QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Italy FC: come Roberto Mancini ha trasformato un italiano inciampante in campione d’Europa

In tre anni Roberto Mancini ha creato una squadra italiana di successo e frivola che attira non solo italiani ma anche veri appassionati di calcio. Più è la squadra, meglio è.

Questo è un bellissimo video che mostra la forza della squadra italiana sul bus a EURO 2020. Tutti hanno cantato Una Canzone di Eros Ramazotti, che è diventato un famoso tifoso di calcio: ‘Pue Bella Cosa I C’. Significa: “Non c’è niente di più bello di questo”. Canzone molto ben scelta all’epoca.

Questo è un bellissimo video che mostra la forza della squadra italiana sul bus a EURO 2020. Cantano tutti la canzone Una Kanson di Eros Ramazotti, che divenne un famoso tifoso di calcio: ‘Pue Bella Cosa I C’. Significa: “Non c’è niente di più bello di questo”. Canzone molto ben scelta all’epoca. In una conferenza stampa pre-partita contro il Belgio, il Ct della nazionale Roberto Mancini ha dato la stessa risposta a tre diverse domande: ‘Facciamo il nostro gioco e godiamoci quello che abbiamo’. Godere? In Commissione elettorale? Mancini annuì: “Certo. Il divertimento è alla base di ogni lavoro.’ In precedenza, il centrocampista Marco Verratti aveva già lasciato questo segreto onnicomprensivo dell’Italia: ‘Mi sono divertito di più delle tre partite che ho visto a bordo campo. Se mi sto divertendo, vuol dire che si divertono tutti gli italiani». Testi dell’ex ct italiano Claudio Ranieri dopo la vittoria contro il Belgio. Questa squadra italiana è composta da combattenti dal cuore grande, che portano anche il calcio ai massimi livelli. Questa Italia gioca a calcio come una squadra di club. Chiamiamola Italia Football Club: Italia FC. Questa Italia FC è un mix di esperienza e giovani talenti, squadra che inizia adesso. Il fatto che Belgio e Italia si siano affrontate ai Campionati Europei in Francia il 13 giugno 2016 mostra quanto sia giovane. Dieci dei quattordici belgi scesi in campo hanno giocato ancora in questo Europeo. Per gli italiani ce ne sono stati altri tre: Giorgio Chillini, Leonardo Bonucci e Ciro Immobile (che ha saltato gli Europei 2016 per un infortunio vertebrale). Il settimanale fiammingo Humo una volta mostrò una vignetta in copertina: il ritratto di un uomo che diceva “Io sono la via, la verità e la vita”. Nel secondo fumetto ho pensato: “Fidati dell’altro mondo ora”. Quando Roberto Mancini è andato a lavorare nel maggio 2018 e ha annunciato il suo approccio, molti si sono accigliati. Per la sua prima partita internazionale contro l’Arabia Saudita, ‘Mansio’ ha invitato cinque nuovi giocatori, tra cui Emerson Palmeri e l’attaccante Dominico Ferrari, che hanno già giocato per Sacho. In centravanti, il nuovo ct della nazionale è tornato alla vecchia conoscenza. Erano passati quasi quattro anni da quando Mario Bolotelli aveva indossato di nuovo la sua amata maglia azzurra; Durante l’ultimo Mondiale in Brasile nel 2014, l’Italia è stata eliminata al primo turno. Mancini si fida ancora del suo ex allievo, che poi lo ha portato all’Inter, ha esordito in Serie A, e poi lo ha portato al Manchester City. “Voglio vedere Botelli di Euro 2012”, ha aggiunto. Non ha mai più visto quel Boldelli. Il controverso attaccante è scomparso dopo tre partite in nazionale (ora gioca a Monza in serie B), ma il problema non è solo sul fronte. Anche il motore al centro ha avuto un malfunzionamento. Tuttavia, proprio come oggi, l’allenatore della nazionale ha chiesto ai suoi giocatori: ‘Abbiate il coraggio di giocare a calcio, fare azioni, dominare anche quando le cose vanno male’. Molti dei suoi giocatori internazionali non erano abituati a giocare