QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Jan Vertonghen resta ottimista: “Dopo aver battuto il Canada al Mondiale c’erano tanti dubbi”

Jan Vertonghen resta ottimista: “Dopo aver battuto il Canada al Mondiale c’erano tanti dubbi”

I Red Devils hanno iniziato il campionato europeo di calcio con il piede sbagliato, ma la fiducia dei belgi non è stata vacillata. “Non abbiamo sfruttato le opportunità che abbiamo avuto, ma abbiamo ancora due partite per rimettere le cose a posto”, ha detto Vertonghen.

Dopo la sconfitta contro la Slovacchia, anche Jan Vertonghen avrebbe preferito un risultato diverso nella prima partita dell’Europeo.

Ha detto: “Se guardi solo al risultato, è un brutto risultato. Perdere non è una buona cosa. Ma se guardi l’andamento della partita, scoprirai che abbiamo tutte le possibilità di vincere”.

“Sarei più preoccupato se la partita fosse andata male e non avessimo creato nessuna occasione e la Slovacchia avesse meritato di vincere. Non è stato così”, ha aggiunto.

“Anche noi abbiamo creato tanto. I giocatori dietro hanno fatto davvero bene. E anche davanti abbiamo creato tutto”.

Ha aggiunto: “Alla fine, fa più male quando vengono annullati due gol. Quando il punteggio era 1-1, non c’era nessun giocatore fuori, e ora sabato c’è ulteriore pressione”.

Sarei più preoccupato se la partita fosse andata male e se non avessimo creato nessuna occasione.

Jan Vertonghen

Ulteriore pressione, ma ancora niente panico. Vertonghen ricorda la partita di apertura della Coppa del Mondo contro il Canada, vinta dai Red Devils.

“Poi siamo stati sotto pressione per 80 minuti. Anche nell’Europeo precedente eravamo stati battuti e non avevamo alcuna possibilità contro l’Italia. Adesso non è più così”.

Ha aggiunto: “Durante la Coppa del Mondo c’erano molti dubbi dopo la partita d’esordio, quindi ora non sono negativo. Contro il Canada è andata molto peggio e abbiamo vinto”.

“Se giochiamo 10 volte quella partita contro la Slovacchia, vinceremo 8 volte. Quindi sappiamo cosa dobbiamo fare sabato contro la Romania”.

Non gettare il sistema in mare

Qualche interrogativo è stato sollevato sull’approccio del ct della Nazionale Domenico Tedesco. Era necessaria la doppietta da 6 con Mangala e Onana contro la Slovacchia?

“Abbiamo sempre giocato così da quando è arrivato qui l’allenatore. Ci ha dato grandi risultati. Questo è il nostro modo di giocare. Sarebbe strano buttarlo a mare fin dalla prima partita”, ha detto Vertonghen.

“C’è un’idea dietro per creare più spazio per Kevin De Bruyne nelle tasche. Forse ieri l’abbiamo trovato un po’ troppo scarno nel primo tempo, ma nella ripresa è andata meglio. Non credo che abbiamo avuto scampo”. .” “È andato tutto bene, ora dobbiamo buttarlo via.”

“Il nostro piano contro la Slovacchia era più o meno giusto, quindi sono fiducioso che sarà lo stesso anche sabato”.

“Ho visto abbastanza cose positive per non raccontare una storia da scimmie. La fiducia c’è, ma c’è anche la delusione. Non abbiamo sfruttato le nostre occasioni, ma abbiamo ancora due partite per rimettere le cose a posto”.

READ  Sette francesi, quattro argentini: un undici perfetto secondo Villa Sorza | Coppa del Mondo FIFA 2022

Romelu Lukaku sarà più motivato contro la Romania.

Jan Vertonghen

Completando le possibilità, sembra più facile di quanto non sia. I Red Devils non sono riusciti a realizzare 47 occasioni consecutive in un torneo importante. Aspettavamo un gol ai Mondiali o agli Europei dal gol di Batshuayi contro il Canada.

“47 occasioni? Ciò significa che abbiamo molti tiri in porta”, ha strizzato l’occhio Vertonghen. E ha aggiunto: “Dovremo lavorare un po’ per finire la partita, ma abbiamo tutte le qualità per farcela”.

