QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

interazioni. Wout van Aert “aveva le gambe per diventare un campione olimpico…

Wout van Aert ha vinto sabato la medaglia d’argento nella corsa olimpica su strada. Così, Van Aert garantisce la prima medaglia belga in questi giochi. L’ecuadoriano Richard Carapaz ha vinto il titolo olimpico. Van Aert ha poi replicato: “Avevo le gambe per vincere”.

“Ho dormito un po’, ma penso di averne tratto il massimo”, ha reagito per la prima volta Wout van Aert. “Non credo che molti ragazzi si siano distinti. Avevo le gambe per vincere. Sapevo che sarei stato in una posizione difficile dopo il sorpasso di Mikuni. Il resto ha preso di mira costantemente la mia ruota e la ruota Pogacar. Ma non è stato così. t frustrarmi, me l’aspettavo in anticipo. È stata una raffica di attacchi. Ho continuato.” Pedalando fino in pista per vincere l’oro. Ci siamo andati vicini, ma poi ho visto da lontano che Carabaz si era lasciato alle spalle McNulty e di lui non è rimasto nulla. Questo significa che è un meritato campione. Ben fatto, dovremmo essere contenti dell’argento”.

Van Aert era soddisfatto del solido percorso che aveva intrapreso. “Sul passo Mikone, stavo guidando al mio ritmo. La mia tattica era di non forzarmi e finalmente sono riuscito a raggiungere i primi. Tatticamente abbiamo percorso il percorso con il Belgio nel modo in cui volevamo. Sono felice di poter regalare l’argento ai miei compagni di squadra. È una sensazione speciale. Guardando la pista, non potevo fare altro. Potrei anche essere quinto, ed è bello poter tornare a casa con una medaglia. È anche una sensazione molto diversa per l’intera squadra e il lavoro del personale piuttosto che essere a mani vuote.”

È stata necessaria un’ultima fotografia per determinare se l’argento fosse per Van Aert o Bukajar. “Non sapevo se fosse argento o bronzo. Ho pensato che fosse stretto. Ho cronometrato il mio salto per una volta. ” Van Aert è anche arrivato secondo in Coppa del Mondo due volte l’anno scorso. “È una sensazione completamente diversa”, dice. “Non ne ero molto contento in quel momento. Questo è qualcosa di unico. Sicuramente sembra diverso. “

Foto: BELGA

Van Aert ha dimostrato ancora una volta, proprio come al Tour, di essere al meglio. Sarà lui a batterlo mercoledì nella cronometro? “Può. Sto davvero bene, sono uscito subito dal tour e ho fatto una buona settimana di allenamento anche qui. Inoltre non ho avuto problemi con il fuso orario e il calore. Ora devo concentrarmi e riprovare Mercoledì. Sentirò questo sforzo per alcuni giorni. Sono davvero Vuoto. Ora ho tre giorni di riposo e spero di riprendere le stesse gambe mercoledì”.

READ  Smart Slovacchia mette da parte dieci modesti pali, Lewandowski è invisibile per 90 minuti | Campionato europeo di calcio (11 giugno - 11 luglio)

Remco Evenepoel: “Quando ho sentito che stava andando troppo veloce, ho subito girato l’interruttore”

Remco Evenepoel – il secondo leader belga – si è mostrato con un attacco a più di cinquanta chilometri dalla fine, ma non ne è sfuggito ed è stato infine costretto a liberarlo sul Passo Mikone. Evenpoel ha concluso 49°, ma è stato molto soddisfatto dell’argento di Van Aert. “Silver Wout è molto bello. Siamo venuti a Tokyo con due leader per ottenere una medaglia e ne abbiamo una. Questa è la cosa più importante”, ha detto Evenpole. “E’ stata una giornata molto difficile e soprattutto calda e non sono soddisfatto della mia prestazione”.

“Il mio attacco? È stato perché c’erano degli attacchi e ho visto soffrire tutti. Avevo con me due buoni piloti, ma all’improvviso mi sono svegliato altre nazioni che erano già al volante per una gara completa. Non abbiamo preso un gap e probabilmente ho perso un po’ della mia forza lì, cosa che ho perso in seguito. È stato intelligente, ma è sempre facile dirlo con il senno di poi”.

Tuttavia, Evenepoel ha buone sensazioni riguardo al processo di mercoledì. “La sensazione era davvero buona lì. Le gambe ruotavano davvero bene, ma il momento di recupero tra il mio attacco e il passaggio di Mikuni è stato un po’ breve. Quando ho sentito che stava andando troppo veloce, ho immediatamente girato l’interruttore e ho lasciato che funzionasse con un obiettivo su Mercoledì. La sessione di cronometro è davvero dura e mi piace tantissimo”.

interazioni.  Wout van Aert
Foto: BELGA

Knecht Van Avermaet: “Sembrava strano”

Greg van Avermaet non è più il campione olimpico. East Fleming ha guidato la leadership in Giappone al servizio del gruppo. “Ho già detto durante l’incontro che volevo essere al top fin dall’inizio”, ha risposto van Avermaet. “Se avessi aspettato, avrei potuto sopravvivere al Fuji e arrivare ai piedi di Mikuni. Ma avevamo abbastanza ragazzi per questo. Quindi abbiamo deciso di dominare la gara in anticipo perché avevamo due favoriti all’inizio con Wout e Remco. È peccato che all’inizio ero da solo, ho già parlato con italiani e francesi ma sembra che non avessero un incontro (Ride). Hanno detto che dovrebbero chiedere di nuovo. Poi abbiamo deciso di fermarci anche noi, portando la progressione del gruppo di testa a diciotto minuti. Dopo di che abbiamo dovuto ricominciare da capo, felicemente con gli sloveni. Era perfetto per noi”.

