poveri sanno di cosa si tratta”. ‘S Jongers vuole sottolineare che questo non è un appello per diffondere ampiamente esperti con esperienza. “La burocrazia ha dei vantaggi, i decisori politici sono necessari. Ma dobbiamo andare verso un mix di esperienza e altre fonti di conoscenza: pensare insieme alla politica e alle sue debolezze. Dal punto di partenza che nessuno è autonomo. Solo uno ha una posizione di partenza molto migliore dell’altra.”

READ  La diagnosi del cancro della pelle con un esame rapido è un passo avanti

De Bruijn ritiene inoltre che la politica sulla povertà dovrebbe iniziare con l’ascolto delle persone stesse e di ciò che considerano importante. Poi hanno preso decisioni insieme. Gli scienziati ora hanno una chiara comprensione dell’impatto dell’insicurezza sociale sulla salute. Non sappiamo molto su come le differenze di salute possano effettivamente e strutturalmente essere ridotte attraverso la politica sociale. Voglio indagare su questo.” S Jongers pensa che vada bene uscire un po’ fuori dagli schemi: “Non si tratta solo di sapere se qualcuno con un reddito minimo ha più cose rimaste. Dobbiamo osare misurare se offrire più sicurezza all’esistenza porta le madri ad abbracciare più spesso i propri figli. O che il bambino smetta di bagnare il letto. Qui sta il vero profitto”.


Questo articolo è apparso originariamente nel numero di marzo della rivista Paper. La visione appare anche 4 volte l’anno.

Iscriviti ora gratuitamente