Come ha reagito Romelu Lukaku? “Ne ha passate tante nella sua carriera. Non ho più fiducia in nessuno di quanta ne ho in lui in queste situazioni. Contro la Romania sarà più motivato”.

Vertonghen e Witsel coppia centrale?

Zino Debast e Woot Weiss hanno formato la coppia centrale contro la Slovacchia. “Hanno fatto un ottimo lavoro”, ha elogiato Vertonghen.

Vertonghen è pronto, sabato lo sostituirà con Witsel? “Abbiamo più anni ed esperienza, ma io e Axel non saremo arroganti nel dire che risolveremo il problema”.

“Che si tratti di me, Axel, Woot o Zeno, qualsiasi combinazione è possibile. Dobbiamo solo essere presenti quando avremo i nostri minuti.”

Fase dopo fase

Cosa fanno oggi i Red Devils?

Fiducia belga nel futuro

Guarda la conferenza stampa con Jan Vertonghen

Forse oggi è stato scritto molto sulle occasioni mancate. Speriamo che sabato non si scriva molto sulla difesa.

Jan Vertonghen

“C’è sempre molta pressione prima della prima partita, ma poi passa. Sono sicuro che sabato la pressione diminuirà. Per me è sempre stato così”.

Vedo Kevin diverso da come era ai Mondiali. È positivo e come leader è un grande esempio.

Jan Vertonghen

È l’ultimo torneo per Vertonghen? “Ho 37 anni. C’è una possibilità, ma non voglio prendere questa decisione prima della fine del torneo. Voglio pensarci un po’ e vedere come mi sento dopo gli Europei. Voglio fallo.” “Sarò disponibile finché posso, perché mi piace molto qui, e ora ho più un ruolo secondario, il che è anche positivo”.

Hai perso 47 tentativi dal Canada? “Ciò significa che faremo tanti tiri in porta. Lavoreremo un po’ per chiudere la partita. Abbiamo tutte le qualità per farlo. Sono sicuro che sabato segneremo”.

Romelu Lukaku ne ha passate tante nella sua carriera. Non mi fido di nessuno più di lui in queste situazioni. Sarà solo più motivante.

Jan Vertonghen

“Vedo abbastanza cose positive da ieri per stare qui e non parlare di una storia di sandwich. La fiducia c’è, ma c’è stata anche la delusione, perché sappiamo di aver perso delle occasioni”.

Non aiuta la lezione. Avevo bisogno di pensare alla mia carriera e non ci riuscivo. Questo è quello che cerco di fare ora per le persone che sono aperte a questo.

Jan Vertonghen

Vertonghen Witsel in difesa?

“Fawt ha fatto un ottimo lavoro, e anche Zeno. La decisione spetta all’allenatore. Dobbiamo assicurarci di essere in forma e poi qualsiasi combinazione sarà possibile”.

Mi sento meglio che ai Mondiali

Perché le sensazioni sono migliori adesso che in Qatar, nonostante la sconfitta? “Abbiamo battuto il Canada, ma siamo stati sotto pressione per 80 minuti. Adesso non è più così. Abbiamo creato occasioni. Non dico che il risultato sia stato migliore, ma la partita è stata migliore. Dopo quella sensazione la sensazione era diversa”. “In Canada, all’epoca c’era più incertezza.”

Non è facile per Quinn Castles perché c’è molta pressione. Ma ha fatto un ottimo lavoro.

Jan Vertonghen

Gioco di mano?

“Io non l’ho visto, così come non l’hanno visto l’arbitro e l’avversario. Non sostengo più nessun gol. È un peccato quando segni un gol che scompare, perché sai che verrà annullato”. “Oppure devi aspettare. Ho incoraggiato Lewis perché non ho visto nulla. È un peccato che gli arbitri non sentano la lentezza dei movimenti dell’arbitro, ma non è stato così”.

“Il tecnico della Nazionale è molto aperto a livello comunicativo, ma prende le decisioni da solo. È aperto ai suggerimenti tattici, il che è anche incoraggiante. Ma le decisioni le prende lui: il problema non era Carrasco a sinistra si sarebbe potuto dire questo, ma la combinazione di Yannick e Zino “Ha funzionato bene”.