READ  Wiese-Anderlecht inizia due ore fa: 'Il sindaco teme la violenza'

È stato strano vedere il campione olimpico in carica trascinarsi per ore in testa al gruppo. “Non era la mia curva normale e mi è sembrato un po’ strano anche per me. Era strano anche girarmi e poi guardare la pista che passava. Ho visto passare tutte quelle facce con cui sarei normalmente. Vedo ancora io stesso alla guida in mezzo a loro. Ma sapevo di avere un ruolo diverso oggi. Dopo il tour sapevo che non sarei corso qui per i trofei e mi sono spinto ad essere qui per la squadra, per portare Wout e Remco all’ultima salita il più possibile. Se il campione olimpico inizia a fare da apripista, questo dovrebbe motivare Wout e Remco ad andare più in profondità”.

interazioni.  Wout van Aert
Foto: ISOPIX

Nient’altro che elogi per Silver Van Aert. “Era molto forte e ha corso la gara che avrebbe dovuto fare. Ma ha toccato pochi metri ed è normale che tutti corrano sulla sua ruota. Poi sai che è difficile da controllare. Il gruppo era troppo grande, quindi ha perso la gara. Ma Wout non poteva. Ha fatto nulla al riguardo. Alla fine ha provato a guidare lì. È stato davvero impressionante come ha guidato anche sulla corsia Mikuni. Ha tirato fuori il meglio… Questo era un peso leggero cosa. Non può incolpare se stesso, la squadra non può incolpare se stesso. Non abbiamo vinto la gara ma siamo tornati sul podio. Divertimento! Dimostra ancora una volta che i fantini hanno preso fuoco per venire ai giochi. Wout lo porterà con sé per il resto della sua vita. Penso che vincerà un’altra medaglia questa settimana. La cronometro è meno difficile e si adatta bene. Penso che vincerà comunque una medaglia, non commenterò il colore ancora. Tre giorni dovrebbero essere sufficienti per riprendersi completamente.”

READ  Calcio di rigore di Stephanie Vanden Bure salva i Panthers: duello contro l'Olanda in semifinale | Più sport

Mauri Vansevenant e Tiesj Benoot fanno la loro parte con vivacità: ‘La squadra ha fatto una gara perfetta’

“L’argento è fantastico. Abbiamo fatto molto bene come squadra”, ha detto Morey Vincivenant sabato dopo la gara su strada olimpica.

Lo scalatore di 22 anni ha svolto un ottimo lavoro per la squadra su una pista molto impegnativa. Ha dimostrato il suo valore nel Mikuni Pass, tra le altre cose. L’obiettivo era quello di impostare la velocità lì il più a lungo possibile per prevenire gli attacchi. Wout (van Aert) può sviluppare un ritmo enorme, ma queste accelerazioni sono solitamente mortali. Volevamo che inventasse una bella maglia per arrivare al traguardo.” Quello scenario sembrava realizzarsi, fino a quando l’ecuadoriano Richard Carapaz ha dato un’accelerazione decisa, poi Van Aert è volato verso l’argento.

interazioni.  Wout van Aert
Foto: BELGA

Vincent ha goduto della sua partecipazione olimpica. “È una grande esperienza. Come ciclisti qui abbiamo molta libertà. Anche la folla a lato è stata fantastica, è un’esperienza”.

Proprio come Vansevenant e (nella prima parte di gara) Greg Van Avermaet, anche Tiesj Benoot ha lavorato molto al servizio dei capitani Wout Van Aert e Remco Evenepoel. Gentenar ha guardato indietro con soddisfazione alla sua partita. “Penso di poter essere orgoglioso. Dal chilometro zero ho guidato con le bottiglie d’acqua e poi ho portato i ragazzi al riparo dal vento. A Mikuni, abbiamo partecipato perfettamente e ho guidato fino a quando non ha funzionato più”.

Il piano di gara dei belgi era corretto, secondo Pinot. “Proprio come l’anno scorso ai Mondiali di Imola, stiamo facendo una gara perfetta. Possiamo essere orgogliosi dell’argento Wout. In qualsiasi altra competizione potrebbe essere più triste, ma è secondo alle Olimpiadi, le inaugurali”. Mercoledì, Van Aert avrà una nuova opportunità di medaglia nella prova a tempo. Benoot alza l’asticella. “Posso sicuramente vederlo segnare ancora. Oggi ha solo guadagnato più fiducia”.

interazioni.  Wout van Aert
Foto: BELGA