a calcio dominante. L’effetto? Dopo cinque gare internazionali, il bilancio sotto il nuovo ct della Nazionale è negativo: una vittoria, due pareggi e due sconfitte, cinque gol e sette subiti. Quinta partita internazionale con la nuova Nazionale dopo la sconfitta contro il Portogallo nel settembre 2018. Allenatore. Mancini ha rivoluzionato la squadra, ma non ha trovato idee, gameplay o personalità. Non allena più una squadra di successo come l’Inter o il Manchester City, ma allena una squadra di giocatori che non ha identità e struttura di gioco e non è abituata a vincere da tempo’. E aggiungeva: ‘Forse senza il portiere Donorumma, chi tra i nostri giocatori avrebbe potuto formare la formazione titolare in questo Portogallo? Quale dei nostri principali club italiani di Serie A ha battuto i migliori club dei principali campionati nell’ultimo Mercado? Ad eccezione di Verdi e Bolotelli in Francia, non abbiamo italiani negli altri campionati di punta. A poco a poco, Mancini si inserisce nei pezzi del puzzle perfetti, anche se può selezionare solo dal 39,5% dei giocatori italiani calcolati in Serie A nelle ultime stagioni (cioè circa 240). Dei dieci italiani nell’altra top ten, quattro sono alle qualificazioni all’Europeo (due del PSG e due del Chelsea). Inizialmente era ancora alla ricerca. Nelle sue prime 21 presenze, Mancini ha convocato un totale di 68 giocatori, 54 dei quali sono entrati in campo e 24 hanno esordito. È centrato sul retro. “Giocare contro Siellini e Bonucci è come andare all’università difensiva”, Jose Mourinho ha descritto la forza del centrocampo. Mancini ha permesso all’allora 19enne Bonucci di esordire in Serie A. E poi, quando si è salutato dopo la partita contro la Svezia, Gianluigi Buffon ha pronosticato: ‘Ecco il mio erede’, indicando Gianluigi Donaruma. Pochi mesi fa, Mancini, difendendo le dichiarazioni generalmente dure, ha descritto il portiere come “il miglior portiere del mondo in questo momento”. Tonaruma ha ancora 22 anni ma il suo futuro è incerto ma da diciotto anni è bloccato tra i ruoli al Milan. Il suo broker Mino Riola vuole pagare al suo giocatore dieci milioni di euro l’anno, rendendolo il secondo uomo più pagato della Serie A (dopo Cristiano Ronaldo dopo i suoi 31 milioni). Così Milano aveva già attratto un nuovo portiere francese; Ha lottato per anni con il fair play finanziario e invece di acquistare a un prezzo più alto e pagare di più, dovrebbe vendere a un prezzo inferiore. AS Roma e l’ex romanista Alessandro Florence (che è stato costretto ad andare all’estero quando non aveva un posto da titolare in Roma lo scorso anno) per velocità e profondità. Appena Spinasola se ne andò, Emerson girò a sinistra. Era atteso lì come giocatore base per questo Campionato Europeo. In breve: che lusso. Mancini davanti ha dovuto cercare a lungo. “Se vedo un colpo profondo dell’attaccante, lo inserisco immediatamente”, ha ripetuto più e più volte. In assenza di un vero attaccante, l’allenatore della nazionale ha sperimentato tre girovaghi che cambiano spesso posizione: Lorenzo Inzain, Federico Cisa e Ferrari. Per finire poi con un Deep Striker: solitamente Zero Immobile, capocannoniere della Serie A da due anni. La Lazio Blair però eccelle nel cambio, e con la sua tecnica limitata lo sta ancora cercando. Serie A. Il suo rivale Andrea Belotti non gioca per il Real Madrid o il Manchester City. Con il Torino è stato costretto a conservare la Serie A nell’ultima giornata di gioco, e dice di sé che sarebbe contento se potesse dare il massimo in campo, e ha lasciato il campo. Sulla destra c’è il forte fisicamente Federico Cesa con le sue ottime capacità di corsa e fiuto del gol. Fino all’anno scorso ha giocato nella