QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Israele: Se la giornalista Shireen Abu Aqla è stata uccisa dal fuoco israeliano, questa non è un’attività criminale | Il conflitto israelo-palestinese

L’esercito israeliano ha affermato che se si è scoperto che un soldato israeliano aveva recentemente sparato e ucciso il giornalista palestinese Shireen Abu Akleh, questa non sarebbe stata un'”attività criminale”. Lo afferma l’esercito sulla base della sua indagine iniziale.

Abu Akleh è stato ucciso mentre seguiva un’operazione israeliana nella Cisgiordania occupata. I palestinesi ritengono Israele responsabile della sua morte. Lunedì, Yifat Tomer Yerushalmi, procuratore generale delle forze di difesa israeliane, ha affermato che non si può presumere un’attività criminale a causa della mancanza di prove.

“Sta facendo del suo meglio per indagare sulle circostanze dell’incidente e determinare come è stata uccisa la sua mente”, hanno detto i militari. Il procuratore generale ha affermato che l’apertura di un’indagine penale dipendeva dalla disponibilità di ulteriori prove. Israele ha anche criticato il fatto che la Palestina voglia salvare il proiettile fatale e quindi non può esaminare le prove stesse.

La scorsa settimana, il procuratore generale ha affermato che durante gli scontri tra le forze israeliane e uomini armati palestinesi, un soldato ha sparato diversi proiettili da un veicolo militare contro un palestinese che aveva preso di mira il veicolo.

Tomer Yerushalmi ha detto: “L’uomo armato palestinese ha sparato diversi proiettili contro il soldato israeliano. È possibile che la signora Abu Oqla, che era vicina all’uomo armato palestinese, sia stata colpita dal soldato”.