QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Italia ancora colpevole di inquinamento da acciaieria

Il governo italiano continua a fare pressioni sui cittadini della città meridionale di Toronto. Lo afferma la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo. Il motivo dell’arresto è stato il grave inquinamento causato dall’acciaieria Acciaierie d’Italia – ex Ilva – che ha messo in pericolo la salute della popolazione locale.

A Toronto, nel frattempo, c’è una forte opposizione alla politica Tavola d’acciaio ArcelorMittalChi controlla la fabbrica.

Cancro

Anche l’Italia è stata condannata tre anni fa per aver minacciato la salute dei cittadini nei pressi dell’acciaieria Ilva a Toronto. La nuova sentenza riguarda i reclami dei lavoratori nella seconda metà dell’ultimo decennio e di oltre 200 residenti a Toronto e nei comuni limitrofi.

Acciaierie d’Italia è da tempo il più grande produttore di acciaio in Europa. Tuttavia, il quartiere sta affrontando morti per cancro. Quel problema è dovuto alle emissioni tossiche della fabbrica. Dieci anni fa, un tribunale di Toronto ha ordinato la chiusura di diversi siti.

Anche la Commissione Europea ha deciso di intervenire contro l’inquinamento. Ciò indica un rischio potenzialmente elevato di una crisi ambientale. Nove anni fa, è stato annunciato che sarebbe stata avviata una procedura di violazione poiché le operazioni dell’impianto violano il diritto ambientale dell’UE.

Tuttavia, il governo italiano ha dovuto affrontare un dilemma. Dopotutto, c’era la fabbrica Una parte importante Sistema economico italiano e occupazione. È stato particolarmente difficile per le autorità italiane trovare un equilibrio tra questi interessi economici e la protezione dell’ambiente.

Azioni

“Sono previste molte carenze”, ha convenuto il tribunale per i diritti umani. “Tuttavia, le autorità italiane non hanno fornito informazioni accurate sull’effettiva attuazione del piano ambientale. Tuttavia, questo è un elemento essenziale per garantire che il funzionamento dell’acciaieria non continui a rappresentare un rischio per la salute”.

READ  Tag Capri - Dolcevia.com

Poi a Toronto Protesta contro la politica ArcelorMittal ha introdotto la disoccupazione temporanea per 2.000 dipendenti in Acciaierie d’Italia da marzo di quest’anno. Gli attivisti hanno notato che un cambiamento sostenibile non era possibile senza dare la priorità all’aspetto sociale.

Rocco Balombella, segretario generale dell’Unione Italina Lavadori Metalmechanics (YUILM), ha affermato che Mittal ha realizzato più di 4 miliardi di dollari di profitti globali nel primo trimestre di quest’anno. “Questo è l’80 percento in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso”, ha sottolineato. “Allo stesso tempo, Toronto è stata completamente messa da parte, con una conseguente riduzione significativa delle operazioni locali”.

Secondo Palombella, l’unico scopo è chiudere la fabbrica.

(IO)