QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Jan Baklantis: L’uccello non sta facendo primavera per il ciclismo in Africa | piattaforma

Il vincitore del quadro completo Gent-Wevelgem 2022: giovane, forte, intelligente ed empatico. E ovviamente per sempre il primo africano vincitore di un classico fiammingo. Non è detto che diventerà anche l’alfiere del ciclismo nel continente africano.

“Perché non portiamo sua moglie e sua figlia in Belgio?”

Beniam Jermay ha lasciato il Belgio lunedì pomeriggio ed è tornato da sua moglie e sua figlia in Eritrea. Un peccato, secondo molti appassionati di ciclismo. Comprensibile per ogni membro della famiglia.

Anche Jan Bakilants, collega Intermarche e Ante Joubert, ha sentimenti contrastanti. Sportivamente, Jermaye avrebbe potuto fare a se stesso e alla sua squadra un ottimo servizio. Su Twitter, Bakilants ha invitato domenica la sua squadra a portare sua figlia e sua moglie in Europa invece di Jermay, che sta facendo il passo opposto.

“Sua figlia e sua moglie possono venire qui per una settimana per assistere alla gara. Il pilota in forma dovrebbe trarre vantaggio dall’essere nella forma migliore. Parlo per esperienza quando dico che i pezzi del puzzle non si incastrano insieme ogni anno”.

“Spesso è più facile mentalmente quando qualcosa viene aggiunto impulsivamente al tuo programma, rispetto a quando tu come concorrente ti sistemi tutto l’inverno in una certa data in cui devi essere bravo. Solo i supereroi possono farlo”.

D’altra parte, Jan Bakilants – lui stesso padre – comprende naturalmente il contesto della famiglia.

“Rispetto totalmente la sua scelta e forse mostra la sua forza mentale. Dimostra che può attenersi a un piano ed è qualcosa con cui noi fiamminghi a volte lottiamo”.

“Se Wout van Aert decide di non partecipare ai Mondiali di ciclocross, non lo capiamo. Ma Wout dice che non rientra nel suo programma e ora ne sta raccogliendo i frutti”.

I problemi amministrativi sono uno dei motivi per cui le squadre ciclistiche europee non sono ancora autorizzate a dare una possibilità ai ciclisti africani.

Jan Bucklant

Eritrea: i giornalisti non sono i benvenuti

Inoltre, c’è anche un contesto internazionale. Sia l’Europa che l’Eritrea hanno regole che Biniam Giray deve tenere in considerazione. I non europei non possono viaggiare in Europa senza restrizioni. E di certo non la loro famiglia.

“Non è facile per gli africani trasferire mogli e figli in Europa”, dice Bucklantis. “Penso che Binyam ci proverà nella seconda parte della stagione. Ora vive a San Marino, ma si scopre che è dura con visti e passaporti”.

Quello che di certo non aiuta è che la casa di Benjamin Girmay non è una democrazia libera come la conosciamo in Europa.

Ad esempio, il VRT ha cercato di inviare un giornalista in Eritrea per registrare come Girmay è stato accolto lì, ma i giornalisti non sono i benvenuti nella dittatura.

Le regole sono rigide. Ad esempio, lo stato richiede ai migliori atleti di tornare a casa dopo tre mesi all’estero. Anche questo avrà un ruolo nella decisione di Jeremy.

“La miseria amministrativa è anche un motivo per cui le squadre di ciclismo europee a volte si scoraggiano dal dare una possibilità ai ciclisti africani”, afferma Jan Bakelants. †Non sono sempre sicuro che troverai il tuo ciclista di partenza da qualche parte”.

L’uccello non fa primavera per i cavalieri africani

Nessuno al momento dubita: lo sprint di Biniam Girmay al Gent-Wevelgem non è stato l’ultimo che abbiamo visto del grande talento del 21enne. Se aprirà la strada a più africani nel branco è una domanda completamente diversa.

“Il proverbio che non fa un passero di primavera non è appropriato qui”, crede Jean Baklantis. “C’erano cavalieri africani che ci provarono ma avanzarono per un breve periodo”.

“È troppo presto per dire che l’Africa è alla vigilia di una svolta importante e prenderà il comando della gara. Ed è qualcosa che i colombiani hanno in qualche modo fatto nelle gare in collina più difficili”.

“Se dimentichi un certo numero di sloveni, i posti d’onore e le vittorie nelle difficili tappe di montagna sono spesso colombiani”.

I motociclisti africani che possono perdere determinati valori ora potrebbero avere una possibilità più velocemente.

Jan Bucklant

“Questo successo potrebbe attirare più interesse per il ciclismo in Africa. Quindi quell’interesse deve essere adeguatamente incanalato e le persone giuste devono essere in grado di capitalizzare questo interesse”.

“Forse in futuro verrà dato più valore alle prestazioni dei giovani africani nelle competizioni minori africane”.

E se si vocifera di un pilota africano che potrebbe sbarazzarsi di certi valori, forse le squadre decideranno più velocemente di dare una chance a quel pilota, nonostante le difficoltà amministrative”.

Se Biniam Girmay può farlo, sarà subito la sua più grande vittoria.

Ascolta l’intera puntata di De Tribune

Puoi anche ascoltare i podcast nell’app Sporza, toccando “podcast” nella parte superiore della navigazione.

READ  VIDEO: Dimitri van den Berg prende 1 difesa per il titolo mondiale di scherma | freccette