Cosa deve essere migliorato per la Romania? “Hanno vinto il girone nelle qualificazioni, quindi non possono assolutamente essere sottovalutati. Il nostro piano contro la Slovacchia era più o meno giusto, quindi sono fiducioso che sarà così sabato”.

“Non sono un papà calciatore”

“Sono con la Nazionale per aiutare. Se non è in campo, è fuori dal campo. Voglio giocare ogni partita, ogni minuto. Ma soprattutto sono qui per aiutare i Red Devils. Sento di poterlo fare È prezioso anche fuori dal campo ed è bello. Anche questo è apprezzato”.

“Non è il mio ruolo dirigere fuori dal campo. Ho la sensazione di capire i ragazzi. Non sono un papà di calcio, ma sono stato anche nella loro posizione. Cerco di insegnare ai difensori quello che vorrei anche io loro da fare.” E ciò che è noto.

READ  LIVE: Seraing fa regali al Gent: fulmineo fino allo 0-3 | Jupiler Pro League 2022/2023

Non abbiamo sfruttato le nostre occasioni, ma abbiamo ancora due partite per sistemare le cose.

Jan Vertonghen

“Siamo rimasti molto sconvolti dalla sconfitta e non ce lo aspettavamo. All’Europeo contro l’Italia siamo stati battuti senza alcuna possibilità, ieri non pensavo proprio che avessimo tutte le possibilità di segnare E poi fa ancora più male quando pensi di aver segnato. Due gol e anche il pareggio non è stato male”.

Vertonghen è in forma?

“Mi sento pronto per giocare. Ho completato quattro allenamenti di gruppo completi e ho potuto lavorare individualmente. Questo è stato principalmente per precauzione dopo una piccola battuta d’arresto. Mi sento pronto”.

Cosa dice Vertonghen sulla sconfitta dei Red Devils? Seguitelo adesso.

Conferenza stampa alle 12:30

Jan Vertonghen parlerà alla stampa alle 12.30. Ha una spiegazione per la sconfitta dei Red Devils?

Le telecamere si spengono. Il tecnico della Nazionale Domenico Tedesco proseguirà gli allenamenti, ma alla stampa non sarà più concessa alcuna sbirciatina.

È ora di fare una pausa per un drink

Un contatto con la palla è la missione

De Ketelaere e Lukebakio ricevono alcune istruzioni durante le prove. Tutto deve essere fatto in una volta.

De Ketelaere e De Cuyper tengono per un attimo la palla alta

Jan Vertonghen in fase di riscaldamento

Ci sono 12 giocatori in campo, compresi i portieri Matz Sels e Tomasz Kaminski, ma non cercate Axel Witsel. Il difensore dell’Atletico Madrid sta lavorando intensamente in palestra.

Theate e Vertonghen si scaldano

Non si lasciano mai l’uno accanto all’altro. I difensori Jan Vertonghen e Arthur Thiati si riscaldano insieme a bordo campo. Sono fuori da un mese e mezzo a causa di infortuni, ma sembrano in forma. Avranno una chance contro la Romania sabato?

Al nucleo centrale è stato permesso di restare a letto un po’ più a lungo. Sostituti Bakayoko, Tielemans, Lobacchio e Obinda in campo. Si inizia con alcuni esercizi di dribbling.

Al campo di allenamento sono venuti anche Youri Tielemans e Dodi Lukabakio, subentrati contro la Slovacchia. Loïs Openda chiacchiera con Matz Sels.

Charles De Ketelaere fu il primo ad avventurarsi all’estero. Tiene la palla alta per un attimo e presto viene raggiunto da Maxime De Cuyper.

Gli irrigatori rendono attualmente impossibile l’accesso al campo di allenamento di Freiberg. Resta da vedere chi giocheranno i Red Devils questa mattina. I giocatori che hanno giocato contro la Slovacchia probabilmente si riposeranno un po’.

Ore 10.30 allenamenti aperti

Tutti sono benvenuti all’allenamento dei Red Devils questa mattina alle 10:30. Seguirà la conferenza stampa quotidiana alle 12.30.