QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Jan de Witt: Barco è in grado di affrontare la crisi

A causa della pandemia, il gruppo fotografico Barco sta lottando per tradurre un portafoglio ordini ben riempito in fatturato. Tuttavia, il ceo dimissionario Jan de Witt ha piena fiducia in questo. “Il profitto seguirà.”

Barco ha suscitato scalpore venerdì scorso quando è stato annunciato che il CEO Jan de Witt avrebbe dovuto lasciare il posto a un tandem. Charles Bowdoin e Anne Stegen. Beduino, che subentrerà il 1 settembre (vedi riquadro) È il presidente del consiglio fino ad allora, ha assistito alla presentazione dei risultati semestrali.

Questi risultati non trasmettono un messaggio del tutto positivo. Guardando il libro degli ordini, il gruppo di riprese sembra riprendersi un anno dopo il disastro. Con 466 milioni di euro, Barco ha fatto meglio del 17% rispetto alla prima metà del 2020 e del 34% rispetto alla seconda metà di quell’anno. Anche la performance della società è migliore dei 456 milioni di euro che gli analisti si aspettavano.

Tuttavia, con 366 milioni di euro, il fatturato è inferiore del 10% rispetto allo scorso anno e anche leggermente al di sotto del consenso degli analisti. Il margine operativo lordo (EBITDA) è stato di 27,5 milioni di euro, sostanzialmente in linea con le attese.

restrizioni a lungo termine

Barco indica le restrizioni a lungo termine imposte durante la pandemia per spiegare il deludente fatturato. Il lavoro da casa è rimasto obbligatorio o consigliato in molte parti del mondo. Clickshare, lo strumento per riunioni di Barco utilizzato in oltre 900.000 sale riunioni, è ancora in difficoltà. Il CEO in pensione de Witt lo mette in prospettiva. “Con la conferenza Clickshare abbiamo una risposta alle sfide delle forme di lavoro ibride”.

READ  Più di 20 aziende hanno il permesso di utilizzare PFOS a Schelda...

Con Clickshare Conference abbiamo una risposta alle sfide delle forme di business miste.

Jan de Witt

CEO uscente di Barco

Ci è voluto anche molto tempo per aprire i cinema in Europa occidentale e negli Stati Uniti. Inoltre, Barco risente della mancanza di chip. Secondo de Witt, Barco ha il controllo di quella crisi. Collaboriamo quotidianamente con fornitori e broker per mantenere scorte sufficienti di chip. Inoltre, i nostri ingegneri sono alla ricerca di alternative tecnologiche, in modo da poter controllare tutto.

l’essenza

  • La società di imaging Barco pubblica numeri semestrali dopo l’annuncio del cambio di CEO. Jan de Witt lascia il posto a Charles Beaudoin e Anne Stegen a settembre.
  • Con 466 milioni di euro, il portafoglio ordini di Barco è migliore del 17% rispetto alla prima metà del 2020 e del 34% rispetto alla seconda metà di quell’anno.
  • Tuttavia, con 366 milioni di euro, il fatturato è inferiore del 10% rispetto a un anno fa.
  • De Witte è fiducioso che Barco apporterà costanti miglioramenti man mano che i mercati si riprenderanno e la riapertura degli uffici accelererà.

Ciò non ha impedito agli investitori di ridurre la partecipazione di oltre il 6% alla Borsa di Bruxelles lunedì sera.

buon slancio

Lo stesso gruppo di imaging segnala segni di miglioramento. I guadagni nel secondo trimestre sono stati del 13% più alti rispetto al primo trimestre del 2021, principalmente dalla Cina. “Il mondo si sta aprendo dopo la pandemia di Corona”, afferma de Witt. “Stiamo assistendo a un ottimo momento lì”. Questo vale per la vendita di software aziendale e per la tecnologia cinematografica.


I film di successo si comportano come i film di successo. Il pubblico trova la strada per i cinema

Jan de Witt

Barco si è dimesso amministratore delegato

“Nel resto del mondo, siamo all’inizio di quella ripresa”, afferma de Witt. Si riferisce all’apertura dei cinema a fine maggio. I film di successo si comportano come i film di successo. Il pubblico tornerà al cinema. L’ondata di sostituzione, in cui i proprietari dei teatri sostituiscono i proiettori tradizionali con proiettori laser, potrebbe ricominciare. Barco conta anche sugli eventi che l’azienda tecnologica fornisce ai suoi proiettori per il riavvio nel terzo trimestre.

Le richieste di assistenza sanitaria nella prima metà dell’anno sono state del 18% in più rispetto allo scorso anno. Dopo l’emergenza sanitaria, gli ospedali sembrano investire nuovamente nella diagnostica per immagini e nella chirurgia.

De Witte è fiducioso che Barco realizzerà costanti miglioramenti man mano che i mercati continuano a riprendersi e la riapertura degli uffici accelera. “I vincoli della catena di approvvigionamento potrebbero scoraggiare l’accelerazione della crescita”, avverte.

scendere

Dato il contesto ancora difficile, l’amministratore delegato uscente non è stato scontento dei risultati. “La combinazione di una ripresa irregolare dell’attività economica e dei vincoli della catena di approvvigionamento ha portato a ordini di vendita in ritardo”.


Per l’intero anno 2021, De Witte si basa sul recupero del volume d’affari e su un margine EBITDA superiore al 7,5% nel primo semestre.

Per l’intero anno 2021, De Witte si basa sul recupero del volume d’affari e su un margine EBITDA superiore al 7,5% nel primo semestre. Non sembra molto ambizioso. Gli analisti finora puntano a una crescita del fatturato dell’8% a 834 milioni di euro e un margine di profitto del 9,5%.

De Witt pensa che sia il momento giusto per dimettersi. La mia storia in Barco si compone di tre capitoli: migliorare le prestazioni dell’azienda, aumentare la digitalizzazione dell’azienda e superare al meglio la pandemia di Corona. Questo è occupato.’ Sostiene che la sua partenza da amministratore delegato sia una decisione congiunta. “Barco ha molto potenziale ed è pronto per il futuro”.

Non ha ancora detto quali sono i suoi piani personali. In primo luogo, mi assicuro una transizione graduale e poi mi prendo una pausa. Vedremo allora.

Charles Bowdoin divenne presidente della fabbrica di telai Vandewiele

Ora che Charles Bowdoin, con An Steegen, assume la gestione quotidiana di Barco dal 1° settembre, il produttore di telai Vandewiele deve cercare un nuovo CEO. “Non stiamo più cercando”, ha risposto Bedouin durante la conferenza stampa in risposta ai risultati semestrali di Barco. Non voleva dire chi sarebbe stato il nuovo CEO.

Lo stesso beduino è diventato presidente del consiglio di amministrazione della società che ha acquistato con suo padre nel 1993 per farne un attore globale.

Non è ancora chiaro quali accenti metteranno Beauduin e Steegen in Barco. Il nuovo CEO non se lo aspettava. Stiamo andando per il co-CEO. Risponderemo alle domande sul futuro una volta che An Steegen entrerà in carica il 1° ottobre 2021. Beauduin voleva dire che l’obiettivo futuro di Barco sarà l’innovazione e l’ulteriore internazionalizzazione. “Dobbiamo investire di più in tecnologia, persone e innovazioni radicali”.

Lo stesso beduino lunedì ha visto molti dei suoi beni disseminati. Con la sua quota del 19,84% in Barco pari a oltre 400 milioni di euro al prezzo di chiusura di 21,9 euro di venerdì, sono rimasti 375 milioni di euro dopo la chiusura della borsa di lunedì.