QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Italia e Austria ottengono meno gas dopo l’inizio della manutenzione del Nord Stream | Adesso

Lunedì, l’Italia e l’Austria hanno ricevuto molto meno gas di quanto avevano ordinato dalla russa Gazprom, hanno affermato le compagnie energetiche dei paesi. La ridotta fornitura di gas coincide con i lavori programmati sul gasdotto Nord Stream, iniziati lunedì.

L’azienda energetica italiana Eni ha dichiarato lunedì che Gazprom fornirà circa 21 milioni di metri cubi di gas naturale al giorno. Si tratta di meno di un terzo di quanto consegnato in media nei giorni scorsi: circa 32 milioni di metri cubi al giorno.

Anche le forniture di gas della Russia sono state ostacolate mentre l’Italia è alle prese con una siccità e un’ondata di caldo che ha colpito la produzione di energia nel paese. Il paese ha anche un disperato bisogno di gas russo per rifornire le sue forniture per l’inverno. Le riserve di gas dell’Italia sono ora intorno al 60 per cento e il governo ha adottato misure per accelerare il processo.

In Austria, secondo la compagnia energetica austriaca OMV, viene consegnato il 70% di gas in meno rispetto a quanto ordinato. Come l’Italia, l’Austria è fortemente dipendente dal gas russo: quasi l’80 per cento del carburante proviene dalla Russia.

La riduzione della fornitura coincide con i lavori programmati sul gasdotto Nord Stream dalla Russia alla Germania attraverso il Mar Baltico. Di conseguenza, il gasdotto non verrà utilizzato per almeno dieci giorni e in genere il quaranta per cento del gas scorre attraverso di esso verso l’Europa. Si teme che Mosca interromperà tutte le forniture di gas alla Germania dopo il mantenimento in rappresaglia delle sanzioni occidentali all’Ucraina, ma la Russia lo ha sempre negato.