QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Italia da super attaccante con vecchio banchiere: allenatore dilettanti Mo…

I Red Demons vogliono davvero proteggersi da un vecchio banchiere. Gianni Vio (68) è il suo nome, la sua fama in fasi stagnanti inganna l’avversario. Se un italiano si tira giù i pantaloni, non stupirti se Cortois colpisce.

David van den Brock

scoiattolo! Ti abbiamo mentito. L’ex attaccante e assistente Gianluca Violino – Abbiamo scritto ieri che l’Italia ha un’arma segreta, ma in realtà ne ha due.

Hai visto la partita della squadra contro il Galles? Sai di cosa stiamo parlando. La posizione di Squadra sulla punizione. Mentre sia Verratti che Bernadette si preparano a segnare, il portiere delle sei squadre si assicura che Ward non veda più la palla per gli alberi. Improvvisamente non uno, ma ci sono tre muri davanti al suo naso: uno blu, uno rosso e un altro blu, ordinatamente uno dietro l’altro. È caotico briscola e finalmente Bernardechi calcia il palo attraverso la giungla di soldati – uno forte, l’altro in movimento.

Quasi un successo, quindi. All’inizio del gioco era un regalo. Con una punizione indiretta dalla destra, Bastoni e Ponzi, campioni del titolo, giocano prima in fuorigioco e poi tornano indietro come fulmini. Il Galles è completamente concentrato su quei doppi, con Bernardeschi che stavolta calcia Verratti mentre vede il Pesina in entrata nel primo palo. Bingo! L’arma segreta a cui ci riferiamo è la griglia perfetta direttamente dal taccuino di Gianni Voyo.

Per il grande pubblico, Gianni Vio, 68 anni, è un classico sconosciuto, ma Venezia gode di una forte reputazione nel calcio italiano. Grazie mille a Walter Zenga, l’ex portiere dell’Inter e della Nazionale che lo ha scoperto nel 2007. Non è chiaro, perché VAIO all’epoca era un banchiere. Nelle sedi Unicredit, però, Calvo sta già preparando piani e linee guida, e sta cercando di allenarsi come allenatore nelle serie inferiori. È anche l’autore del libro Questo è un 30 percento in più Su come una squadra può aumentare la sua differenza di target fino al trenta percento attraverso fasi standard. Zenga guarda il libro, lo legge subito e invia un’e-mail a Vayo. Scatta tra i due, così Jenga-D1 ad Al-Ain negli Emirati si assicura che il suo compagno sia autorizzato a offrire un corso di venti giorni.

simile doppio

Quando Genga inizierà a lavorare a Catania lo stesso anno, assumerà sicuramente VAIO. Con successo. Grazie a due gol su punizione e due su calcio d’angolo (in nove partite), il club si è miracolosamente mantenuto. Nello stesso anno, Via è entrato in scena per la prima volta in 13 anni, usando lo stesso diversivo che l’Italia usa contro il Galles, per segnare il Catania con una punizione in diretta. Anche se un giocatore si abbassa i pantaloni poco prima del tiro e colpisce in modo aggressivo il portiere. Oltre a quel foglio, questa è una delle 4.830 diverse varianti che VAIO afferma di avere sul suo computer. Da lì sceglierà anche la sua mente in Fiorentina, Milan e Leeds nel Regno Unito.

A settembre dello scorso anno Roberto Mancini lo ha invitato. Può aiutarlo, allenatore della nazionale. Vayo è un’occasione da non perdere. Quindi la forza ha un’arma in più. Un attacco in più, davvero. Fasi fisse: quindici gol attaccante, Il titolo della tesi del suo allenatore. L’idea alla base si è tradotta nella gara di stasera: se non per la gara immobile, l’Italia ha sempre un modo. Tuttavia, non può usare la sua invenzione più brillante. Una volta Vayo ha creato doppi identici e ha confuso il lato opposto. Mancini ora non ce l’ha.

READ  Vertice Ue sui prezzi alti dell'energia come l'Italia: 'Trattengo il respiro'