QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

‘Isolarsi, paura di entrare’: LTO vede allevatori di pollame soffrire di influenza aviaria

Tenere gli estranei fuori dal cortile, fare la doccia più volte al giorno e una paura costante: quando arriverà il mio turno? La LTO Farmers Association ritiene che gli allevatori di pollame soffrano di influenza aviaria.

Abbiamo a che fare con l’epidemia di influenza aviaria più grande e più lunga di sempre. Per la prima volta, il pollame è stato infettato per un anno intero, anche al di fuori della stagione migratoria. E non sembra esserci una fine in vista: con un possibile nuovo tipo di virus, c’è la possibilità che possa peggiorare.

sentirsi molto triste

L’allevatore di pollame Sijds Dijkstra di Zeewolde ha dovuto affrontarlo un anno fa. L’influenza aviaria è scoppiata nella sua fattoria nell’ottobre 2021, rendendola la prima della nuova ondata. “Abbiamo ricevuto una chiamata lunedì mattina dal nostro dipendente che ha detto che c’era una quantità anormale di perdite tra i polli. Ho pensato in quel momento”.

Ma era vero che le sue 36.000 galline ovaiole organiche erano state gasate e maltrattate duramente. Questa era già la sua seconda esecuzione e anche nel 2013 un’epidemia di influenza aviaria nella sua stalla. “Vedi una pala con dei contenitori e degli animali vengono gettati in quei contenitori. Ho ancora quell’immagine nella mia testa. È una sensazione molto triste”.

Guarda anche

“Non può andare avanti così per sempre.”

Dall’ottobre dello scorso anno si sono verificati circa 90 focolai nei Paesi Bassi. Sono stati abbattuti circa 5 milioni di polli. Di questi, un milione di volatili è stato abbattuto per prevenire un’ulteriore diffusione del virus dell’influenza aviaria, ad esempio in siti entro 1 km da un’azienda infetta.

READ  L'esame del sangue può mostrare una predisposizione alla depressione postpartum: ha senso il test?

Ad esempio, i polli di un secondo pollaio di un allevamento di pollame di Dijkstra sono stati abbattuti per precauzione, anche se gli animali non erano malati. “Quindi qualcosa non va e non può andare avanti per sempre. Siamo bloccati.”

nemico invisibile

Gli allevatori di pollame nei Paesi Bassi vivono per un anno in condizioni di forte stress, secondo Case de Jong, capo della divisione avicola dell’Organizzazione olandese per l’agricoltura e l’orticoltura (LTO). Parlane con molti allevatori di pollame.

“È una battaglia continua contro un nemico invisibile. Non sappiamo ancora esattamente come entri nella stalla. È a causa della polvere o delle feci sul tetto cosparso di pioggia? È una specie di roulette russa per gli allevatori di pollame olandesi: quando tocca a me?”

Guarda anche

‘isolarsi’

Secondo de Jong, gravi focolai di influenza aviaria stanno inducendo gli allevatori di pollame a isolarsi e fare tutto il possibile per impedire al virus di penetrarli.

“Gli allevatori di pollame si incontravano sempre nei circoli di studio, ma non lo vedi più, non osano più venire. Hanno tutti paura: immagina che io prenda qualcosa da un collega e la mia azienda sia sdoganata?”

Come il reparto di terapia intensiva

Il pollame olandese viene tenuto in gabbie per gran parte dell’anno e pertanto non è consentito all’esterno. Gli agricoltori stanno adottando misure di vasta portata per tenere il virus fuori dalla stalla. I cancelli della fattoria sono chiusi, le scarpe vengono disinfettate ogni volta che entrano ed escono e i dipendenti sono tenuti a fare la doccia ogni volta che si prendono cura degli animali per ridurre il rischio di contaminazione.

READ  Ulteriore attenzione a novembre per il cancro ai polmoni: "Qualsiasi...

“Siamo come una terapia intensiva. E tra stalla e stalla, assicurati che non ci siano assolutamente contatti. Come allevatore, controlli i tuoi animali più volte al giorno e ogni volta devi prendere tutte queste misure”, afferma de Jong.

Guarda anche

pollo nuovo

L’allevatore di pollame Sijds Dijkstra ha ricevuto nuovi polli nella sua fattoria in estate. Da allora sono stati tenuti “in sicurezza”. Ma poiché è un allevatore di pollame biologico, preferisce vedere i suoi polli all’aperto tutto l’anno.

Sfortunatamente, con l’arrivo dell’ondata di influenza invernale, questi polli probabilmente non vedranno mai la luce. “Lo standard è di 25 polli per ettaro. Si tratta di circa 4,5 ettari di terreno e ora non ci sto facendo nulla”.

Siero

Dijkstra e De Jong di LTO concordano: c’è solo un futuro per il settore del pollame con un vaccino contro l’influenza aviaria. Tuttavia, alcuni passi devono ancora essere presi: “I paesi che forniamo spesso, Germania e Inghilterra, sono critici nei confronti del vaccino”.

“Questo era il caso dei Paesi Bassi, ma ora ci rendiamo conto che dobbiamo fare dei passi, perché non si può più fare così”, dice de Jong. Dijkstra pensa anche che sia ora di agire: “Abbiamo visto con la corona quanto velocemente possono fare un vaccino. Quindi, se le persone lo vogliono davvero, puoi avere qualcosa del genere in pochi anni”.

Guarda anche

informazioni

Cos’è l’influenza aviaria?

L’influenza aviaria è una malattia contagiosa che colpisce il pollame come polli e tacchini. Ma anche con altre specie di uccelli selvatici, come anatre, piccioni e cigni. Il virus è una malattia animale come la febbre Q e la corona. Questo tipo di virus può essere trasmesso dagli animali all’uomo. Secondo l’Università di Wageningen, questo tipo di virus si verifica solo in contatto diretto e intenso tra uccelli infetti e esseri umani.

READ  La fisioterapia nel COVID-19 è essenziale fisicamente e mentalmente - Salute

I virus sono diffusi dagli uccelli migratori che migrano dall’Asia, attraverso i luoghi di riproduzione dell’Artico, verso il Nord America e l’Europa. È nelle loro feci, tra le altre cose. Il pollame o gli uccelli si ammalano rapidamente dopo l’infezione. Spesso entro poche ore a 3 giorni. Le prime lamentele sono:

  • Letargia generale notevole
  • Gli animali non emettono più suoni.

Quindi gli animali ricevono lamentele come:

  • Problemi respiratori
  • Diarrea;
  • infezioni agli occhi
  • morte improvvisa.

Guarda qui la prima parte del trittico sull’influenza aviaria nei Paesi Bassi: gli allevatori di pollame. Lunedì seguirà la seconda parte.