QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Intel offre di diffondere gli investimenti nella fabbrica di chip dell’UE tra gli stati membri” – IT Pro – Notizie

Intel ha affermato che potrebbe distribuire il suo investimento pianificato di $ 20 miliardi in una fabbrica di chip europea in più Stati membri. Intel in precedenza aveva affermato che la società stava esaminando diverse località, tra cui Germania e Benelux.

Con questi dati, Intel significa che l’azienda può eseguire diverse fasi di produzione in diversi paesi europei, ha scritto la società Financial Times. Con questo, l’azienda spera di ottenere il sostegno finanziario e politico dell’Unione Europea per i suoi piani di espansione all’interno del continente. “Possiamo mettere la produzione in un unico posto e Confezione D’altra parte, Intel dice-vicepresidente Greg Slater sulla carta. Slater fa parte del team che sta esplorando le possibilità di espansione di Intel in Europa, secondo il Financial Times.

Le attività di ricerca e sviluppo possono anche essere distribuite in diversi paesi dell’UE. Con i piani, Intel acquisterà anche più fornitori europei. “Siamo ben posizionati per rendere questi piani un progetto a livello di ecosistema, non solo alcuni percorsi isolati all’interno di un singolo stato membro. Riteniamo che questo sia un progetto che andrà a beneficio dell’intera Europa”, ha affermato il CEO di Intel.

I piani iniziali di Intel includono la creazione di due fabbriche di chip, che costeranno 20 miliardi di dollari in un periodo operativo di 10 anni, secondo il Financial Times. Questo si traduce in circa 16,8 miliardi di euro. I dirigenti di Intel affermano che l’investimento totale potrebbe raggiungere i 100 miliardi di dollari durante la vita dell’impianto.

Intel in precedenza ha indicato che 8 miliardi di euro di aiuti che vuoi إع per costruire una fabbrica europea di chip. Ciò è in parte per rendere più attraente la costruzione di un impianto di chip in Europa, rispetto a un paese asiatico come Taiwan o la Corea del Sud. “Lo svantaggio in termini di costi è del 30-40% in Asia, e in gran parte è dovuto al sostegno del governo”, ha affermato Slater.

READ  Il cane da guardia degli Stati Uniti respinge la protesta di Blue Origin sulla selezione di SpaceX da parte della NASA

Non è ancora noto dove Intel abbia intenzione di costruire i suoi impianti di chip europei. La società in precedenza aveva affermato che stava studiando diversi paesi membri. In un’intervista con il tedesco Handelsblatt, il CEO di Intel Pat Gelsinger ha menzionato, tra gli altri, la Germania e il Benelux come luoghi adatti per l’impianto di chip. Il Financial Times riporta che anche la Francia è sotto esame. Intel possiede attualmente una fabbrica di chip in Irlanda, che l’azienda sta attualmente preparando per produrre chip a 7 nm.

Per questo metodo, i funzionari del governo francese affermano che Intel non dipende esclusivamente dall’importo dei sussidi statali. L’azienda sta anche esaminando l’ecosistema del paese e l’ubicazione degli impianti. Intel vuole circa 1.000 ettari di terreno in un paese membro con infrastrutture sviluppate in grado di gestire fino a otto impianti di produzione di chip, riporta il Financial Times.

Secondo i piani di Intel L’ambizione dell’Europa Consolidare la propria posizione nel settore delle patatine. Il continente vuole investire pesantemente nel settore dei semiconduttori e spera di raddoppiare la sua quota di mercato nella produzione globale di chip al 20% entro il 2030. La Commissione europea vuole anche produrre chip più avanzati all’interno del continente, con la produzione a 2 nm come obiettivo finale. A tal fine, sta parlando con diversi produttori di semiconduttori, tra cui Intel.