QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Intelligenza artificiale per i giganti della tecnologia – Finalmente

Il luogo di partenza e l’implementazione dei servizi di intelligenza artificiale variano notevolmente tra i giganti della tecnologia. Le maggiori somiglianze sono tra Google e Microsoft. Entrambe le società offrono servizi aziendali e app consumer e optano per un mix di funzionalità gratuite e a pagamento. Inoltre, entrambi dispongono di data center nei Paesi Bassi e di un sistema operativo per integrare questi servizi di intelligenza artificiale.

Meta è un’azienda esterna, perché non dispone di piattaforme proprie. Lo status di perdente può essere visto anche dal fatto che Llama è open source. Ciò rende Meta più attraente per i ricercatori sull’intelligenza artificiale e porta a un maggiore utilizzo dei modelli Meta al di fuori delle proprie applicazioni.

Apple ha scelto un approccio consono alla propria politica: puntare sull’intelligenza artificiale che gira sul dispositivo o su un server progettato per questo scopo e fornire servizi gratuiti rivolti ai consumatori. Apple è orgogliosa dell’integrazione hardware e software e ciò si riflette anche nel suo approccio all’intelligenza artificiale. Inoltre, come spesso accade, non è il primo ad offrire nuove funzionalità, ma un approccio completo e integrato.

Non solo per Apple, ma per tutte le aziende, l’intelligenza artificiale è un’estensione di ciò che stavano già facendo. La filosofia e i modelli di fatturato erano in linea con ciò che i giganti della tecnologia stavano già facendo e l’esecuzione si adattava al focus che già avevano. Ciò significa che l’intelligenza artificiale è ora parte integrante dei sistemi operativi, dei software e dei servizi che utilizziamo. Proprio come le ferrovie e i treni erano entusiasmanti e nuovi nel 19° secolo, così lo è oggi l’intelligenza artificiale generativa. Il treno è solo un’infrastruttura, un modo per andare dal punto A al punto B. E presto lo sarà anche l’intelligenza artificiale.

Presentazione del treno.  Illustrazione: Getty Images
Consegnare il treno, non l’intelligenza artificiale generativa. Illustrazione: Getty Images