Fiorentina, dove ha vinto il Youth Academy, e ha avuto una prima stagione difficile alla Juventus. In Italia gareggia sulla fascia destra con Ferrardi e Federico Bernardecci. La Ferrari è stata promossa in Serie A con il Sassuolo nel 2013 e non ha mai giocato per un altro club della massima serie. Bernardessi si è trasferito alla Juventus dalla Fiorentina tre anni fa ed è diventato la perfetta combinazione di centrocampista e attaccante con la sua velocità, accelerazione e tecnica. Un uomo a sinistra era completamente confuso su se stesso due anni fa. Quando il Napoli ha battuto il KRC Genk in Champions League, Lorenzo Insigne non ha nemmeno giocato. Ma dopo che l’allenatore Carlo Ancelotti se n’è andato, è sbocciato di nuovo. Lorenzo è unico e Mancini ha descritto il suo valore per questo Europeo. “Come legante tra attacco e centrocampo, sono un giocatore con pochissime alternative”. Lo snippet della regina di questa nazionale italiana è il centrocampo, che include il ‘doppio playmaker’, Jorgenho-Verratti e l’energico bowler Niccol Barella dietro di loro. Il suo compagno di squadra Verdi dice di Jorgenhoe: ‘Rende tutto molto semplice. Jorgenho è fondamentale per noi e abbiamo alcuni giocatori con le sue qualità. È lui che fa correre l’aratro». Jorge Luis Freilo Filho è arrivato in Italia dal Brasile all’età di 15 anni con passaporto italiano, dove ha concluso in Serie A attraverso le squadre giovanili dell’Hellas Verona. Ma è al Napoli che il mondo del calcio lo scopre, per gentile concessione di Mauricio Sarri, che lo porta al Chelsea nel 2018. La prima partita internazionale ufficiale di Jorgenhoe con dedica è quella che l’Italia non dimenticherà mai: la famosa Italia-Svezia che terminò 0-0 il 13 novembre 2018. All’Italia non è stato permesso di andare al Mondiale per la prima volta in sessant’anni dopo aver perso la prima partita in Svezia. In precedenza, Jorgenho ha giocato in alcune partite amichevoli sotto Antonio Conte dopo aver giocato per l’Italia Under 21. La sua scelta per l’Italia non era più in discussione, poiché l’allora ct della nazionale brasiliana Tide non era interessato. Accanto a Jorgenho c’è Marco Verdi, unica squadra a non giocare in Serie A: si è trasferito dal Pescara nel 2012, dove è stato promosso in prima divisione, il PSG. Lui è molto importante, Mancini lo ha preso quando ancora non stava bene e voleva vedere le partite della prima squadra. Inoltre, il suo miglior sostituto, Stefano Sensei (vedi riquadro), si è infortunato, ma non è preoccupato. Mancini ha semplicemente inserito un altro giocatore che sarebbe diventato subito il migliore nelle prime partite: Manuel Locadelli. A diciotto anni Locatelle era già titolare al Milan, dove ha continuato a calciare dopo alcune grandi prestazioni. Così ha fatto un salto sportivo al Sassuolo, dove l’allenatore Roberto de Gerby gli ha permesso di giocare a calcio al contrario. Oggi è considerato un grande giocatore box-to-box. Massimiliano Allegri, che lo ha portato al centro del Milan a 16 anni, è ansioso di vederlo alla Juventus e il Dortmund e l’Arsenal sono già interessati. சசுவோலோவால் கோரப்பட்ட 40 மில்லியன் யூரோக்களை யார் பெற விரும்புகிறார்கள் என்பதைப் பொறுத்து அவரது இலக்கு உள்ளது. மிட்ஃபீல்டின் மூன்றாவது தூணான நிக்கோலோ பரெல்லா, அன்டோனியோ கான்டேவின் இண்டரின் முதல் சீசனுக்காக, காக்லியாரியுடன் தொடங்கிய தனது வாழ்க்கையைத் தொடரத் தேர்ந்தெடுத்தார். சுருக்கமாக: மற்றவர்களுக்கு சந்தேகம் இருக்கும் இடத்தில் மான்சினி திறனைக் கண்டார். சம்ப்டோரியாவில் உள்ள அவரது பழைய பயிற்சியாளர் வுஜாடின் போஸ்கோவ் ஒருமுறை கூறியது போல்: ‘மற்றவர்கள் ஒரு பாதையை மட்டும் பார்க்கும் இடத்தில், ராபர்டோ ஒரு மோட்டார் பாதையைப் பார்க்கிறார்.’

READ  Elenco Partecipanti Giro 2021. Remco Evenpol lancia in Italia ...